La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Crociate

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




10/05/2005
Le Crociate conquistano il Box Office


17/05/2005
Box office del 17 maggio

..............................

Le Crociate

(Kingdom of Heaven)

Film del: 2005     Genere: Avventura / Storico
Durata: 145 minuti   Uscito al cinema il: 06/05/2005   



Trama:

Durante la terza crociata, a Gerusalemme, il fabbro Balian decide di seguire il padre in Terra Santa, ma alla morte di questo dovrà prendere le armi e guidare i cristiani.



Vota il film!

Voto medio: 6,42

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Crociate

In Le Crociate il passato è presente. Non tanto perché insieme a film “storici” come Alexander o Troy, ci ricorda la necessità di averne memoria. Non solo perché il primo ricorre - come nella filosofia di Vico - nella contemporaneità del secondo (come non leggere tra la grana delle immagini di Le Crociate il riferimento a ciò che succede nel (nostro) mondo: l’invasore che tenta di imporre la propria nozione di civiltà in nome di un’operazione non richiesta di ripristino della legalità, mentre il regista si chiede quale civiltà, quale legalità possa essere considerata valida per tutti). Ma soprattutto perché Ridley Scott vuole ritentare ora lo stesso assalto al botteghino effettuato e vinto cinque anni fa con Il Gladiatore.

Due storie dallo stesso respiro epico, due sterminati campi di grano a sottolineare ancora una volta il dualistico quanto inseparabile grumo di vita e di morte che permea l’esistenza di tutti (il grano evidenzia il tema della crescita e della possibilità di dare buoni frutti, ma richiama alla memoria anche la forza pervertitrice e disumanizzante del denaro), due uomini Maximus e Balian che hanno perso la loro famiglia, due eroi loro malgrado, due duri che amano senza avere la necessità di chiedere mai, mentre attorno a loro spade splendenti sferragliano sulle armature, lame fendenti entrano nella carne, sangue sorga a flotti e frecce di fuoco si librano nel cielo. Come in passato, come nel Gladiatore, anche qui, anche nelle Crociate, Scott fa dello spettacolo il vero protagonista del film: l’azione, la visione, l’immagine, l’effetto speciale. Totali che raggiungono il particolare regalando primi piani/scoperta, calo di veli e di maschere come epifanie di quell'altro da noi con il quale abbiamo costantemnte a che fare.

L’Io è un altro. Balian è Saladino. Con l’aiuto di Rimbaud scopriamo il vero intento libero indiretto, di Ridley Scott: il rispetto dell’altro. Il rispetto come strumento di conoscenza per arrivare all’utopica comprensione dell’altro. Rispettare l’altro (per Scott è il pubblico), che è sempre un riflesso di sé. Balian, spinto dal dubbio esistenziale fin dall’inizio del suo viaggio iniziatico, continua durante tutto il suo percorso formativo a diventare un altro, a riflettersi nel nemico fino a non essere più separabile da questo divenire, e a confondersi con un popolo che prima non gli apparteneva e che ora guida alla battaglia per il recupero di un’identità collettiva perduta. Alla fine non serve vincere. La sua funzione non è quella di sconfiggere il nemico, ma di compiere esattamente i gesti che ci si aspettano da lui: salutare il musulmano augurandosi di riuscire a portare con sé una parte della sua cultura. E’ il gesto del lottatore vinto che rende manifesta al mondo la sua sconfitta, è la maschera antica che rende manifesto il tono tragico dello spettacolo della guerra.

Ridley Scott ci riprova dunque. E per lui non è vero quanto sostiene sull’inutilità di guardare al passato visto che non ci ha insegnato niente. Per lui il presente è il passato. Le Crociate è Il Gladiatore. Balian è Maximus: una storia che si ripete. Per amore dei soldi.

(Adèle H.)



Curiosità:

Le Crociate doveva chiamarsi The Crusaders, essere diretto da Paul Verhoven e interpretato da Arnold Schwarzenegger. Il progetto è rimasto per anni nei cassetti della Twentieth Century Fox prima di essere recuperato da Ridley Scott che ha modificato la storia, l’ambientazione e il titolo diventato Kingdom of Heaven.

Lo storico arabo Ibn al-Athir (1160-1233), testimone oculare delle imprese di Saladino, riporta il discorso di Baliano:

"Sappi, o Sultano, che noi siamo in questa città in gran numero, che Dio solo conosce: tutti sono ora tiepidi a combattere per la speranza di aver salva la vita, credendo di ottenerla da te così come ad altri l'hai concessa: e ciò per ripugnanza alla morte e amore della vita. Ma se vedremo inevitabile la morte, in nome di Dio, noi uccideremo i nostri figli e le nostre donne, e bruceremo le nostre ricchezze, di cui non vi lasceremo far bottino d'un solo dinaro né d'una dracma, né catturare e far schiavo un uomo né una donna sola. Poi ridurremo in rovina il Santuario della Roccia e la Moschea al-Aqsa e gli altri luoghi sacri, ammazzeremo i prigionieri musulmani che abbiamo, e sono cinquemila, non lasceremo una cavalcatura e un animale presso di noi senza ucciderlo, e poi usciremo tutti contro di voi a combattervi, come chi si batte per la vita, quando l'uomo prima di cadere ucciso uccide i suoi simili; e morremo con onore, o nobilmente vinceremo!".

Ibn al-Athir, Kamil at-tawarikh, vol I, p. 700 e ss.



Cast

Orlando Bloom   Orlando Bloom
(28 anni circa in questo film)

... Baliano

Eva Green   Eva Green
(25 anni circa in questo film)

... Sibilla

Liam Neeson   Liam Neeson
(53 anni circa in questo film)

... Goffredo di Ibelin

Jeremy Irons   Jeremy Irons
(57 anni circa in questo film)

... Tiberias

Alexander Siddig   Alexander Siddig
(40 anni circa in questo film)

... Nasir

Edward Norton   Edward Norton
(36 anni circa in questo film)

... Re Baldovino

Marton Csokas   Marton Csokas
(39 anni circa in questo film)

... Guy di Lusignano

Brendan Gleeson   Brendan Gleeson
(50 anni circa in questo film)

... Reynald de Chatillon

David Thewlis   David Thewlis
(42 anni circa in questo film)

... cavaliere Ospedaliere

Ghassan Massoud   Ghassan Massoud

... Saladino

Iain Glen   Iain Glen
(44 anni circa in questo film)

... Riccardo Cuor di Leone

Giannina Facio   Giannina Facio
(50 anni circa in questo film)

... sorella di Saladino

Nathalie Cox   Nathalie Cox

... moglie di Baliano

Michael Sheen   Michael Sheen
(36 anni circa in questo film)

... prete

Jon Finch   Jon Finch
(64 anni circa in questo film)

... vescovo

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Regno Unito / Spagna

Regia

 

Ridley Scott

Sceneggiatura

 

William Monahan

Fotografia:

 

John Mathieson

Colonna Sonora

 

Harry Gregson-Williams

Produzione:

 

20th Century Fox

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................
L'ULTIMA OPINIONE


Il titolo ?

..............................

leggi le opinioni

..............................

scrivi la tua opinione

..............................