La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Ma Quando Arrivano le Ragazze?

..............................
ARTICOLI CORRELATI


14/02/2005
Box office dall’11 al 13 febbraio

..............................

Ma Quando Arrivano le Ragazze?

(Ma Quando Arrivano le Ragazze?)

Film del: 2005     Genere: Commedia
Durata: 106 minuti   Uscito al cinema il: 04/02/2005   


Una storia d’amore, di gioventù e di amicizia, ma anche su ciò che nasce con noi e che non possiamo neanche spiegare, ma solo tentare di dargli un nome: talento.


Trama:

Gianca conosce Nick ad una selezione per la scuola di Umbria Jazz. Da quel momento diventano grandi amici e formano un gruppo. I ragazzi riescono ad ottenere i primi ingaggi e proprio durante una di queste serate che il talento eccezionale di Nick viene fuori. Nello stesso tempo Gianca incontra Francesca di cui si innamora follemente. Tutti i ragazzi si troveranno, nella musica come nell'amore, ad affrontare delle scelte importanti.



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Ma Quando Arrivano le Ragazze?

E' il trentaquattresimo film di Pupi Avati, un regista che, dal 1968 (Balsamus è la sua opera prima) ha toccato un po’ tutti i generi - con una non comune propensione per l'horror - e lo ha fatto sempre con una sua cifra stilistica originale. Secondo le sue stesse parole questo è il suo film più autobiografico. In almeno due altre occasioni, il regista aveva toccato esplicitamente il mondo del jazz (Jazz band del 1978 e Bix un ipotesi leggendaria del 1990). Stavolta, però, ci parla della sua passione, in un contesto che va al di là di del puro amore musicale. Ma quando arrivano le ragazze? è un racconto sull’amicizia con tutti i suoi lati positivi e negativi. Ma, allo stesso tempo, è il racconto di un qualcosa che rende le persone speciali: il talento.

Il personaggio di Nick (interpretato dal bravo Claudio Santamaria) ha una dote innata, ma forse non basta per far sì che sia altrettanto “talentuoso” nei rapporti umani. In questo film non c’è niente di perentorio: le vite di tutti sono in balia degli avvenimenti. E’ vero che Nick è uno straordinario trombettista come è vero che Gianca (Paolo Briguglia) ama alla follia Francesca (Vittoria Puccini), ma in mezzo, visto che è vita, ci sono tantissimi altri elementi che rendono la realizzazione di un sogno (la musica come l’amore), qualcosa che non è mai ciò che vogliamo.

Il finale del film (che ovviamente non sveliamo) lascia aperte tante strade ma altrettante ne chiude, proprio come nella vita reale. Che ci si riconosca o no, nei personaggi di Pupi Avati, bisogna comunque riconoscergli che sono personaggi disegnati a tutto tondo: complessi e reali. Allo stesso modo è disegnato tutto il mondo che gira intorno a questi personaggi. Il regista bolognese è un grande realizzatore di caratteri, ed anche in questo film sono tutti azzeccati. Dai fratelli Maramotti a Marcello, passando per tutti gli altri personaggi, riusciamo a capire che, anche se non sono i personaggi principali, hanno però delle storie che sono tutte interessanti. Pupi Avati è stato sempre un grande scopritore di talenti ed un grande direttore di attori, e qui una volta di più lo si nota. In questo film però ha anche il merito di averci fatto rivedere sul grande schermo un attore che, purtroppo, non vedevamo da tanto tempo: Johnny Dorelli. E se ultimamente questo grande artista un sogno lo ha realizzato (fare un disco con gli standard da big band della grande tradizione americana), il suo personaggio nel film (fa il padre di Gianca), il sogno che ha, forse, non lo realizzerà mai, ed è per questo che è uno dei personaggi più drammatici non solo del film, ma del cinema di Pupi Avati. Eppure è anche uno dei più belli.

Come in quelle comete che periodicamente passano a milioni di chilometri dal nostro pianeta, ciò che le rende così affascinanti, non è la palla infuocata che corre nello spazio infinito, ma i frammenti che ne formano la coda - senza i quali quella palla non sarebbe una cometa. E' importante il nucleo ma è altrettanto importante tutto quello che c’è intorno. Un po’ come nel cinema di Avati.

(Renato Massaccesi)



Cast

    Alessio Modica

... Dedo Maramotti

    Augusto Fornari

... Marcello

Claudio Santamaria   Claudio Santamaria
(31 anni circa in questo film)

... Nick Cialfi

    Enrico Salimbeni

... William Maramotti

    Johnny Dorelli
(68 anni circa in questo film)

... Ludovico Zanichelli

Paolo Briguglia   Paolo Briguglia

... Gianca Zanichelli

    Selvaggia Quattrini

... Gilberta Zanichelli

Vittoria Puccini   Vittoria Puccini
(24 anni circa in questo film)

... Francesca

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Pupi Avati

Sceneggiatura

 

Pupi Avati

Fotografia:

 

Pasquale Rachini

Colonna Sonora

 

Riz Ortolani

Produzione:

 

Duea Film / RAI Cinema

Distribuzione:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................