La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Musikanten

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Orizzonti

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/09/2005
L'obiettivo sui registi

..............................

Musikanten

(Musikanten)

Film del: 2005     Genere: Biografico
Durata: 92 minuti   Uscito al cinema il: 03/03/2006   


Il pubblico di Venezia non gradisce, ma il regista non sventola bandiera bianca. Disposto al sacrificio come un cinghiale bianco, in cerca di un’altra prospettiva oltre alla Nievskj, dalla quale osservare il mondo, sempre in cerca di quel centro di gravità permanente, ma con la consapevolezza poi, di potere e dovere cambiare idea sulle cose, sulla gente, anche se gli orizzonti sembrano perduti e non ritorneranno mai.


Trama:

Il film mette in scena gli ultimi due anni della vita del compositore Ludwig van Beethoven, visti da una prospettiva insolita.



Vota il film!

Voto medio: 3,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Musikanten

Con tre movimenti il musicista Franco Battiato presenta il suo secondo film, scritto a quattro mani con il suo inseparabile amico Sgalambro. Non vuole seguire una trama, non intende banalizzare i propri contenuti, parte da una idea per un nuovo programma televisivo per descrivere i due personaggi che vorrebbero realizzarlo.

L’idea è quella di raccontare storie di uomini straordinari, degni di più attenzione, alla ricerca di un pubblico diverso, non lobotomizzato. Le considerazioni dei personaggi sullo squallore dei comportamenti degli attuali governanti che sbattono i pugni sul tavolo, invece di servire i pasti al popolo che dirigono, impongono a passare ad altro, ad elevare maggiormente il discorso.

Antonio Rezza su sedia a rotelle si fa trascinare di qua e di là per non sentirsi né lì ne qua. Con un cameo forse degno di una replica regala sorrisi, distende i pensieri, prepara il seguito.

Nel secondo siamo nell’ottocento, presso Ludwig Van Bethoven, interpretato dal regista Alexandro Jodorowsky, alle prese con la sua crescente sordità, con la sua abitudine a comporre pancia a terra su un pianoforte senza gambe. Il musicista senza collocazione spazio temporale viene rappresentato in alcune delle sue più o meno note manifestazioni di estrosa genialità, di rigore e sacrificio, di immensa capacità di cogliere la voce di Dio che si esprime attraverso la musica.

Battiato come nelle sue canzoni, cita personaggi, studi, pensieri, artisti, uomini e atti degni di attenzione. Chiede a chi si imbatte nella sua ricerca artistica di non perdere mai di vista l’ignoto, ciò che potrebbe rivelarsi calzante tra mille anni, ciò che oggi è questo e domani sarà altro.

Rotola Bethoven prima di morire, riguadagnando quel contatto con la terra caro al regista, dopo aver scacciato un critico che si permette di considerare degna la musica di un disonorevole Don Giovanni di Mozart.

La regressione nel tempo cessa con la morte del compositore. Si torna ai giorni nostri, o forse al futuro. Cinque nazioni, tra le quali anche l’Italia, hanno fondato il nuovo Partito Democratico Mondiale, basato sul potere e le sue più evidenti manifestazioni. Come Orwel il regista ci tiene a saltare nel futuro per svegliare i presenti.

Il pubblico di Venezia non gradisce, ma il regista non sventola bandiera bianca. Disposto al sacrificio come un cinghiale bianco, in cerca di un’altra prospettiva oltre alla Nievskj, dalla quale osservare il mondo, sempre in cerca di quel centro di gravità permanente, ma con la consapevolezza poi, di potere e dovere cambiare idea sulle cose, sulla gente, anche se gli orizzonti sembrano perduti e non ritorneranno mai.

(Andrea Monti)



Cast

Alejandro Jodorowsky   Alejandro Jodorowsky
(76 anni circa in questo film)

... Ludwig van Beethoven

Sonia Bergamasco   Sonia Bergamasco
(39 anni circa in questo film)

... Marta Codevilla

Fabrizio Gifuni   Fabrizio Gifuni
(39 anni circa in questo film)

... Nicola Matteis

Michela Cescon   Michela Cescon
(34 anni circa in questo film)

... moglie di Nicola

Chiara Muti   Chiara Muti

... Contessa

Chiara Conti   Chiara Conti
(31 anni circa in questo film)

... Bettina Brentano

    Antonio Rezza

... se stesso

Lucia Sardo   Lucia Sardo

... se stessa

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Franco Battiato

Sceneggiatura

 

Franco Battiato / Manlio Sgalambro

Fotografia:

 

Daniele Baldacci

Colonna Sonora

 

Franco Battiato

Produzione:

 

Rai Cinema

Distribuzione:

 

indipendente

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................