La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Seconda Notte di Nozze

..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film in concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




22/11/2005
Melissa P. in testa agli incassi


15/01/2006
Nastri d'argento 2006. Trionfo di nominations per Romanzo criminale

..............................

La Seconda Notte di Nozze

(La Seconda Notte di Nozze)

Film del: 2005     Genere: Commedia
Durata: 103 minuti   Uscito al cinema il: 11/11/2005   


Cinema dei buoni sentimenti e delle buone maniere, personaggi ingenui che sembrano nati ieri, uno stile narrativo che predilige la storia allo specifico filmico


Trama:

Italia anni '50. Rimasta vedova e in difficoltà economiche, Liliana è costretta ad abbandonare Bologna insieme al figlio Nino, che scopre per caso l'esistenza di un ricco zio in Puglia e convince la madre a traslocare da lui.



Vota il film!

Voto medio: 5,62

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Seconda Notte di Nozze

Con La seconda notte di nozze, presentato in concorso alla 62° mostra del cinema di Venezia, Pupi Avati non si discosta dai clichet delle sue opere precedenti.
Cinema dei buoni sentimenti e delle buone maniere, personaggi ingenui che sembrano nati ieri, uno stile narrativo che predilige la storia allo specifico filmico: tutti elementi ai quali Avati non abdica neanche quando la presenza ad una mostra del cinema fortemente connotata dall’elemento contenutistico e di denuncia avrebbe fatto presupporre una diversa scelta di campo.

Avati è e rimane un delizioso narratore, su questo non vi è ombra di dubbio. Il suo iter narrativo, caratterizzato da uno stile piano e scorrevole non si concede iperboli o sussulti, incede placido nella successione degli eventi contraddistinto da un montaggio tutto teso al dipanamento degli eventi in un rigoroso ordine cronologico. Il che, se può apparire noioso e scontato, per raccontare la storia dell’ennesima disillusione amorosa di un “semplice” è probabilmente la forma più adeguata.

Il “semplice” è Giordano, interpretato da Antonio Albanese, da sempre innamorato di Liliana (Katia Ricciarelli) sposa del fratello poi morto durante la seconda guerra mondiale. Quando lei si ripresenterà presso la masseria del cognato assieme al figlio Nino (Neri Marcorè), Giordano, nonostante l’avversione della famiglia rappresentata dalle zie (Angela Luce e Marisa Merlini) le rinnoverà le sue profferte d’amore chiedendole di sposarlo.

Il film, infiocchettato con eleganza dal regista bolognese, crolla se se ne approfondisce l’analisi.
I personaggi sono o scontati e prevedibili (quanti “semplici” ed ingenui popolano i film d Avati?) o gratuiti (l’attricetta romana che parla sboccatamente sembra un modo per riempire una sceneggiatura lacunosa) o poco credibili (perché Liliana si concede ad un bruto macellaio di Bologna per un piatto di tagliatelle scotte e non al mite e gentile cognato che le consegna invece una ricca masseria pugliese?). La risposta sta forse in una sorta di misoginia o, addirittura, scarsa considerazione del genere femminile? Non mi permetto di addentrarmi in un analisi psicoanalitica dell’autore certo è che i personaggi femminili di questo film non ne escono con una figura lusinghiera.

Ed anzi, a guardare bene, l’unico personaggio da salvare è proprio quello di Giordano al quale Albanese presta tutta la sua fisicità e la svagata espressività di cui è capace. Gli altri attori rimangono nel ristretto limbo delle loro scarse qualità. La Ricciarelli ha il fisique giusto per il suo personaggio, ma solo quello. Neri Marcorè non aumenta il ventaglio –ristretto- delle sue espressioni e risulta inadeguato per un personaggio smaliziato e furbetto come quello che interpreta.

Infine, una domanda: come è possibile che in Puglia – dove è ambientato la maggior parte dell’opera – si sentono parlare molti dialetti della penisola tranne che il pugliese?

(Daniele Sesti)



Cast

Angela Luce   Angela Luce
(67 anni circa in questo film)

... Suntina Ricci

Antonio Albanese   Antonio Albanese
(41 anni circa in questo film)

... Giordano Ricci

Katia Ricciarelli   Katia Ricciarelli
(59 anni circa in questo film)

... Lilliana Vespero

Marisa Merlini   Marisa Merlini
(82 anni circa in questo film)

... Eugenia Ricci

Neri Marcoré   Neri Marcoré
(39 anni circa in questo film)

... Nino Ricci

    Toni Santagata
(65 anni circa in questo film)

... Ugo di Dante

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Pupi Avati

Sceneggiatura

 

Pupi Avati

Fotografia:

 

Pasquale Rachini

Produzione:

 

Duea Film / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................