La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Cellular

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




22/04/2005
Pronto, chi urla?


29/06/2005
Product Placement: dentro lo schermo del cellulare

..............................

Cellular

(Cellular)

Film del: 2005     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 94 minuti   Uscito al cinema il: 29/04/2005   


Il più sentito ringraziamento va alla Nokia, che è riuscita a finanziare (perché non crederete mica che il 6610 abbia ricevuto così tanti primi piani gratis?) questo thriller all’insegna dell’oggetto feticcio del nuovo millennio


Trama:

Jessica, dopo esser stata rapita, riesce a contattare con il suo cellulare un uomo per chiedere aiuto, ma la batteria sta finendo...



Vota il film!

Voto medio: 6,20

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Cellular

In una tipica visita a Londra il turista ammira il Big Ben, la Westminster Abbey e… il Museo delle Cere famoso in tutto il mondo per contenere le riproduzioni a grandezza naturale non solo di personaggi storici, ma anche di artisti.

Non siete mai stati a Londra? Non crucciatevi, la statua di cera di una delle icone sexy degli anni ottanta, Kim Basinger, potrete ammirarla anche nel film di Ellis. Le prime sequenze di Cellular ci restituiscono un’attrice dalle fattezze talmente artificiose – a tratti lucide come un ottone della Vespucci – che quasi dubitiamo della sua essenza in vita. Fortunatamente, man mano che il thriller si dipana, la Basinger subisce ogni sorta di maltrattamenti fisici ed il cerone lascia il posto a lividi ed escoriazioni.

L’altro protagonista, il carneade Chirs Evans, è una sorta di emulo di Tom Cruise in versione “pompata”che incarna il bel ragazzo californiano dai giusti valori americani (anche se ogni tanto qualcuno deve ricordarglieli). Infine, a completare il quadretto, troviamo un caratterista, solitamente del cinema indipendente, ma qui al servizio di una major, di ottimo livello quale quel William H. Macy di cui tutti ricordiamo le fattezze, ma quasi nessuno il nome (anche se si è fatto le ossa nella prestigiosa avanguardia teatrale di Chicago con David Mamet ).

Ma a parte la rediviva Basinger, che forse insieme ai geniali titoli di coda sarà l’unica cosa ad essere ricordata dai posteri, il più sentito ringraziamento va sicuramente alla Nokia, che è riuscita a finanziare (perché non crederete mica che il 6610 abbia ricevuto così tanti primi piani gratis?) questo thriller all’insegna dell’oggetto feticcio del nuovo millennio.

Il cellulare, vero protagonista del film con tutte le sue potenzialità multimediali, è lo strumento chiave, peccato che gli sceneggiatori si siano scordati un paio di cosette: che so… il fatto che la probabilità di chiamare a caso un cellulare in America e che questo si trovi nella stessa città della rapita, sia circa una su trenta milioni o che se una telefonata è anonima al momento della ricezione, lo resta anche se la si ricerca nel registro delle chiamate.

Chiamiamole licenze poetiche, chiudiamo un occhio e lasciamoci trasportare da questo thriller senza (troppa) infamia e senza lode fino alla fine, riconoscendogli comunque che non ha potere soporifero. Ma soprattutto senza lamentarsi che ci si poteva aspettare di più da un irregolare di genio come Larry Cohen - cui il prestigioso "New Yorker" ha dedicato un servizio di 8 pagine - capace di passare dalla regia di horror tossici all'inventiva di chi sul telefono riesce a piazzare nella stessa stagione due thriller presso le major holliwodiane (questo e In linea con l'assassino).

Indicazioni: un thriller non indimenticabile che però riesce a mantenere alta la soglia d’attenzione.

(Cecilia Spaziani)



Curiosità:

Larry Cohen (lo sceneggiatore) è "l'esperto in telefoni", visto che stava lavorando a questo film mentre cercava di vendere la sceneggiatura di Phone Booth.

All'aeroporto mentre Ryan entra nel bar si sente la chiamata del "Volo 180 per Parigi", lo stesso di Final Destination.

Il tatuaggio sul braccio di Ryan è il carattere giapponese di "lealtà" e "onore".



Cast

Adam Taylor Gordon   Adam Taylor Gordon

... Ricky Martin

Chris Evans   Chris Evans
(24 anni circa in questo film)

... Ryan

Jason Statham   Jason Statham
(33 anni circa in questo film)

... Ethan

Jessica Biel   Jessica Biel
(23 anni circa in questo film)

... Chloe

Kim Basinger   Kim Basinger
(52 anni circa in questo film)

... Jessica Martin

Noah Emmerich   Noah Emmerich

... detective Jack Tanner

Richard Burgi   Richard Burgi
(47 anni circa in questo film)

... Craig Martin

Rick Hoffman   Rick Hoffman
(35 anni circa in questo film)

... avvocato con Porshe

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

David R. Ellis

Sceneggiatura

 

Larry Cohen / Chris Morgan

Fotografia:

 

Gary Capo

Colonna Sonora

 

John Ottman

Produzione:

 

New Line Cinema

Distribuzione:

 

Eagle Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................
L'ULTIMA OPINIONE


Adrenalinico

..............................

leggi le opinioni

..............................

scrivi la tua opinione

..............................