La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Raul - Diritto di uccidere

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




05/07/2005
Globi d’Oro: Quando sei nato non puoi più nasconderti di Giordana vince tre premi ma la vera attrazione è la Bellucci

..............................

Raul - Diritto di uccidere

(Raul - Diritto di uccidere)

Film del: 2005     Genere: Drammatico
Durata: 97 minuti   Uscito al cinema il: 15/04/2005   


Un “pasticciaccio”, ma non in senso gaddiano purtroppo, costretto in un'unica claustrofobica piazza romana, che ci ricorda dell’ambientazione storica solo grazie a due bandiere, qualche slogan e qualche manifesto


Trama:

Roma, 1938: la vicenda drammatica di Raul, giovane laureato in giurisprudenza che non riesce a concorrere come docente perché non è iscritto al Partito fascista.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Raul - Diritto di uccidere

Dai manifesti e soprattutto dal titolo del film vagamente esotico, ci saremmo aspettati di trovarci nel pieno di un thriller ambientato come minimo in Sudamerica. Ma no, niente da fare, “Raul” si pronuncia con l’accento sulla “a” e non sulla “u” e ci catapulta invece nelle vicende littorie della Roma fascista.

E’ il 1938 e Hitler arriva a Roma in treno ( alla Stazione Ostiense e non a Termini, se ancora non lo sapete ); c’è Mussolini ad attenderlo e mentre i due omuncoli giocano a conquistare il mondo e a distruggerlo, il giovane Raul prima gioca, fra slanci volontaristici e sensi di colpa, con il mito nietzschiano del Superuomo e poi si lascia coinvolgere in una lenta e sofisticata partita a scacchi dalla sua Nemesi, il Giudice Porfirio.

Fin qui tutto bene, anzi la sceneggiatura che Masolino D’Amico aveva scritto trentacinque anni fa con la madre Suso per un film che non si è mai fatto e che oggi è stata attualizzata, racconterebbe spunti interessanti e non abusati. Sennonché il problema principale è nella prova dei protagonisti, perché Stefano Dionisi sarà anche bello da vedersi ma è sinceramente impossibile da sentirsi ( in slang capitolino “nun se po’ sentì” ) e il suo contraltare femminile Violante Placido ce la mette tutta per non essere da meno. E quando a questi due “Belli ed Impossibili” si affianca il talento degli altri interpreti, da quello concentrato in uno straordinario cammeo di Laura Betti, a quello istrionico di Haber a quello sornione di Giannini (grazie al quale la pellicola acquista qualche momento di credibilità ) alle nostre orecchie il contrasto suona, ahimè, stridente.

Non c’è traccia invece per adesso del talento del nonno Mauro nel non più giovane esordiente Andrea Bolognini, che si avventura in una regia più che drammatica a dir poco “filodrammatica” e non riesce sullo schermo a far prendere corpo alle ambizioni filosofiche della storia, ispirata al Dostoevskij di “Delitto e Castigo”, né riesce a fare della limitazione di mezzi del film ( prodotto grazie al finanziamento statale ) virtù.

Un “pasticciaccio” , ma non in senso gaddiano purtroppo, costretto in un'unica claustrofobica piazza romana, che ci ricorda dell’ambientazione storica solo grazie a due bandiere, qualche slogan e qualche manifesto. E che ci rammenta anche che spesso l’Arte non passa per i figli d’arte nonostante la pellicola ne ospiti a profusione, e cioè oltre ai succitati Placido e Bolognini, un altro Bolognini, Manolo, alla produzione, Andrea Morricone naturalmente alla musiche e Daniele Nannuzzi alla fotografia, che se non altro prova ad immergere scene e costumi in luci calde ispirate alla “scuola romana” ( e anche sul montatore Alessandro Lucidi avrei qualche sospetto…). Agli spettatori non resta che chiudere gli occhi ed immaginare di aver visto il thriller di cui sopra. Questa volta con l’accento sulla “u”.

(Max Morini)



Cast

Alessandro Haber   Alessandro Haber
(58 anni circa in questo film)

... Matteo Mariotti

Ernesto Mahieux   Ernesto Mahieux

... Patruno

Giancarlo Giannini   Giancarlo Giannini
(63 anni circa in questo film)

... Giudice Porfirio

Laura Betti   Laura Betti
(71 anni circa in questo film)

... Usuraia

Maurizio Mattioli   Maurizio Mattioli
(55 anni circa in questo film)

... Caretti

Nicola Farron   Nicola Farron

... Mario

Stefano Dionisi   Stefano Dionisi
(39 anni circa in questo film)

... Raul

Violante Placido   Violante Placido
(29 anni circa in questo film)

... Sonia

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Andrea Bolognini

Sceneggiatura

 

Suso Cecchi d'Amico

Fotografia:

 

Daniele Nannuzzi

Colonna Sonora

 

Andrea Moricone

Produzione:

 

Ilena Cinematografica S.R.L.

Distribuzione:

 

Warner Bros

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................