La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Caimano

..............................
ARTICOLI CORRELATI




23/03/2006
Il Caimano: più di Berlusconi poté il berlusconismo


Nanni Moretti 26/03/2006
La vittoria del Caimano


Verdone vs. Moretti 28/03/2006
Box Office - Verdone vs. Moretti


28/03/2006
Il Caimano: istruzioni per l’uso


04/04/2006
Lotta italiana al botteghino


07/04/2006
David di Donatello - Le nomination


11/04/2006
Spike Lee rapina il botteghino
20/04/2006
Due film italiani in concorso a Cannes


21/05/2006
Il Caimano è un film che ci fa vedere dentro di noi


22/05/2006
Cannes - Intervista a nanni Moretti

..............................

Il Caimano

(Il Caimano)

Film del: 2006     Genere: Drammatico
Durata: 112 minuti   Uscito al cinema il: 24/03/2006   



Trama:

Un produttore cinematografico in difficoltà, accetta di produrre il film di una esordiente che racconta la verità su Berlusconi. Riuscirà a girarne solo una sequenza.



Vota il film!

Voto medio: 7,12

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Caimano

Siamo tristi, infelici e inermi perché segnati per tutta la vita da decenni fatti di Berlusconi o ci siamo fatti dominare da Berlusconi perché tristi e infelici? La vera domanda del Caimano sembra essere questa e non perché nessuno fa un film su Berlusconi, come racconta il film. Lo sguardo dell’undicesimo film di Nanni Moretti, il primo (se si eccettua il documentario La cosa) in cui egli non sia anche tra gli attori protagonisti, è più concentrato sui risvolti della vita privata del personaggio principale, il produttore Silvio Orlando che si ritrova a fare suo malgrado un film su Berlusconi, che non sulle ragioni che rendono un film su Berlusconi oggettivamente assai complicato - oltre che, forse, inutile.

Per queste ragioni l’atteso film “su” Berlusconi di Nanni Moretti, sembra essere più un film sulla rabbia impotente (quante volte Silvio Orlando urla fino alla raucedine), sull’avanzato stato di decomposizione del cinema italiano (alla fine, gli riuscirà solo di girare il finale del film, senza il film) e soprattutto sulla solitudine: si può rendere le armi agli affetti, separandosi da una compagna (Margherita Buy) con la quale le cose non vanno più, ma non si può smettere di sognare la famiglia e trepidare per i figli, anche di fronte ad una pizza a domicilio consumata da soli nella stanza di un residence.

E’, in ogni caso, la parte più viva del Caimano, quella senza Berlusconi. E’ anche quella in cui Moretti fa appello al suo talento riconosciuto i cui ingredienti sono: lo humour cinefilo (alcuni finti rifacimenti del trash italiano degli anni ’70), il grottesco della produzione di un film (come in Sogni d’oro), la tenera crudeltà della propria immunodeficienza sentimentale. Nella divertente amarezza di immaginare cosa potrebbe succedere se qualcuno proponesse davvero alla Rai o allo star system di fare un film su Berlusconi, il film può contare anche sulle più succose prestazioni d’attore, come quella di Michele Placido, che tratteggia con ammirevole autoironia il suo personaggio d’attore famoso che prima accetta e poi rifiuta la parte del miliardario narcisista e prepotente.

Ma quando il film su Berlusconi parla e racconta proprio di Berlusconi, non c’è niente da fare: dice meno di quello che già sappiamo per averlo vissuto già. Nessuno è mai riuscito a dimostrare l’origine delle immense ricchezze che gli hanno consentito di diventare imprenditore edile prima e televisivo dopo, nessun paese ha mai dovuto affrontare l’imbarazzo di un premier che accusa un collega europeo di essere un kapo’ nel parlamento di Strasburgo, nessun presidente del consiglio di nessuna nazione è mai andato in un aula di tribunale a rimproverare i giudici di aver osato indagare su di lui. E’ un film assurdo e non c’è modo di parlarne in un vero film senza rendere il film succube della realtà. Il caimano è anche il bollettino rassegnato di una sconfitta.

Nel finale, l’unica parte del film della giovane regista Jasmine Trinka, che venga davvero girata, Moretti ricompare come nei suoi film a indossare direttamente i panni del premier in tribunale, poco prima che la sua condanna generi scontri di massa, sassate ai giudici e infine molotov. La smaniosa disperazione del protagonista cede il posto alla cianotica teatralizzazione del potere, l’arte di riprovarci all’infinito (con i figli, con il cinema, con la banca) nonostante il fallimento è soppiantata dalla spettrale tenuta del caimano: le sue apparizioni fanno fuori anche la rabbia, il desiderio d’affetto e l’eleganza dell’ironia del cinema di Moretti.

(Mario Sesti)



Cast

Silvio Orlando   Silvio Orlando
(49 anni circa in questo film)

... Bruno

Margherita Buy   Margherita Buy
(44 anni circa in questo film)

... Paola / Aidra

Jasmine Trinca   Jasmine Trinca

... Teresa

Elio De Capitani   Elio De Capitani

... Silvio Berlusconi

Anna Bonaiuto   Anna Bonaiuto
(56 anni circa in questo film)

... Pubblico Ministero

Michele Placido   Michele Placido
(60 anni circa in questo film)

... Marco Pulci

Nanni Moretti   Nanni Moretti
(53 anni circa in questo film)

... Silvio Berlusconi

Toni Bertorelli   Toni Bertorelli

... Indro Montanelli

Valerio Mastandrea   Valerio Mastandrea
(34 anni circa in questo film)

... finanziere

Matteo Garrone   Matteo Garrone
(38 anni circa in questo film)

... direttore della fotografia

Paolo Sorrentino   Paolo Sorrentino
(36 anni circa in questo film)

... marito di Aidra

Giuliano Montaldo   Giuliano Montaldo
(76 anni circa in questo film)

... anziano regista

    Antonello Grimaldi
(51 anni circa in questo film)

... direttore di produzione

Cecilia Dazzi   Cecilia Dazzi

... Luisa

    Sofia Vigliar

... baby sitter

Paolo Virzì   Paolo Virzì
(42 anni circa in questo film)

... dirigente maoista

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Nanni Moretti

Sceneggiatura

 

Nanni Moretti / Francesco Piccolo / Federica Pontremoli

Fotografia:

 

Arnaldo Catinari

Colonna Sonora

 

Franco Piersanti

Produzione:

 

Sacher Film

Distribuzione:

 

Sacher

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................