La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Nata per Vincere

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




23/08/2005
Settimana di uscite in formato remake

..............................

Nata per Vincere

(Raise Your Voice)

Film del: 2004     Genere: Commedia / Musicale / Romantico
Durata: 103 minuti   Uscito al cinema il: 19/08/2005   


Quanto serve iscriversi ad una scuola di musica per diventare grandi cantanti, o meglio, per fare un buon film?


Trama:

Terri Fletcher ha un sogno: vuole cantare. Il padre le tarpa le ali, e dopo la morte del fratello in circostanze tragiche, Terri decide di abbandonare le sue speranze. Ma la musica è più forte di tutto e la ragazza decide di partire comunque per Los Angeles dove la attende il prestigioso “Bristol Hillman Conservatory”. Tutto questo ad insaputa del padre.



Vota il film!

Voto medio: 3,75

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Nata per Vincere

Ora che tutto è “globalizzato”, ogni volta che capita di assistere ad un film come Nata per vincere, sembra sempre di vedere una puntata di “Saranno famosi” della De Filippi. Tutto questo perché non è più ad appannaggio degli Stati Uniti la storia, vista quattro milioni di volte, della ragazzina che canta come un “usignolo” ma che deve scontrarsi col suo diventare grande che è sempre così difficile. Dopo che abbiamo visto che tutti possono diventare famosi, almeno per venti secondi, partecipando a tutta quella robaccia che passa in televisione, che sembra realtà ma realtà non è, sembra quasi inutile continuare a fare film che ci “donano” la realizzazione di un sogno: diventare famosi.

Oggi che la brama di “apparire” è completamente soddisfatta dalla televisone, questo cinema qua sembra per l’appunto fatto per la televisione, tipo quei film che passano il sabato pomeriggio su Canale 5 e che sfido chiunque a reggere per almeno mezz’ora.
Nella preistoria degli anni settanta almeno avevamo Saranno famosi, il film di Alan Parker e poi i telefilm, che ci facevano vivere un sogno che sapevamo benissimo essere sogno e basta, e l’unico contatto che tutto questo aveva con la realtà erano delle trasmissioni tristissime con nomi improbabili tipo “La grande occasione”, dove dei ragazzi vestiti come uova di pasqua “realizzavano” il loro sogno massacrando qualche classico della canzone italiana. Tutto questo per dire che nel 2005 film come quello diretto da Sean Mc Namara, sono abbastanza inutili, sia perché visti già fino alla nausea, sia perché non hanno un senso.

Ma d’altra parte chi l’ha detto che il cinema debba per forza essere utile? E’ giusto che possa essere soltanto un puro spettacolo ma, per carità, almeno fatto decentemente. Nata per vincere è un film brutto, con dei cattivi attori e fatto male, per non parlare della storia. Per chi non lo sapesse Hilary Duff, l’interprete principale, è una che ha venduto quasi cinque milioni di copie del suo album di debutto, solo negli Stati Uniti. Il fatto che un cantante passi dalla sala di registrazione al teatro di posa non è detto che debba essere per forza un qualcosa di positivo. Persino Elvis che vendeva milioni di copie e sicuramente e stato uno dei più grandi di sempre, quando approdò al cinema non fece delle cose memorabili. Eppure anche il più brutto film di Elvis in confronto a Nata per vincere sembra Quarto potere.

Ma vogliamo parlare della caratterizzazione dei personaggi? La ragazza di buona famiglia con il padre reazionario; la ragazza di colore che, essendo povera, ha fatto mille sacrifici per iscriversi alla scuola; la disadattata che non parla con nessuno ma quando ha un pianoforte sotto le mani diventa Glenn Gould; il nerd scemo che, indovina un po’, è un genio del computer; ed infine uno che sembra Danny Amatullo senza la verve di Danny Amatullo. Ma quante volte li abbiamo visti questi personaggi? Troppe volte, e quasi sempre tratteggiati meglio.

Una cosa buona però ce l’ha questo film: ti fa venire voglia di rivedere quei vecchi film in cui Little Tony faceva sempre il marmittone e Gianni Morandi si innamorava sempre di quella sbagliata. Senza pretese.

(Renato Massaccesi)



Curiosità:

La rock band che Terry va a vedere con il fratello sono i Three Days Grace che cantano "Are You Ready?".

Jason Ritter che nel film interpreta Paul, il fratello di Terri, è il figlio dell’indimenticato John Ritter, noto ai più per l’interpretazione di Jack Tripper nella nota serie di telefilm "Tre Cuori in Affitto".



Cast

Hilary Duff   Hilary Duff
(17 anni circa in questo film)

... Terri Fletcher

Jason Ritter   Jason Ritter
(24 anni circa in questo film)

... Paul Fletcher

Rebecca De Mornay   Rebecca De Mornay
(42 anni circa in questo film)

... Zia Nina

David Keith   David Keith
(50 anni circa in questo film)

... Simon Fletcher

John Corbett   John Corbett
(43 anni circa in questo film)

... Mr. Torvald

Oliver James   Oliver James
(24 anni circa in questo film)

... Jay Corgan

Dana Davis   Dana Davis

... Denise Gilmore

Johnny Lewis   Johnny Lewis

... Engelbert 'Kiwi' Wilson

Kat Dennings   Kat Dennings
(18 anni circa in questo film)

... Sloane

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Sean McNamara

Sceneggiatura

 

Mitch Rotter / Sam Schreiber

Fotografia:

 

John R. Leonetti

Colonna Sonora

 

Machine Head

Produzione:

 

Brookwell-McNamara Entertainment

Distribuzione:

 

Eagle Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................