La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

I Love Huckabees - Le Strane Coincidenze della Vita

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




02/06/2005
Le uscite del fine settimana: Dustin Hoffman in I Love Huckabees e il nuovo film di Gregg Araki Mysterious skin


22/06/2005
Isabelle Huppert: 'Siamo gli eredi di De Niro e Montgomery Clift'

..............................

I Love Huckabees - Le Strane Coincidenze della Vita

(I Heart Huckabees)

Film del: 2004     Genere: Commedia
Durata: 106 minuti   Uscito al cinema il: 03/06/2005   


Nei momenti migliori – pochi, come quello di un pranzo dominato da un conflitto dialettico folle e schizoide – sembra un film di Godard diretto da Blake Edwards. Nei momenti peggiori (molti) il contrario.


Trama:

Attivista ecologico in crisi incontra due "detective esistenziali", un pompiere esistenzialista, una manipolatrice francese e infine riesce a competere con un dirigente arrivista che vuole fargli le scarpe



Vota il film!

Voto medio: 5,75

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: I Love Huckabees - Le Strane Coincidenze della Vita

Tutte le cose sono uguali pur essendo diverse: è una verità con la quale si deve fare i conti nel momento in cui si diventa clienti di un paio di detective “esistenziali”, il cui scopo, se c’è n’è uno, è quello di scoprire qual è il significato delle coincidenze nella nostra vita. Soprattutto nel momento in cui essa ci sembra apparire, con ossessiva frequenza, con tutti i caratteri tipici di un’amara e orrenda realtà. E’ la stazione di partenza di Albert Markowski (Jason Schwartzman) nel film. La sua vita è altamente insoddisfacente, dominata dal caos, dal conflitto – a capo di un associazione che lotta per l’ecologia e l’equo sviluppo, si ritrova dentro il suo stesso ambiente un giovane imprenditore che lo vuole annientare e sostituire – e dalle incomprensibili ricorrenze: perché quell’uomo di colore incrocia la sua strada in tali differenti e irrelati luoghi in cui si trova a passare?

Minuzie, a confronto della quantità di chiacchiere cerebrali e assurdità costanti che il film propone a getto continuo allo spettatore. David O. Russell, che molti considerano insieme a Wes Anderson, Spike Jonze e Sofia Coppola, una delle personalità più originali tra quelle emerse nelle ultime stagioni del cinema americano, aveva già mostrato un polso inedito nel guidare a briglia sciolta un gruppo di sciammanati convinti di gestire un momento fondamentale della propria vita (in Amori e disastri) e con Three Kings aveva fatto vedere qualcosa di ancora meglio: una satira divertita e spietata dell’America di oggi, nella forma di una avventura bellica ambienta nella prima guera del golfo, ricca di azione e giochi visivi.

Lo stesso coktail, in I love Huckabees, produce risultati disarmanti. Dustin Hoffman e Lily Tomlin vomitano sciocchezze da guru intellettuali e psicoterapeuti eretici, senza il minimo ritegno ed un attimo di tregua. Jude Law sfodera il suo sorriso più cinico per buona parte del film, Naomi Watts sembra abbia ricevuto la richiesta esplicita di fare il proprio personaggio nella maniera più petulante possibile e il tutto prosegue allo stesso passo di maratona assurda e paradossale dalla prima inquadratura alla fine, anche quando arriva una sorniona Isabelle Huppert che non fa molto altro che spargere un po’ di voluttà e salutare in francese. L’ottusa determinazione del personaggio di Mark Wahlkberg, un pompiere più problematico di un militante di estrema sinistra, non migliora di certo la situazione.

C’è un’oscura satira dell’arte della manipolazione, della crisi recidiva di chi insegue a tutti i costi autostima e consenso, delle tecniche di sostegno e indagine di comportamento e soggettività delle forme di sapere avanzato dell’occidente. C’è, ma chissà dov’è davvero in questo film. Nei momenti migliori – pochi, come quello di un pranzo dominato da un conflitto dialettico folle e schizoide – sembra un film di Godard diretto da Blake Edwards. Nei momenti peggiori (molti) il contrario. Logorroico e monocorde il film sembra affetto dallo stesso stato borderline dei suoi personaggi. Ogni inquadratura, ogni scena, ripropone la stessa nevrotica, autistica, consapevolezza. Tutte le cose sembrano uguali, seppur diverse, per 107 spaventosi minuti.

(Mario Sesti)



Cast

Dustin Hoffman   Dustin Hoffman
(67 anni circa in questo film)

... Bernard

Isabelle Huppert   Isabelle Huppert
(51 anni circa in questo film)

... Caterine Vauban

Jason Schwartzman   Jason Schwartzman
(24 anni circa in questo film)

... Albert Markovski

Jude Law   Jude Law
(32 anni circa in questo film)

... Brad Stand

Lily Tomlin   Lily Tomlin
(65 anni circa in questo film)

... Vivian

Mark Wahlberg   Mark Wahlberg
(33 anni circa in questo film)

... Tommy Corn

Naomi Watts   Naomi Watts
(36 anni circa in questo film)

... Dawn Campbell

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Germania

Regia

 

David O. Russell

Sceneggiatura

 

David O. Russell / Jeff Baena

Fotografia:

 

Peter Deming

Colonna Sonora

 

Jon Brion

Produzione:

 

Fox Searchlight Pictures

Distribuzione:

 

20th Century Fox

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................