La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Profumo - Storia di un Assassinio

Profumo - Storia di un Assassinio

(Perfume: The Story of a Murderer)

Film del: 2006     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 147 minuti   Uscito al cinema il: 22/09/2006   


...un film estremamente complesso, costruito con una grandissima prolusione di sforzi registici e scenografici...


Trama:

L'incredibile storia di Grenouille che nella parigi del '700 diventa un serial killer alla ricerca del "profumo dei profumi", quello che obbliga ad amare.



Vota il film!

Voto medio: 5,86

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Profumo - Storia di un Assassinio

Ci sono dei film la cui genesi è semplice e lineare; un’idea, una sceneggiatura, un regista e qualche interprete.

L’origine di Profumo è molto più complessa ed elaborata. La storia è tratta dal più grande best-seller tedesco di tutti i tempi, secondo solamente all’ormai mitico “Niente di nuovo sul fronte occidentale”, di Remarque. Pubblicato nel 1985, il suo autore, Patrick Suskind ne ha rifiutato per oltre quindici anni la cessione dei diritti cinematografici. Solo nel 2001, dietro le richieste insistenti di un caro amico, Bernd Eichinger, il grande carrozzone produttivo si è potuto mettere in moto. Uno sforzo notevole, sia a livello di costi (Profumo è uno dei film che sono più costati negli ultimi 10 anni in Germania), sia a livello di script, dato che il romanzo prevedeva lunghissime parti descrittive a fronte di una parte di dialogo estremamente scarna. Alla guida del progetto, dietro la macchina da presa, è stato chiamato Tom Tykwer, i cui due lavori precedenti, Lola corre ed Heaven, hanno diviso critica e pubblico. Ne è nato un film estremamente complesso, costruito con una grandissima prolusione di sforzi registici e scenografici, assemblando un cast che vede, in parti affatto secondarie, attori del calibro di Dustin Hoffman e Alan Rickman.

Tykwer riesce nelle prime, dolorose, sequenze a restituire sullo schermo le sensazioni del piccolo protagonista, Jean-Baptiste Grenouille, che nel sudiciume dei bassifondi di Parigi, riceve in dono dalla nascita il portentoso dono di poter percepire tutti gli odori del creato. Le prime sequenze, dunque, vivono di un contrasto visivo, ricco di immagini anche dure, che riescono a far percepire allo spettatore quell’assembramento di sensazioni che sono proprie del protagonista. Il regista riesce così abilmente a sostituire gli odori con le immagini, creando una misurata frenesia che cattura lo sguardo. Con il crescere del protagonista, e l’entrata in scena del suo maestro, il profumiere italiano Giuseppe Baldini (Hoffman), la storia, appesantita da una voce narrante che forse, a parte la fase introduttiva, sarebbe stata da evitare, assume una fase di stanca, perdendo quella capacità di restituire le sensazioni complesse di Grenouille con le immagini, per rifugiarsi nell’enfasi e nel melodramma. Non facilita questo fastidioso impatto di discontinuità la personalità del profumiere Hoffman, così pittoresca da essere decisiva nel far perdere tutta quella tensione accumulatasi nelle prime, sincopate, battute iniziali.

Sicura abilità di sceneggiatura e del regista, è quella di riuscire spesso ad invertire il punto di vista della storia. Si passa dal considerare Grenouille il fulcro vivido dell’azione, a, soprattutto nella seconda metà, entrando in scena Alan Rickman, mero comprimario, antagonista di una vicenda a cui comunque è necessario come espediente narrativo. Tutto questo fino al gran finale, magnificente e bizzarro, incredibile e stordente, che in due sequenze esplicita quel senso dell’eccesso, quel seme di follia che tutto il film lasciava intravedere tra le immagini.

Profumo è, in sintesi, l’ambiziosissimo progetto di portare nel cinema sonoro un film muto, che ruota attorno a un personaggio che fa di un senso minore, quello dell’olfatto, la sua principale porta di comunicazione con la realtà. Tentativo coraggioso, anche se mostra le corde a più riprese.

(Pietro Salvatori)



Cast

Ben Whishaw   Ben Whishaw
(26 anni circa in questo film)

... Jean-Baptiste Grenouille

Alan Rickman   Alan Rickman
(60 anni circa in questo film)

... Antoine

Dustin Hoffman   Dustin Hoffman
(69 anni circa in questo film)

... Guiseppe Baldini

    Rachel Hurd-Wood
(16 anni circa in questo film)

... Laura

    David Calder
(60 anni circa in questo film)

... vescovo di Grasse

    Richard Felix

... capo magistrato

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Spagna / Germania

Regia

 

Tom Tykwer

Sceneggiatura

 

Tom Tykwer / Patrick Süskind / Andrew Birkin / Bernd Eichinger

Fotografia:

 

Frank Griebe

Colonna Sonora

 

Tom Tykwer / Johnny Klimek / Reinhold Heil

Produzione:

 

Constantin Film Produktion / Castelao Producciones / VIP 4 Medienfonds / Nouvelles Éditions de Films

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................