La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Verso il Sud

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film in concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




07/09/2005
Il viaggio di Cantet verso il Sud del mondo


19/06/2006
Quando anche il sesso bollente diventa una faccenda tutta coloniale

..............................

Verso il Sud

(Vers le sud)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 105 minuti   Uscito al cinema il: 16/06/2006   


Il cinema di Laurent Cantet è un cinema senza pietà. Nulla concede al compiacimento estetico, neanche quando gira su un’isola come Haiti.


Trama:

Sesso e coscienza politica di tre signore americane conquistate da un giovane nativo nella Haiti della dittatura.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Verso il Sud

“Ha avuto la sfortuna di essere bella e povera in questo Paese”.
E’ la frase che una madre di Haiti rivolge ad un proprietario di un albergo affinchè prenda la figlia con sé sperando di evitarle un futuro da prostituta e da sfruttata.

Il cinema di Laurent Cantet è un cinema senza pietà. Nulla concede al compiacimento estetico, neanche quando gira su un’isola come Haiti (paradiso dei turisti, spiagge da sogno, palme, fondali da favola, lettini su cui sorbirsi bevande degne degli dei dell’Olimpo), neanche quando la natura – e non un occhialuto tecnico degli effetti speciali - gli mette a disposizione albe sfavillanti e tramonti rosso fuoco.

La sua narrazione incede come la requisitoria di un pubblico ministero il quale non nutre dubbi circa i risultati della sua istruttoria. Non ci sono cartoline ma lucide diapositive che epongono i fatti di un delitto vecchio quanto l’uomo. Il delitto di essere ricchi in un mondo pieno di poveri.

“Si tratta di un piccolo gruppo di persone molto ricche in grado di comprare qualsiasi cosa, persone o oggetti, e di altre pronte a vendere l’unica cosa che possiedono, la loro giovinezza e il loro corpo”.
E’ Dany Laferrière che parla, l’autore dei tre racconti ai quali Cantet si è ispirato per girare Vers le Sud. Racconti scritti sotto forma di confessione che il regista in parte espone nei monologhi che tre donne, recatesi ad Haiti in cerca di avventure sessuali, ripropongono in brevi ed asciutti soliloqui durante i quali, con un lentissimo movimento della macchina che stringe sull’attore, vengono raccontate le motivazioni che portano queste ricche signore nelle isole dei mari del Sud.

Ma c’è qualcosa di più. C’è un luogo geografico, il Sud, simbolo dell’eterno sfruttamento. Perenne territorio di conquista (“I bianchi erano per noi come animali. Ed i bianchi erano gli americani. Sono venuti sulla nostra terra e l’hanno sporcata per sempre”), terra dove “non si può uscire dai ranghi” per non rischiare di compromettere quel precario equilibrio fondato sulla paura e la sottomissione. Uscire dai ranghi, ad esempio invitare un ragazzo nero a cena al ristorante dell’abergo, o, addirittura, innamorarsi di lui, significa dare un calcio al piano su cui quei giovani ballano una rumba disperata. E che qualcuno si faccia male è un rischio inevitabile.

Le tre donne (Brenda, Ellen e Sue) interpretate da Karen Young, Charlotte Rampling e Louise Portal, metabolizzeranno in maniere differenti i fatti occorsi in quei giorni di vacanza. Chi rimanendo nelle proprie concrete certezze, chi abbandonandosi ancor più in quelle tenere blandizie, chi decidendo di conoscere davvero le realtà di quel Sud da sempre vagheggiato come il Paradiso in Terra.

(Daniele Sesti)



Cast

Charlotte Rampling   Charlotte Rampling
(60 anni circa in questo film)

... Brenda

Karen Young   Karen Young
(47 anni circa in questo film)

... Ellen

Louise Portal   Louise Portal
(54 anni circa in questo film)

... Sue

    Lys Ambroise

... Albert

    Ménothy Cesar

... Legba

Dati Tecnici

Nazione

 

Francia / Canada

Regia

 

Laurent Cantet

Sceneggiatura

 

Laurent Cantet / Robin Campillo / Dany Laferrière

Fotografia:

 

Pierre Milon

Produzione:

 

Haut et Court

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................