La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Syriana

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
PREMI


oscar
Oscar 2006

George Clooney   miglior attore n.p.

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




13/12/2005
Ancora Harry al botteghino


17/01/2006
I Golden Globe


28/02/2006
Più che "notte" è un weekend prima degli esami


05/03/2006
Eccoli, gli Oscar


07/03/2006
Inarrestabile la Notte Prima degli Esami
29/05/2006
Syriana la Warner rifiuta accusa di plagio

..............................

Syriana

(Syriana)

Film del: 2005     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 126 minuti   Uscito al cinema il: 24/02/2006   


Che tutto sia dominato dall’intreccio di petrolio-guerra-fondamentalismo-dittatura, può apparire troppo sommario per essere vero – ma il film è una vibrante testimonianza di quanto possa essere convincente


Trama:

Ispirato all'autobiografia di un ex agente della CIA,intreccia più vicende (quella di un principe arabo con ambizioni democratiche, di un magnate americano senza scrupoli, di un giovane consulente economico al servizio di un paese arabo, di un agente segreto americano) in un affresco spionistico internazionale planetario.



Vota il film!

Voto medio: 6,44

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Syriana

La nota più diffusa nelle recensioni americane e internazionali a Syriana, è quella che sottolinea la difficoltà dell’intreccio: qualcuno, facendo lo spiritoso, ha scritto che non si capisce neanche perché si chiami così. In questa spy story dove petrolieri americani manovrano poteri istituzionali e servizi segreti che a loro volta manipolano potenti petrolieri arabi e alterano i destini del governo di quelle nazioni, la storia, che segue quattro tracciati di personaggi diversi, è un esclusivo rompicapo dove lo spettatore deve ordinare e raccogliere le informazioni e gli indizi, senza distrarsi.

Il fatto è che il talento di Stephen Gaghan, sceneggiatore di Traffic, fattosi le ossa nella nuova televisione paradocumentaristica delle fiction degli anni 90 (come “NYPD”), sta nell’immergere la più radicale complessità nella più familiare realtà: anche gli agenti segreti devono affrontare dei figli ribelli che li disprezzano, i principi arabi hanno conflitti edipici monumentali come quelli di qualunque occidentale e non c’è consulente finanziario, che alla fine opti per la scelta più giusta – anche se inutile – che non si senta totalmente impotente di fronte ad un evento devastante come la morte di un figlio. Cosa importa se lo spettatore non capisce tutti i meccanismi dell’intreccio spionistico che rimbalza tra Washington e il Golfo, come accade esattamente al personaggio di Gorge Clooney?

Stanco e apparentemente rassegnato, il suo agente segreto, che sembra erede dei personaggi di Le carrè, è costretto a gesti di atroce eroismo, come assistere allo strappo delle unghie – è la scena durante la quale si è ferito alla spina dorsale – proprio mentre qualcuno, nell’Agenzia, lo fa fuori dallo scacchiere internazionale. Il suo spione sovrappeso e malcurato è l’immagine più trasparente dell’Occidente, lotta contro il terrorismo nel disgusto di quel potere che dovrebbe difendere. Forse il teorema che tutto sia dominato dall’intreccio di petrolio-guerra-fondamentalismo-dittatura, può apparire troppo efficace per essere vero, ma il film è una vibrante testimonianza di quanto possa essere convincente.

Syriana mostra questa catena nei dettagli più remoti (la trasformazione di esuli arabi in kamikaze) e in quelli più risaputi (le colazioni tra potenti e politici all’ombra del senato americano). Per questo ha splendidi “cattivi” (Cristopher Plummer, più di tutti) e “buoni” che dovranno pur essere da qualche parte (Matt Damon), ma soprattutto, a dispetto dei suoi detrattori, ha un movimento di morte e intimità, esplosioni e sussurri, manipolazioni religiose e condizionamenti economici, che somiglia alla verità di un pianeta rassegnato, violento, disperato e iniquo, più di qualsiasi comprensibile drammaturgia.

(Mario Sesti)



Curiosità:

Clooney ha aumentato il suo peso di circa 17 chili per questo ruolo, ma ha rifiutato di radersi i capelli per paura che non ricrescessero bianchi.

Michelle Monaghan appariva in una sottotrama, ma in fase di taglio è stata competamente rimossa a causa dell'eccessiva lunghezza del film (esattamente come le era accaduto in Constantine).

Greta Scacchi è la moglie di Bob Barnes, ma nella versione finale non appare mai.



Cast

George Clooney   George Clooney
(44 anni circa in questo film)

... Bob Barnes

Alexander Siddig   Alexander Siddig
(40 anni circa in questo film)

... principe Nasir Al-Subaai

Matt Damon   Matt Damon
(35 anni circa in questo film)

... Bryan Woodman

Jeffrey Wright   Jeffrey Wright
(40 anni circa in questo film)

... Bennett Holiday

Chris Cooper   Chris Cooper
(54 anni circa in questo film)

... Jimmy Pope

Christopher Plummer   Christopher Plummer
(78 anni circa in questo film)

... Dean Whiting

Amanda Peet   Amanda Peet
(33 anni circa in questo film)

... Julie Woodman

William Hurt   William Hurt
(55 anni circa in questo film)

... Stan

    Robert Foxworth
(64 anni circa in questo film)

... Tommy Barton

    Peter Gerety
(65 anni circa in questo film)

... Leland Janus

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Stephen Gaghan

Sceneggiatura

 

Stephen Gaghan / Robert Baer

Fotografia:

 

Robert Elswit

Colonna Sonora

 

Alexandre Desplat

Produzione:

 

Warner Bros / MID Foundation / Section Eight

Distribuzione:

 

Warner Bros

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................