La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Guida Galattica per Autostoppisti

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




12/08/2005
Le Uscite della Settimana


15/11/2006
Il Classico Bello in Tv

..............................

Guida Galattica per Autostoppisti

(The Hitchhiker's Guide to the Galaxy)

Film del: 2005     Genere: Fantascienza
Durata: 110 minuti   Uscito al cinema il: 12/08/2005   



Trama:

Arthur Dent lascia la Terra pochi secondi prima che sia demolita per far posto ad un'autostrada spaziale ed inizia un'incredibile viaggio.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Guida Galattica per Autostoppisti

Conoscitori ed estimatori mettono Douglas Adams tra i due o tre scrittori del livello di P.G. Wodehouse. In Inghilterra la passione per Adams e la sua opera straordinaria ha portato in sala oltre quattro milioni di spettatori nella sola prima settimana di programmazione del film, di cui l’autore prima di morire nel 2001 a soli 49 anni, aveva scritto la prima e seconda stesura della sceneggiatura. In Italia purtroppo il geniale creatore del tranquillo Arthur Dent, catapultato in pantofole e accappatoio in un’avventura intergalattica contro il proprio volere, e coadiuvato da un asciugamano e dall’esperienza di un amico alieno che risponde all’improbabile nome di Ford Prefect, non ha mai riscosso l’altrettanto incommensurabile successo “planetario”. Probabilmente però questo film riuscirà ad aprire un nuovo e più ampio varco di curiosità nei confronti di un’opera che, come “Il Signore degli Anelli”, fa il giro del mondo da oltre vent’anni ispirando innumerevoli fan a riunirsi in club e chattare su siti web.

Il Mondo Galattico immaginato da Adams - in un programma radiofonico prima e in romanzo e programma televisivo per la BBC poi - è assurdo e contraddittorio: governato da burocrati ottusi e inutili, che torturano crudelmente autostoppisti indifesi recitando loro terrificanti quanto incomprensibili fraseggi poetici, e rappresentato da un ridicolo e balordo Presidente del Governo Galattico Imperiale bicefalo.

Il film inizia come un musical di Broadway, con la differrenza che i cantanti/ballerini sono dei delfini che, prima di abbandonare la Terra, irritati perchè gli uomini non hanno capito il messaggio che da secoli tentano di trasmettere, ringraziano per tutto il pesce.
E poi ecco l’avventura del povero Dent, sballottato quà e là per la Galassia, alla presenza di Robot con VPP (Vera Personalità di Persona)tanto intelligenti quanto depressi, predicatori di culti megalomani e ingegneri edili planetari che riproducono pianeti di lusso per clientela raffinata; senza contare il Computer Pensiero Profondo che dopo 7 milioni e mezzo di anni, alla Domanda Fondamentale sulla Vita, l’Universo e Tutto, ha risposto con un laconico “42”. Tutto ciò viaggiando per lo più su un’astronave a forma di teiera volante, decorata come un vaso Ming che attraversa le vaste distanze interstellari in un nientesimo di secondo.

Ma il bello di questo spettacolo - oltre alla sceneggiatura brillante ed irriverente, allegerita da un inconfondibile humour britannico, alla straordinaria scelta del cast e all’ancor più eteroclita interpretazione dei diversi attori, sta nell’aver realizzato tutte le scenografie e i personaggi più fantasiosi “in carne ed ossa”, traendo vantaggio della computer animation solamente in poche occasioni. Lo spettacolo risulta quindi più autentico: perché dopo la caotica creatività virtuale di film “galattici” come Star Wars o Men in Black, ritrovare la materica concretezza di tali personaggi fa veramente sognare.
Così quell’accappatoio stinto e liso di Dent diventa più facilmente anche il nostro, i ripugnanti Vogon sono persino commoventi davanti agli interrogativi burocratici delle loro scartoffie, per tacere del “Grande Marvin”, il robot disfattista che cammina ondeggiando a causa del suo enorme testone bianco.

Vien voglia di prendere un asciugamano e alzare il pollice verso il cielo, avventurarsi tra le stelle e i pianeti di quest’universo sconosciuto ma che sembra davvero divertente, e godere delle mille e una informazioni “ad un prezzo contenuto e facilmente consultabili” dell’ormai mitica Guida.

(Valeria Chiari)



Cast

Alan Rickman   Alan Rickman
(59 anni circa in questo film)

... Marvin l'Androide paranoico

Bill Nighy   Bill Nighy
(56 anni circa in questo film)

... Slartibartfast

John Malkovich   John Malkovich
(52 anni circa in questo film)

... Humma Kavula

Martin Freeman   Martin Freeman
(34 anni circa in questo film)

... Arthur Dent

Mos Def   Mos Def
(32 anni circa in questo film)

... Ford Prefect

Sam Rockwell   Sam Rockwell
(37 anni circa in questo film)

... Zaphod Beeblebrox

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Regno Unito

Regia

 

Garth Jennings

Sceneggiatura

 

Douglas Adams / Karey Kirkpatrick

Fotografia:

 

Igor Jadue-Lillo

Colonna Sonora

 

Joby Talbot

Produzione:

 

Touchstone Pictures / Spyglass Entertainment

Distribuzione:

 

Buena Vista

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................