La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Bestia nel Cuore

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film in concorso

..............................



..............................
PREMI


festival di venezia
Festival di Venezia 2005

Giovanna Mezzogiorno   Coppa Volpi miglior attrice

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




13/09/2005
Al Box Office post-Venezia targato Madagascar


20/09/2005
Fantastici incassi


05/10/2005
La Bestia nel Cuore - Intervista a Cristina Comencini


05/10/2005
La Bestia nel Cuore - Intervista con gli attori
22/12/2005
Un altro film escluso dagli Oscar


15/01/2006
Nastri d'argento 2006. Trionfo di nominations per Romanzo criminale
31/01/2006
La bestia nel cuore in gara per l'Oscar


01/02/2006
Le nomination agli Oscar

..............................

La Bestia nel Cuore

(La Bestia nel Cuore)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 112 minuti   Uscito al cinema il: 08/09/2005   


Tratto dall’omonimo romanzo della regista, questo film racconta infatti una storia intensa, forte, dai colori cupi, rappresentata il più delle volte attraverso una dimensione onirica ed allucinatoria.


Trama:

Sabina, doppiatrice cinematografica, è sposata con Franco, attore in cerca di ruoli migliori. Quando scopre di aspettare un figlio si prende del tempo per riflettere sul suo passato: scoprirà un atroce segreto rimosso.



Vota il film!

Voto medio: 7,22

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Bestia nel Cuore

«Non è un film realistico, ma psichico». E’ così che Cristina Comencini, autrice de La Bestia nel Cuore, film in corsa alla 62a Mostra Internazionale Cinematografica di Venezia, definisce la propria opera.
Tratto dall’omonimo romanzo della regista, questo film racconta infatti una storia intensa, forte, dai colori cupi, rappresentata il più delle volte attraverso una dimensione onirica ed allucinatoria. Sì, perchè se da un lato la drammaticità dell’esperienza vissuta dai due fratelli protagonisti sarebbe già di per sé sufficiente a rendere la narrazione decisamente toccante, gli elementi tecnici utilizzati (dalla scenografia di Paola Comencini al suono di Bruno Pupparo passando per il montaggio di Cecilia Zanuso) contribuiscono alla creazione di un pathos ancora più coinvolgente: basti pensare a come si è realizzato tecnicamente l’orribile sogno della protagonista.

Parte del merito della riuscita di questo film va però anche all’ottima interpretazione di ogni singolo attore: la Mezzogiorno, in primis, conferma ancora una volta la sua grande professionalità dando una bella prova di sè. Al suo personaggio, Sabina, ha dato, infatti, un notevole spessore rendendo perfettamente tutta l’angoscia e la disperazione di questa donna che, pian piano, inizia a ricordare la sua terribile infanzia e ad esserne letteralmente straziata. Stesso discorso vale per il fratello di Sabina, interpretato da un eccellente (come sempre!) Lo Cascio che argutamente nota come «l’evento accaduto a Daniele determina talmente tante conseguenze nella formazione dell’identità di una persona che non si può capire effettivamente cosa succede»; ma l’attore riesce ugualmente a calarsi in questo personaggio così oscuro ed enigmatico, raggiungendo altissimi toni di intensità durante la sequenza in cui la notte di Capodanno egli rivela tutto l’accaduto alla sorella.
Per Battiston, la Finocchiaro e, in parte, la Rocca (pur avendo tutti, assieme a Boni, un personaggio legato a doppio filo alla vicenda della protagonista ma che compie un proprio percorso all’interno della narrazione) c’è poi anche il compito di “alleggerire” un po’ il dramma enorme raccontato da questo film regalando allo spettatore qualche boccata di aria fresca con un tocco di simpatia e di (auto)ironia.

La Bestia nel Cuore, girato in diverse zone dell’Italia e all’estero (dall’Americaa Roma, al Salento), è dunque un film completo perché può vantare una storia importante, finalmente degna di essere raccontata, un cast meraviglioso, una regia impeccabile (del resto non poteva essere altrimenti vista la genesi del lavoro) e di una colonna sonora, composta orchestrata e diretta da Franco Piersanti, che lo dota di una rara forza suggestiva e commovente.
Si spera vivamente che, dopo la lunga astinenza dal Leone d’Oro che dura dal 1998, questa volta sia giunta di nuovo l’ora per un film italiano.

(Laura Spina)



Cast

Alessio Boni   Alessio Boni
(39 anni circa in questo film)

... Franco

Angela Finocchiaro   Angela Finocchiaro
(50 anni circa in questo film)

... Maria

Giovanna Mezzogiorno   Giovanna Mezzogiorno
(31 anni circa in questo film)

... Sabina

Giuseppe Battiston   Giuseppe Battiston
(37 anni circa in questo film)

... regista

Luigi Lo Cascio   Luigi Lo Cascio
(38 anni circa in questo film)

... Daniele

Stefania Rocca   Stefania Rocca
(34 anni circa in questo film)

... Emilia

Valerio Binasco   Valerio Binasco

... il padre

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Cristina Comencini

Sceneggiatura

 

Cristina Comencini

Fotografia:

 

Fabio Cianchetti

Colonna Sonora

 

Franco Piersanti

Produzione:

 

Cattleya / Rai Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................