La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Le Conseguenze dell'Amore

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




30/04/2005
David di Donatello, Le conseguenze dell’amore di Paolo Sorrentino vincitore assoluto.


05/07/2005
Globi d’Oro: Quando sei nato non puoi più nasconderti di Giordana vince tre premi ma la vera attrazione è la Bellucci
27/09/2005
Le conseguenze dell'amore fuori dalla corsa per l'Oscar

..............................

Le Conseguenze dell'Amore

(Le Conseguenze dell'Amore)

Film del: 2004     Genere: Drammatico / Thriller
Durata: 100 minuti   



Trama:

La vita misteriosa di un uomo che ha deciso di passarla da solo in una camera d'albergo, senza un lavoro e apparentemente senza uno scopo nella vita.



Vota il film!

Voto medio: 6,60

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Le Conseguenze dell'Amore

Unico film italiano selezionato dalla commissione ufficiale del Festival di Cannes 2004, "Le conseguenze dell'amore" è il secondo, delizioso lungometraggio del 35enne napoletano Paolo Sorrentino.
Il film, quasi interamente girato all'interno di un hotel di un'anonima cittadina svizzera, racconta uno stralcio della vita di Titta Di Girolamo (Toni Servillo), un tipo di mezza età, apparentemente un uomo in viaggio d'affari, distinto, silenzioso e particolarmente schivo, che vive in una stanza d'albergo praticamente da otto anni. Titta (il nome, a sua detta, è l'unica cosa frivola che egli possiede) passa le sue giornate nella hall a fumare sigarette e ad osservare chi gli sta attorno, condannato ad un'atroce routine in cui è stato ingabbiato dal suo "segreto inconfessabile". Perché, come egli dice in apertura, ogni uomo ha il suo segreto inconfessabile.

Con questi presupposti, il lavoro di Sorrentino sembrerebbe avere tutte le caratteristiche per essere etichettato come un perfetto noir, ed in parte, effettivamente, lo è. Ma alla visione de "Le conseguenze dell'amore" si rimane piacevolmente stupiti nel constatare che l'elemento del mistero e del giallo è solo una delle tante componenti del film. Certo, è innegabile il gioco sottile che si insatura sin dall'inizio tra protagonista e spettatore, laddove a quest'ultimo viene sistematicamente negata (almeno fino ai tre quarti della pellicola) la conoscenza dei fatti e la profonda comprensione del personaggio e del suo vissuto. Il film, però, è e resta anche una commedia che scivola, talvolta, verso toni più drammatici; una commedia che parla di vita e di morte, di amicizia e di amore. Lampante, da questo punto di vista, l'esistenza del personaggio di Sofia (Olivia Magnani), la cameriera del bar dell'albergo, giovane fanciulla di una bellezza ordinaria ma, al tempo stesso, dalla presenza così leggiadra e angelica da rompere la tranquilla monotonia della vita di Titta, il quale verrà messo di fronte a quelle conseguenze d'amore di cui parla il titolo.

I punti di forza del lavoro di Sorrentino sono senza dubbio la sceneggiatura originale e intrigante e l'interpretazione semplicemente strepitosa di Servillo. Se da una parte, infatti, il personaggio di Titta è opera del regista stesso, che ha scritto soggetto e sceneggiatura, e prende spunto da un uomo che Sorrentino ha veramente incontrato in un albergo di San Paolo del Brasile, dall'altra è stato l'attore protagonista che gli ha dato forma e colore degni di un vero professionista, portando sulla scena le occhiate disinteressate seppur scrutatrici tipici dell'indifferenza, i movimenti ripetitivi e sistematici suggeriti da un "non luogo" (come può essere un albergo), l'ambiguità dei desideri e il congelamento dell'immaginazione propri della solitudine, un'ironia quasi britannica miscelata ad una sorta di autocommiserazione.
Ma, soprattutto, quell'affascinante sensualità del non detto, grande vero protagonista del film. In fondo, tutto è incentrato sulla sublimazione del silenzio, che regala agli sguardi una intensità ed un'eloquenza uniche. Il tutto posto in vigoroso contrasto con una colonna sonora ad alto volume, graffiante, invasiva ed altrettanto penetrante.
Da vedere.

(Laura Spina)



Cast

Adriano Giannini   Adriano Giannini
(33 anni circa in questo film)

... Valerio

    Angela Goodwin
(79 anni circa in questo film)

... Isabella

Olivia Magnani   Olivia Magnani

... Sofia

    Raffaele Pisu

... Carlo

Toni Servillo   Toni Servillo
(45 anni circa in questo film)

... Titta

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Paolo Sorrentino

Sceneggiatura

 

Paolo Sorrentino

Fotografia:

 

Luca Bigazzi

Colonna Sonora

 

Pasquale Catalano

Produzione:

 

Fandango / Indigo Film

Distribuzione:

 

Medusa

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................