La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Factotum

..............................
ARTICOLI CORRELATI




12/07/2005
Karlovy Vary. Matt Dillon:chi ha detto che Charles Bukowski era uno sporcaccione?


29/03/2006
Intervista a Matt Dillon e Bent Hamer


10/05/2007
Il Bello in Tv: Gilda, Alice e tutti gli altri

..............................

Factotum

(Factotum)

Film del: 2005     Genere: Biografico / Drammatico
Durata: 94 minuti   Uscito al cinema il: 31/03/2006   


Matt Dillon, inalterato e bellissimo, consegna al cinema un poeta maturo perché letto nella maturità


Trama:

Henry Chinaski vive a Los Angeles e passa da un lavoro all’altro, da un licenziamento all’altro. Il suo unico sogno sarebbe non dover lavorare per potersi dedicare pienamente alle sole cose che gli interessano: sedurre le donne, bere fino a perdersi, giocare ai cavalli e soprattutto scrivere storie che nessuno si sogna di pubblicare.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Factotum

Dopo l’ordinaria follia di Ferreri (Storie di Ordinaria Follia) e dopo le pene d’amore perdute di Barbet Schroeder (Barfly – Moscone da Bar), il regista norvegese Bent Hamer, porta sullo schermo la terza riduzione cinematografica di Chinaski, alter ego dello scrittore americano dagli accenti teutonici, Charles Bukowski.

Il film di Hamer, interpretato da Matt Dillon, trova curiosamente la sua forza nel suo limite, la sua profondità nel suo stare in superficie: se da una parte il film manca quasi totalmente del realismo sporco diffuso nella letteratura di Bukowski, dall’altra, quell’assenza favorisce una lettura dello scrittore e della sua opera alta e altra. La regia di Hamer e l’interpretazione di Dillon privilegiano l’uomo al mito che sollevano dalla oscenità, dagli eccessi e dalla disperazione con cui da sempre e unicamente si confronta il mondo di Bukowski; quell’universo etilico e sproporzionato col quale si identificano i giovani lettori e dentro il quale, da generazioni, scivolano inebriati da una scrittura accelerata e accessibile, feroce e corrosiva.

Ma leggere Bukowski vent’anni dopo i venti, quando è più facile governare una sbornia, fosse solo per l’esperienza e per il lungo training, può rivelarsi stupefacente. E allora il Chinaski di Matt Dillon, pur non smettendo di esprimere uno sboccato lirismo e tutto lo squallore di una vita marginale minata dagli eccessi, si fa portatore (quasi sano) di un malinconico romanticismo che trascende la trasgressione. A cominciare dal corpo dell’attore che il regista non vuole appesantito, disfatto, trasformato.

Matt Dillon, inalterato e bellissimo, consegna al cinema un poeta maturo perché letto nella maturità. La sua performance, rallentata dall’alcol e dal suo abuso, suggerisce le emozioni di Chinaski, restituisce le suggestioni di Bukowski senza mai imitare il primo, senza mai riprodurre il secondo. Dietro l’idiosincrasia covata per la middle-class a cui appartiene per nascita e dietro alla metodica inclinazione all’autodistruzione del Chinaski di Matt Dillon si cela un uomo solidale con chi ‘brinda’ a un’assunzione o a un licenziamento.

E poi ci sono le donne, sfiorite e appassionate, a cui ogni notte fa ritorno senza mai riuscire a centrare il suo lato del letto. Dall’altro lato ci sono Marisa Tomei, amante intensa e occasionale, e Lili Taylor, compagna di sesso e di libagione. Con la vampira “dipendente” di Abel Ferrara, il “drugstore cowboy” condivide il momento più lirico del film: il risveglio della coppia la mattina dopo una sbornia colossale, quando testa e stomaco dichiarano guerra. La sequenza travolge la normalità rovesciandone le logiche, anche quelle dell’amore e il rigettare degli amanti diventa espressione di un’intimità più sacra di un amplesso.

(Marzia Gandolfi)



Curiosità:

Il testamento di Bukowski: “Ti ho dato tante di quelle occasioni che avresti dovuto portarmi via parecchio tempo fa. Vorrei essere sepolto vicino all’ippodromo per sentire la volta sulla dirittura d’arrivo.”



Cast

Matt Dillon   Matt Dillon
(41 anni circa in questo film)

... Henry Chinaski

Marisa Tomei   Marisa Tomei
(41 anni circa in questo film)

... Laura

Lili Taylor   Lili Taylor
(38 anni circa in questo film)

... Jan

Fisher Stevens   Fisher Stevens
(42 anni circa in questo film)

... Manny

Didier Flamand   Didier Flamand
(58 anni circa in questo film)

... Pierre

Adrienne Shelly   Adrienne Shelly

... Jerry

Karen Young   Karen Young
(47 anni circa in questo film)

... Grace

    Tony Lyons

... Tony Endicott

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Norvegia / Germania

Regia

 

Bent Hamer

Sceneggiatura

 

Bent Hamer / Charles Bukowski / Bent Hamer / Jim Stark

Fotografia:

 

John Christian Rosenlund

Colonna Sonora

 

Kristin Asbjornsen

Produzione:

 

Canal+ / MBP / Celluloid Dreams

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................