La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

13 - Tzameti

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Giornate degli Autori

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




31/08/2005
Un noir da incubo apre le Giornate degli Autori


10/09/2005
Venezia 62 - Tutti i premi

..............................

13 - Tzameti

(Tzameti)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 86 minuti   Uscito al cinema il: 30/06/2006   


Vedrete facce di criminali incalliti e andati a male come non se ne vedevano dai tempi di Melville.


Trama:

Il giovane Sébastian ha deciso di seguire le istruzioni destinate a qualcun altro, senza sapere dove lo porteranno. Un'altra cosa che non sa è che Gérard Dorez, un ambiguo poliziotto, lo sta pedinando. Quando giunge a destinazione, Sébastien precipita in un mondo degenerato e clandestino, nascosto da porte dietro le quali alcuni uomini scommettono sulla vita di altri uomini.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: 13 - Tzameti

Ci sono film fatti di facce, e a volte sono tra i più belli. Il cinema italiano degli anni '40 è fatto di facce, i film dell'Europa dell'est degli anni '50, pure.

Forse, per questo, il film, diretto da un autore che ha un padre regista georgiano , è fatto, almeno nella prima parte, di sguardi piantati in volti che sono un frastuono di rughe come in certi fumetti d'autore. Il suo film, 13, che ha aperto a Venzia le "Giornate degli autori", la sezione nata nel 2004 dalla collaborazione dell'associazione degli autori e quella dei produttori indipendenti, innanzitutto dispone della incredibile faccia del giovane protagonista, un immigrato russo in Francia che, aggiustando un tetto, viene a conoscenza di un "colpo" che sembrerebbe promettere una fortuna di cui sembra aver bisogno almeno quanto la madre e il fratello che conducono la più tipica delle vite da extracomunitari in un paese benestante. E' una faccia che esprime allo stesso tempo sorpresa e terrore, angoscia e stordimento, già da prima che, impadronitosi fortunosamente di un indirizzo ed un appuntamento, un biglietto di treno ed una prenotazione in un hotel, si ritrovi nel peggiore degli incubi. Si dice sempre così, esagerando, anche nella vita, non solo nel cinema. Ma se vedrete il film - è davvero impossibile anticipare la sorpresa - vi renderete conto che non si tratta di una metafora.

Vedrete anche facce di criminali incalliti e andati a male come non se ne vedevano dai tempi di Melville e un crescendo finale dalla tensione a tratti insostenibile: 13 è completamente imbevuto di quel clima di disincanto, sogno di riscatto, fregatura mortale e violenza imminente che da anni chiamiamo noir. Gela Babluani, il regista, è cresciuto tra i disordini della guerra civile della Georgia post comunista, ha studiato in Francia e per il suo primo lungometraggio sceglie la storia di un immigrato del suo paese che, sempre in Francia, credendo di essersi fortunosamente impadronito di qualcosa come un biglietto vincente, si ritrova invece a dover partecipare ad un campionato di morte filmato in un bianco e nero scabro e glaciale. Babluani ha 26 anni e questo film è da non perdere.

Le facce su cui la vita sembra aver giocato troppo duro nell'inizio, non sono che un preludio di un torneo di disperazione e autodistruzione del clou del film: uno spettacolo di morte e urla, una danza di assasini catatonici che mettono in scena la propra e l'altrui morte per una manciata di sguardi sadici e avidi. Un'arena di angoscia buia e stanca, un labirinto di paura e rapacità che fanno di quest'opera prima un titolo da sottolineare con energia sul proprio taccuino.

(Mario Sesti)



Cast

    Augustin Lengrand

... Jos

Aurélien Recoing   Aurélien Recoing
(47 anni circa in questo film)

... giocatore n? 6

    Fred Ulysse

... Alain

George Babluani   George Babluani

... S?bastien

Pascal Bongard   Pascal Bongard

... arbitro

    Philippe Passon

... Jean Fran?ois Godon

    Vania Villers

... Sig. Shlondorff

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Georgia

Regia

 

Géla Babluani

Sceneggiatura

 

Géla Babluani

Produzione:

 

Les films de la Strada

Distribuzione:

 

Teodora Films

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................