La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

La Guerra dei Mondi

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




21/06/2005
I visitatori: lassù qualcuno ci odia
22/06/2005
La guerra dei mondi - Contenuti speciali


06/07/2005
Steven, Orson (e anche Alfred): i furti di Spielberg ravvivano la magia del cinema


09/08/2005
Weekend horror, con redivivi e morti viventi


23/08/2005
Settimana di uscite in formato remake


15/02/2006
Caro Spielberg......ad majora !

..............................

La Guerra dei Mondi

(War of the Worlds)

Film del: 2005     Genere: Azione / Drammatico / Fantascienza
Durata: 116 minuti   Uscito al cinema il: 29/06/2005   


Questo, è forse il momento migliore dell’ultimo film di Spielberg ispirato al romanzo omonimo dell’inglese H.G. Wells, scritto nel 1898. La torma urlante, indistinta nella notte fredda battuta dalla neve, che si scaglia sulla macchina che Ray, perito meccanico, è riuscito a far mettere in moto dopo che le prime presenze aliene avevano bloccato tutti i motori di una periferia di New York fotografata con la ruvida luce di un poliziesco. Facce sbigottite e confuse come quelle di chi espone le foto dei parenti scomparsi negli attacchi degli extraterrestri, che ricordano recenti tragedie dove di alieni cattivi proprio non ce n’erano.


Trama:

Astronavi aliene invadono la Terra distruggendo e sterminando gli esseri umani. Separato con due figli che mal lo sopportano, anche per un solo weekend, il protagonista lotta per salvarli dallo sterminio degli extraterrestri



Vota il film!

Voto medio: 7,53

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: La Guerra dei Mondi

Forse, più degli alieni del film, cinerei esseri con le fattezze di un crostaceo, le zampe da struzzo e un musetto da roditore, fanno spavento gli uomini. L’essere umano messo di fronte alla paura di perdere tutto – la famiglia, la casa, l’auto preferita – diventa una belva più feroce degli invasori, capace di ogni brutalità, di qualsiasi forma di panico, a scapito di mille altri corpi: una salvezza, qualunque sia il suo costo.

Questo, è forse il momento migliore dell’ultimo film di Spielberg ispirato al romanzo omonimo dell’inglese H.G. Wells, scritto nel 1898. La torma urlante, indistinta nella notte fredda battuta dalla neve, che si scaglia sulla macchina che Ray (Tom Cruise), perito meccanico, è riuscito a far mettere in moto dopo che le prime presenze aliene avevano bloccato tutti i motori di una periferia di New York fotografata con la ruvida luce di un poliziesco.

Facce sbigottite e confuse come quelle di chi espone le foto dei parenti scomparsi negli attacchi degli extraterrestri, che ricordano recenti tragedie dove di alieni cattivi proprio non ce n’erano.

Ma si è poi realmente ispirato solo a Wells l’eclettico Spielberg? Nel narrare la fuga di Tom Cruise e della sua famiglia (Rachel interpretata dalla piccola diva Dakota Fanning e Robbie -Justin Chatwin-, in violento e costante conflitto con il padre) verso Boston dove si trova la moglie separata con il suo nuovo marito, il regista americano dissemina segnali che rimandano a suoi precedenti film.

L’occhio delle astronavi così terribilmente simile a quello del tirannosauro di Jurassic Park, il serpente di metallo che ricerca gli umani come i piccoli robotini di Minority Report , ma, soprattuttom gli abiti degli uomini inceneriti dai micidiali laser che ricordano i tristi mucchi dei lager di Shindler’s List.

Gli alieni, in fondo, sterminano con la stessa cieca determinazione e sembra non esserci altro disegno in loro che quello della devastazione. Ma gli uomini non hanno risposte adeguate per arrestarne l’avanzata; né militari, né filosofiche e il farneticare del personaggio di un tetro Tim Robbins sta a lì a dimostrarlo.

Spielberg ripone nella famiglia la più alta considerazione e il ricongiungersi dei suoi componenti, al termine dell’odissea tra case squarciate e corpi smembrati, coincide con un finale spirituale quanto ispirato alle capacità innate dell’uomo di proteggere sé stesso dagli altri ma anche e soprattutto da sé stesso. Il messaggio può sembrare stucchevole ma lui ce lo racconta, come al solito, con lo stesso trasporto irreale di un favola narrata ai più piccoli davanti ad un focolare. Ed allora, tutto ci sembra naturale ed accettabile, e toccante.

(Daniele Sesti)



Cast

Dakota Fanning   Dakota Fanning
(11 anni circa in questo film)

... Rachel Ferrier

Daniel Franzese   Daniel Franzese
(27 anni circa in questo film)

David Alan Basche   David Alan Basche
(35 anni circa in questo film)

... Tim

James DuMont   James DuMont
(40 anni circa in questo film)

Justin Chatwin   Justin Chatwin
(23 anni circa in questo film)

... Robbie Ferrier

Miranda Otto   Miranda Otto
(38 anni circa in questo film)

... Mary Ann Ferrier

Tim Robbins   Tim Robbins
(47 anni circa in questo film)

... Ogilvy

Tom Cruise   Tom Cruise
(43 anni circa in questo film)

... Ray Ferrier

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Steven Spielberg

Sceneggiatura

 

Josh Friedman / David Koepp

Fotografia:

 

Janusz Kaminski

Colonna Sonora

 

John Williams (II)

Produzione:

 

Paramount Pictures, DreamWorks SKG, Amblin Entertainment, Cruise/Wagner Productions

Distribuzione:

 

UIP

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................
L'ULTIMA OPINIONE


Deludente - meglio il vecchio

..............................

leggi le opinioni

..............................

scrivi la tua opinione

..............................