La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

I Fratelli Grimm e l'Incantevole Strega

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film in concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/09/2005
Terry ed i suoi fratelli


04/09/2005
L'obiettivo sui registi

..............................

I Fratelli Grimm e l'Incantevole Strega

(The Brothers Grimm)

Film del: 2005     Genere: Avventura / Commedia / Costume / Fantastico / Horror
Durata: 120 minuti   Uscito al cinema il: 11/11/2005   


Un po’ Harry Potter, un po’ Shreck, il regista di piccoli capolavori come Brazil o La Leggenda del re pescatore, dà il suo meglio nel tratteggio dei personaggi che finisce per essere la cartina di tornasole del sotteso messaggio dell’opera.


Trama:

I fratelli Grimm non sono altro che una coppia di imbrogloni che spaccia false magie in giro per l'Europa, finché non finiscono in una vera foresta magica con tanto di strega.



Vota il film!

Voto medio: 5,86

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: I Fratelli Grimm e l'Incantevole Strega

“E tutti vissero felici e contenti”

Non poteva che concludersi così il film di Terry Gilliam presentato in concorso alla 62° Mostra del Cinema di Venezia.

The Brothers Grimm (I Fratelli Grimm e l’incantevole strega sarà il titolo italiano – forse per dar risalto alla presenza della Bellucci nel ruolo, per l’appunto, dell’incantevole) non è altri, in effetti, che una fiaba ambientata in un Paese che dovrebbe ricordare la Germania, occupata dalle farsesche truppe napoleoniche che ricordano molto l’esercito di carte da gioco di Alice nel paese delle meraviglie. In questi territori fotografati con luce diafana - gli interni invece rifulgono di calda luce – i due fratelli autori di fiabe si arricchiscono alle spese del popolino credulone al quale si spacciano come cacciatori di streghe e mostri che altro non sono, invece, che arditi macchinari ingegnosamente creati dai fratelli imbroglioni ed attivati da abili compari.

Un po’ Harry Potter, un po’ Shreck, il regista di piccoli capolavori come Brazil o La Leggenda del re pescatore, dà il suo meglio nel tratteggio dei personaggi le cui caratteristiche finiscono per essere la cartina di tornasole del sotteso messaggio dell’opera. I due fratelli (Jacob e Wilhelm) rispettivamente interpretati da Heath Ledger e Matt Damon, incarnano, infatti, la dicotomia tra favola e realtà.

Wilhelm è concreto ed incarna l’anima positivista (peraltro esportata dai francesi in tutta l’Europa di fine XVIII secolo), Jacob è invece il sognatore, astratto e chimerico, unico disposto a credere all’esistenza di un mondo favoloso.

Il contrasto tra questi due concetti permea tutto il film fino al finale dove solo chi crede (vedi Peter Pan, tanto per intenderci) riuscirà nell’impresa di salvare baracca e burattini.

Il film, però, pur se innervato dall’esigenza di conferire sostanza ideologica all’opera, si mantiene ben saldo all’interno del solco sicuro dell’avventura condita da un po’ di mistero ed una spruzzatina di horror. E l’accennato paragone con la fortuna della saga del maghetto inventato dalla Rowling, non apparirà forzato quando vedrete gli ottimi effetti speciali (ma ormai sempre così uguali tra di loro...).

E così, in nome della necessità di piacere a tutti a tutti i costi, il regista inglese sacrifica in parte quella sua capacità tutta personale di colorare le sue opere con bizzarria e stravaganza .

Eccentricità che ritroviamo – magnifica e prorompente – nel personaggio di Cavaldi (bravissimo lo svedese Peter Stormare nel ruolo), a dimostrazione della bravura di Gilliam nel dirigere i suoi attori: Damon, Ledger, il fido Jonathan Pryce ed anche la Bellucci.

L’incantevole Monica, in un ruolo ambiguo ed affascinante, bellissima nello specchio, ributtevole al di qua dell’ingannevole confine.
E’ l’emblema del film quando il suo personaggio recita: “la realtà è molto più terribile della finzione”.

(Daniele Sesti)



Curiosità:

La lavorazione fu bloccata nel giugno 2004 fino ai primi del 2005 per alcuni problemi sul set. Nel frattempo Gilliam ha girato Tideland.

I fratelli Weinstein hanno preso il progetto quando la MGM decise di chiudere il budget e mollare tutto in corso di lavorazione ed hanno posto il veto sulla co-protagonista Samantha Morton. Bob Weinstein ha personalmente licenziato il direttore della fotografia Nicola Pecorini.



Cast

Heath Ledger   Heath Ledger
(26 anni circa in questo film)

... Jacob Grimm

Jonathan Pryce   Jonathan Pryce
(58 anni circa in questo film)

... Dellatombe

Lena Headey   Lena Headey
(32 anni circa in questo film)

... Angelica

Matt Damon   Matt Damon
(35 anni circa in questo film)

... Wilhelm Grimm

Monica Bellucci   Monica Bellucci
(36 anni circa in questo film)

... strega dello specchio

Peter Stormare   Peter Stormare
(52 anni circa in questo film)

... Cavaldi

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Terry Gilliam

Sceneggiatura

 

Ehren Kruger

Fotografia:

 

Newton Thomas Sigel

Colonna Sonora

 

Dario Marianelli

Produzione:

 

Dimension Films / Miramax / Mosaic Media Group

Distribuzione:

 

Buena Vista

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................