La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

È Più Facile che un Cammello...

È Più Facile che un Cammello...

(È più facile che un cammello...)

Film del: 2004     Genere: Biografico / Drammatico / Fantastico
Durata: 81 minuti   


Parlare di sé, della propria infanzia e di tutti i problemi di acclimatazione nella vita è una necessità di tutti.


Trama:

Storia autobiografica di Valeria Bruni Tedeschi.



Vota il film!

Voto medio: 4,50

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: È Più Facile che un Cammello...

Parlare di sé, della propria infanzia e di tutti i problemi di acclimatazione nella vita è una necessità di tutti. È un modo di esorcizzare i propri fantasmi, un po' come allontanarsi da un quadro e dai suoi più piccoli particolari per vederlo finalmente nella sua interezza e riuscire ad apprezzarlo, a capirlo meglio.
Un genere però, quello biografico, piuttosto difficile da gestire, perché non sempre i fatti che possono essere stati fondamentali per uno, possono essere altrettanto importanti, o anche solo interessanti, per altri. Per esserlo dovrebbero infatti possedere un carattere di universalità, grazie al quale ci si può immedesimare.
Nel caso del film di debutto alla regia di Valeria Bruni Tedeschi questo requisito manca.

La protagonista della sua storia, autobiografica per sua stessa ammissione, è molto ricca, di quella ricchezza che le permette di non lavorare e vivere di rendita. Trasferita con la famiglia a Parigi dall'Italia negli anni '70 a causa delle continue minacce di rapimento di quegli anni, Federica e i suoi fratelli godono da sempre di una vita di agi e di benessere. Ma mentre il resto della famiglia sembra riuscire ad assaporarne il gusto senza alcun senso di colpa, Federica vive la propria condizione come se fosse una tragedia. I privilegi della sua sembrano infatti impedirle di vivere una vita da persona adulta e di assumersi le proprie responsabilità. Divisa tra un fidanzato figlio di un padre emigrante che si è spezzato la schiena nella fabbrica francese della Renault e un ex-amante che ricompare all'improvviso desideroso di riprendere la loro relazione da dove l'avevano interrotta, la ragazza non trova altra soluzione che rivolgersi ad un prete ossessionandolo con i suoi non-problemi e considerandolo quasi un analista. Il tutto condito dalle liti con la sorella e la madre e dall'annuncio della grave malattia del padre.

Su una sceneggiatura che in effetti non racconta nulla, la Bruni Tedeschi cerca di costruire una commedia che dovrebbe rallegrare con le sue situazioni piuttosto assurde. Illogiche discussioni con la madre e bislacche dispute con la sorella nevrotica.
Si piomba così in mezzo ad un racconto che dà tutto per scontato e nel quale i protagonisti risultano figurine inconsistenti o addirittura surreali, interrotto da intermezzi che brillano per la loro inutilità e attraverso i quali la neo regista vorrebbe illustrare alcuni momenti della propria infanzia.
Manca del tutto il ritmo, la vis comica che avrebbe potuto quantomeno far sorridere lo spettatore, invece di lasciarlo sprofondare nella poltrona ucciso lentamente dalla noia.

(Valeria Chiari)



Cast

Valeria Bruni Tedeschi   Valeria Bruni Tedeschi
(40 anni circa in questo film)

... Federica

Roberto Herlitzka   Roberto Herlitzka
(67 anni circa in questo film)

... padre

    Marisa Borini

... madre

Chiara Mastroianni   Chiara Mastroianni
(32 anni circa in questo film)

... Bianca

Jean-Hugues Anglade   Jean-Hugues Anglade
(49 anni circa in questo film)

... Pierre

Denis Podalydès   Denis Podalydès
(41 anni circa in questo film)

... Philippe

Lambert Wilson   Lambert Wilson
(46 anni circa in questo film)

... Aurelio

Yvan Attal   Yvan Attal
(39 anni circa in questo film)

... uomo nel parco

Emmanuelle Devos   Emmanuelle Devos
(40 anni circa in questo film)

... moglie di Philippe

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia / Francia

Regia

 

Valeria Bruni Tedeschi

Sceneggiatura

 

Valeria Bruni Tedeschi / Noémie Lvovsky / Agnès de Sacy

Fotografia:

 

Jeanne Lapoirie

Produzione:

 

Interlinea / Gemini Films

Distribuzione:

 

Mikado

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................