La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Silent Hill

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




11/07/2006
Box Office 0 - Mondiali 1


17/07/2006
Box Office targato UIP per questo torrido luglio


25/07/2006
Box Office in depressione estiva


31/07/2006
Silent Hill, il videogame che fa bene al cinema

..............................

Silent Hill

(Silent Hill)

Film del: 2006     Genere: Horror / Thriller / Videogame
Durata: 127 minuti   Uscito al cinema il: 07/07/2006   


Opera inquietante ed affascinante allo stesso tempo che cala di tono solo in qualche dialogo


Trama:

La piccola Sharon continua ad avere strane incubi ed a nominare di notte il nome Silent Hill, piccolo paese della West Virginia. Rose, la madre, dopo che i dottori le hanno consigliato di internarla decide di prendere la piccola e portarla proprio a Silent Hill e così cercare di curarla. Ma la cittadina nasconde qualcosa di poco gradevole...



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Silent Hill

“Il fuoco non purifica, annerisce”, questa è una delle frasi chiave pronunciata da uno dei fantasmi di Silent Hill, film diretto dal francese Cristophe Gans.

Tratto dal videogioco della Konami, il film riprende le stesse atmosfere gotiche e raccapriccianti del suo alter ego interattivo, grazie soprattutto al suo creatore, Akira Yamaoka, che ne è il produttore esecutivo e ha seguito tutto il progetto sin dall’inizio.

Appassionato sin da giovane di fumetti, tanto da seguire addirittura la traduzione del cult-comic “RanXerox”, di Liberatore, dall’italiano al francese, il cineasta Cristophe Gans è stata la scelta giusta per dirigere la trasposizione cinematografica del gioco. Specializzato in film di kung fu e samurai Gans si è fatto notare al grande pubblico con Crying Freeman, tratto da un manga giapponese, per poi confermare la sua abilità nel dirigere "action movie" con Il Patto dei Lupi.

“Il fuoco non purifica, annerisce”, perché in Silent Hill tutto è oscuro, nero d’odio. La piccola città fantasma della West Virginia è un posto malefico, pieno di figure orribili, sporche di rabbia e dolore che aspettano solo soddisfazione, vendetta, forse redenzione.

Ma per Gans, in Silent Hill, la redenzione non è lo scopo principale dei personaggi, il cineasta vorrebbe dare un'altra chiave di lettura, più complicata e sotterranea, cercando di staccarsi dai soliti canoni del cinema horror.

In questo allontanamento dal genere classico lo aiuta lo sceneggiatore Roger Avary (fido braccio destro di Quentin Tarantino), maestro nel soverchiare le regole del gioco. Grazie al suo indomito talento visivo ed alla sua cultura cinematografica, il cineasta francese riesce così a dirigere un film di genere di ampie vedute, carico di mostri deformati e senza braccia, streghe maledette, bambine diaboliche, super poliziotte stile Russ Meyer, scarafaggi urlanti, leader dell’oscurità violenti e senza pietà, fino ad approdare ad un finale omaggio al Tetsuo di Shinya Tsukamoto.

Silent Hill è uno di quei film nei quali le eroine sono macchiate di sangue dall’inizio alla fine e gli eroi (maschi) lasciati a casa impotenti, dove la vera fede è annerita dal fuoco dell’inferno e l’unica vera necessità è quella di tornare a casa sani e salvi. Opera inquietante ed affascinante allo stesso tempo che cala di tono solo in qualche dialogo (necessario sì, a stemperare il clima troppo orrorifico, ma che in alcuni casi cade nel ridicolo), Silent Hill rianima un genere che sembrava ancorato ormai da tempo allo stereotipo formato da satanassi biforcuti e case stregate. Altra conferma del fatto che la chiave per un buon film dipenda esclusivamente dalla sensibilità del regista.

(Marco Massaccesi)



Curiosità:

Il cellulare di Chris è un Sony Ericsson Z600.

Per le parti di molte creature sono state usate delle ballerini, la cui flessuosità ha permesso di creare qul moto instabile che si vede nel film.



FILM CORRELATI:

  • (2012) Silent Hill: Revelation 3D

  • Cast

    Deborah Kara Unger   Deborah Kara Unger
    (40 anni circa in questo film)

    ... Dahlia Gillespie

    Kim Coates   Kim Coates

    ... Thomas Gucci

    Laurie Holden   Laurie Holden
    (34 anni circa in questo film)

    ... Cybil Bennet

    Radha Mitchell   Radha Mitchell
    (33 anni circa in questo film)

    ... Rose

    Sean Bean   Sean Bean
    (47 anni circa in questo film)

    ... Christopher

    Dati Tecnici

    Nazione

     

    Giappone / USA / Francia / Canada

    Regia

     

    Christophe Gans

    Sceneggiatura

     

    Roger Avary

    Fotografia:

     

    Dan Laustsen

    Colonna Sonora

     

    Jeff Danna

    Produzione:

     

    Davis-Films / TriStar Pictures / Konami Corporation / Silent Hill

    Distribuzione:

     

    Eagle Pictures

    ...............................................
    GALLERIA FOTOGRAFICA
    ...............................................





    ..............................

    scrivi la tua opinione

    ..............................