La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Seven Swords

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
FESTIVAL

Festival di Venezia 2005
Film fuori Concorso

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




31/08/2005
Venezia 62: inizia una Mostra in ostaggio
31/08/2005
Le Sette Spade

..............................

Seven Swords

(Qi Jian)

Film del: 2005     Genere: Azione / Wuxia
Durata: 144 minuti   Uscito al cinema il: 02/09/2005   


Se l’incipit del film, che quasi ricorda Schindler’s List con il suo bianco e nero macchiato dal rosso della morte, farebbe presagire due ore di estasi per il palato del cinefilo, ci ritroviamo poi nelle paludi della consuetudine: lo spietato “cattivo” di turno minaccia il villaggio degli operosi contadini che si salveranno solo grazie all’intervento degli eroi. Un po’ di romanticismo a dare “spessore” al tutto ed un bel traditore per il necessario tocco di tragedia.


Trama:

Cina 1600. Un gruppo di mercenari trucida la popolazione di innocenti villaggi per intascare la taglia sui maestri di arti marziali, ma un gruppo di eroi tenterà di fermarli.



Vota il film!

Voto medio: 5,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Seven Swords

I Sette Samurai di Kurosawa prima e I Magnifici Sette di Sturges dopo, sono i padri putativi delle “Sette Spade” di oggi. Tsui Hark, già acclamato regista asiatico, produttore di John Woo e forse noto al grande pubblico mondiale per una delle sue opere minori, quel Double Team che vedeva protagonisti un Van Damme già imbolsito insieme a Dennis Rodman, allora astro della pallacanestro con velleità cinematografiche, apre questa nuova avventura veneziana con il suo multimilionario, almeno nei costi, Seven Swords.

Il “wuxia”, genere che, dopo la fiammata degli anni ottanta ingigantita dal fenomeno delle TV private, sembra aver trovato nuovo terreno fertile in occidente sospinto anche da torme di fans, si presenta qui in tutto il suo splendore cinematico, ma anche in tutti i suoi limiti narrativi.

La maestria di Hark nel girare le sequenze d’azione è incontestabile, come anche il suo gusto quasi leoniano per l’inquadratura. Rallentamenti ed accelerazioni repentine sospingono i protagonisti, una sorta di danzatori di morte, nelle mille evoluzioni coreografiche che sono la linfa del film. Una colonna sonora esuberante scandisce le loro epiche gesta, ma, purtroppo, è l’impalcatura delle motivazioni e dei dialoghi, che scricchiola ad ogni pie’ sospinto.

Se l’incipit del film, che quasi ricorda Schindler’s List con il suo bianco e nero macchiato dal rosso della morte, farebbe presagire due ore di estasi per il palato del cinofilo, ci ritroviamo poi nelle paludi della consuetudine: lo spietato “cattivo” di turno minaccia il villaggio degli operosi contadini che si salveranno solo grazie all’intervento degli eroi. Un po’ di romanticismo a dare “spessore” al tutto ed un bel traditore per il necessario tocco di tragedia.

Quello che in effetti manca nella storia, latita, purtroppo, anche nei personaggi. Gli eroi sono caratterizzati piu’ dalla foggia delle loro armi, che da personalità ben definite. Un maggior lavoro in questo senso, come anche qualche cenno in piu’ su questi portentosi oggetti di distruzione, non avrebbe guastato. Anche i “cattivi”, vera carne da macello, avrebbero potuto essere tratteggiati con maggior cura; ad eccezione della donna, gli altri sono tutti identici – oltre che con nomi improponibili – e senza un minimo di personalità. In ultimo il protagonista, Vento di Fuoco, la “teorica” malvagità in persona, risulta quasi simpatico nella sua grottesca follia.

Il successo di questa tipologia di prodotti nella patria d’origine è da ricercarsi soprattutto nel desiderio d’evasione da una pesante quotidianità dove anche la ripetizione di un tema fino allo spasimo non è assolutamente d’ostacolo, anzi. Non per nulla Hark si è ormai specializzato nella divisione in capitoli dei suoi film (economicamente vincente), sindrome da cui non è esente nemmeno questo Seven Swords il cui finale aperto non lascia molti dubbi in proposito.

(Valerio Salvi)



Cast

    Charlie Yeung
(31 anni circa in questo film)

... Wu Yuan Yin

Chia-Liang Liu   Chia-Liang Liu

... Fu Qing Ju

Donnie Yen   Donnie Yen
(42 anni circa in questo film)

... Chu Zhao Nan

    Duncan Lai
(27 anni circa in questo film)

... Mulang

Honglei Sun   Honglei Sun
(35 anni circa in questo film)

... Vento di fuoco

Jingchu Zhang   Jingchu Zhang
(25 anni circa in questo film)

... Liu Yufang

Leon Lai   Leon Lai
(39 anni circa in questo film)

... Yang Yun Chong

    Liwu Dai

... Xin Long Zi

Lu Yi   Lu Yi

... Han Zhi Ban

    Michael Wong
(40 anni circa in questo film)

... principe Dokado

So-yeon Kim   So-yeon Kim
(25 anni circa in questo film)

... Luzhu

Dati Tecnici

Nazione

 

Hong Kong / Cina / Corea del Sud

Regia

 

Tsui Hark

Sceneggiatura

 

Tsui Hark / Liang Yusheng

Fotografia:

 

Venus Keung

Colonna Sonora

 

Kenji Kawai

Produzione:

 

Film Workshop Ltd.

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................