La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Petit Lieutenant

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Giornate degli Autori

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




10/09/2005
Venezia 62 - Tutti i premi

..............................

Le Petit Lieutenant

(Le Petit Lieutenant)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 111 minuti   


Un efficace approccio laico ad una giustizia che stenta a dimostrare la sua sacralità.


Trama:

Antoine si diploma all’accademia di polizia e si trasferisce a Parigi con l’intento di dare il suo contributo alla lotta contro il crimine. Il capitano Vaudieu lo prende sotto la sua protezione. Antoine si ambienta facilmente nella sua squadra di detective. Poi una tragedia sopraggiunge e Vaudieu deve combattere i ricordi che era solita affogare nell’alcool. La vendetta non basta.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Petit Lieutenant

Una trama non troppo articolata lascia spazio alla realtà di personaggi che ogni giorno hanno a che fare con il crimine, le minacce, il pericolo, la morte violenta. I loro sogni di gloria riguardano la carcerazione di un pezzo grosso, la soddisfazione di sentirsi presenti al momento giusto per salvare o preservare la giustizia.

Xavier Beauvois gira il suo quarto film a Parigi, mettendo al centro della sua storia un giovane poliziotto di provincia, Jalil Lespert, ed un navigato capitano ex alcolista, Nathalie Baye.

Riunioni di alcolisti, considerazioni sull'essere un magrebino a rappresentare la legge, la cruda realtà di un'autopsia, il quotidiano scorrere del tempo in un commissariato credibile.

La morte di un vecchio rapinato e buttato nel fiume apre una pista da seguire. La squadra anticrimine è sulle tracce di un russo. Il protagonista sente che la sua vocazione di poliziotto può essere assecondata solo in una grande città, dove succede sempre qualcosa.

Le indagini prendono la giusta direzione, i personaggi dimostrano qualità umane e oscillazioni nei confronti dei vizi, bisogno di evasione attraverso droghe leggere, alcool, debolezze dalle quali un distintivo non rende immune.

La tragedia è nell’aria e arriva senza troppo clamore, improvvisa. Il poliziotto di belle speranze lotta tra la vita e la morte, il capitano torna a bere. Tutta la sua squadra subisce la differenza tra i drammi che quotidianamente è costretta ad affrontare e la vicenda personale del proprio collega, che impone più passione, più dinamicità, più disponibilità, più bisogno di fare giustizia.

Le indagini portano ad un battesimo, seguito subito dopo dalla morte del giovane poliziotto e conseguente funerale. L´appostamento finale senza americanismi conduce all’epilogo di morte, inflitta dalla protagonista all’assassino del suo ultimo protetto.

Il colpevole ha tentato di scappare ed è stato legittimamente fermato. Il primo piano che vede la protagonista con gli occhi lucidi sul bagnasciuga è però denso della tristezza di una giustizia che non appaga, di una morte che non restituisce nulla, di una vita disperata alla ricerca di umanità.

L’indagine, nell’esistenza e nei cuori di uomini che decidono di tutelare la legge mettendo a rischio la propria vita, è efficace quando gli effetti drammatici del crimine vengono analizzati attraverso le cause dei disperati portati a delinquere.

C’è, nel film vincitore a Venezia della sezione Giornate degli Autori, l´onestà indispensabile per presentare la realtà di chi non sempre è buono solo perché indossa una divisa, onesto perché mostra un distintivo, immune al giudizio solo perché rappresentante della legge. Un efficace approccio laico ad una giustizia che stenta a dimostrare la sua sacralità.

(Andrea Monti)



Cast

Antoine Chappey   Antoine Chappey

... Mallet

Jacques Perrin   Jacques Perrin
(64 anni circa in questo film)

... Clermont

Jalil Lespert   Jalil Lespert

... Antoine Derou?re

Nathalie Baye   Nathalie Baye
(57 anni circa in questo film)

... Caroline Vaudieu

    Roschdy Zem
(40 anni circa in questo film)

... Solo

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia

Regia

 

Xavier Beauvois

Sceneggiatura

 

Xavier Beauvois

Fotografia:

 

Caroline Champetier

Produzione:

 

Why Not Productions

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................