La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Flightplan - Mistero in Volo

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




26/09/2005
Biglietto d'oro per Tim Burton


10/10/2005
Botteghino esorcizzato dalla Sony


03/11/2005
Le regole di sopravvivenza di Jodie Foster - Un'incontro con la protagonista di Flightplan


04/11/2005
Le uscite del fine settimana. Il mistero di mamma Jodie.


08/11/2005
Weekend vincente per Jodie

..............................

Flightplan - Mistero in Volo

(Flightplan)

Film del: 2005     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 98 minuti   Uscito al cinema il: 04/11/2005   


una visione a metà, divisa tra un regista che ha un certo grado di talento ed una sceneggiatura alla quale mancano degli elementi necessari per inchiodare lo spettatore alla sedia


Trama:

La figlia di Kyle sparisce durante un volo aereo e nessuno ricorda di averla mai vista. Kyle sta impazzendo o c'è qualcosa sotto?



Vota il film!

Voto medio: 5,29

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Flightplan - Mistero in Volo

Negli anni settanta il cinema tedesco era freddo, spiazzante, altamente politico sia nei contenuti che nell'etica. Quei registi che hanno fatto storia ormai sono parte di un altro capitolo cinematografico, qualcuno è morto, altri risultano anacronistici ed altri ancora sono migrati negli stati uniti, continuando forse quel discorso che avevano cominciato in patria su altri livelli, forse più ampio, perdendo però di quella spinta creativa che lo caratterizzava.

Dopo anni di silenzio nei quali lo specchio della società tedesca veniva riflessa attraverso una serie di prodotti televisivi alquanto scadenti, un nuovo cinema sta facendo capolino. “Nuovo”, forse è una parola azzardata, adatta però a definire una composizione creativa ormai ispirata a modelli molto distanti da quelli degli anni settanta. I modelli sui quali si basano questi nuovi prodotti sono, comunque, quelli d'oltreoceano. Il genere del thriller, il fantasy, l'horror, sono ormai i parametri usati per misurare la società.

Il regista Berlinese Robert Schwentke aveva già dimostrato con Tattoo di volersi affidare a questi schemi da spettacolo mozzafiato per esporre il proprio punto di vista e, così come gli altri, dopo queste prime prove, anche lui tenta una sorta di migrazione verso il cinema mainstream americano.

Flightplan, diventa così, una sorta di prova per vedere se le sue doti sono alla pari degli altri colleghi americani, che di questo genere sono i principali portabandiera.

Eroina della vicenda è ormai l'icona cinematografica Jodie Foster, che, in un luogo altamente claustrofobico come un aeroplano sospeso a 11.000 metri d'altezza, perde la sua bambina e della quale nessuno si ricorda, come se lei non l'avesse mai avuta con sé sin dall'imbarco. Luoghi, atmosfera e star di turno sono più che giusti per ambientare un thriller così anomalo ed accattivante. Anche l'estro creativo di Schwentke si fa notare, soprattutto in alcune scene usate come chiavi narrative importanti per le varie fasi del racconto.

L'elemento, però, che manca per equilibrare il tutto è quello del realismo. Realismo inteso come arma per catturare lo spettatore. Uno spunto così complesso come quello adottato dal regista ha bisogno di basi solide di sceneggiatura e se non ci sono quelle basi (cosa ormai frequente quando si affronta questo genere), bisogna prendere per mano lo spettatore e parlare il suo stesso linguaggio, e quello che si affronta quando si vede un film del genere, è la paura.

Questo elemento, purtroppo, per una serie di calcoli sbagliati, manca totalmente, ovvero si vede la Foster preoccupata per il destino della sua bambina, le sue gambe fanno 'giacomo giacomo' per il terrore, ma allo spettatore sembra non importare più di tanto proprio perché si aspetta già l'inghippo, cioè non riesce a sorprendersi perchè non viene preso per mano.

Questo ed altri elementi politically correct fanno del film una visione a metà, divisa tra un regista che ha un certo grado di talento ed una sceneggiatura alla quale mancano degli elementi necessari per inchiodare lo spettatore alla sedia, e che Scwentke non è riuscito a rafforzare. Il thriller, questa volta, non è servito allo scopo.

(Marco Massaccesi)



Cast

Assaf Cohen   Assaf Cohen

... Ahmed

Erika Christensen   Erika Christensen
(23 anni circa in questo film)

... Fiona

Jodie Foster   Jodie Foster
(43 anni circa in questo film)

... Kyle

Kate Beahan   Kate Beahan

... Stephanie

Michael Irby   Michael Irby

... Obaid

Peter Sarsgaard   Peter Sarsgaard
(34 anni circa in questo film)

... Carson

Sean Bean   Sean Bean
(46 anni circa in questo film)

... capitano Rich

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Robert Schwentke

Sceneggiatura

 

Peter A. Dowling / Billy Ray

Fotografia:

 

Florian Ballhaus

Colonna Sonora

 

James Horner

Produzione:

 

Touchstone Pictures / Imagine Entertainment

Distribuzione:

 

Buena Vista

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................