La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Fatalista

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film in concorso

..............................



Il Fatalista

(O Fatalista)

Film del: 2005     Genere: Commedia / Grottesco
Durata: 99 minuti   



Trama:

Allegoria filosofico-politica dell’oggi nella rilettura moderna del settecentesco Jacques il fatalista di Diderot.



Vota il film!

Voto medio: 4,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Fatalista

Joao Botelho, regista portoghese, mette in scena con Il Fatalista , un adattamento tratto da “Jacques, le fatalist” del filosofo illuminista Denis Diderot.

Il film, stravagante e per certi versi surreale, si snoda durante un viaggio – non si sa per dove e per quanto – durante il quale Tiago l’autista racconta della sua educazione sentimentale. Lungo il percorso avranno modo di fermarsi in diversi alberghi dove a loro volta raccoglieranno le storie dei loro ospiti.

“Tutto il bene o il male che accade quaggiù, è scritto lassù.” Questa è la frase preferita da Tiago e sulla quale si imperniano le sue esperienze.

Il regista utilizza l’espediente del racconto da parte del protagonista e come in una sorta di Decamerone ci descrive avventure “di sesso di potere e di lotta di classe”, come leggiamo nell’elegante pressbook regalato ai giornalisti.

Frase francamente altisonante non tanto per le storie che si raccontano quanto per l’assoluta inadeguatezza del film a far trarre daqueste dei messaggi di così ampio respiro.

Il tentativo, infatti, di realizzare con quest’opera una favola filosofeggiante – intento che presumiamo fosse quello di Diderot – è svilito da un modo di girare privo di qualsiasi enfasi.

Il ritmo placido e dimesso non aiuta la visione ed aggrava la già statica recitazione degli attori restituendoci un prodoto di scarsa rilevanza. Solo qualche momento ironico – e il finale del racconto della padrona del ristorante – ci dona degli attimi di interesse.

Tematiche come condizioni e convenzioni sociali, rapporto padrone servo, scambio dei ruoli e delle relative prerogative e privilegi; un finale da commedia dell’arte che apre allo spettatore la scelta di tre possibili conclusioni: troppa carne al fuoco che lo stomaco del pubblico riesce a digerire con fatica.

Consigliato ai collezionisti di chincaglierie.

(Daniele Sesti)



Cast

    André Gomes

... Patrao

Rita Blanco   Rita Blanco
(42 anni circa in questo film)

... Signora D

Rogério Samora   Rogério Samora
(47 anni circa in questo film)

... Tiago

Dati Tecnici

Regia

 

João Botelho

Produzione:

 

Madragoa Films

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................