La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Zelig

..............................
ARTICOLI CORRELATI




10/01/2006
10, 100, 1000 Woody Allen


29/03/2006
Zelig

..............................

Zelig

(Zelig)

Film del: 1983     Genere: Commedia
Durata: 79 minuti   


Un film sul Cinema, sulla comunicazione e sull'unicità dell'artsta.


Trama:

Zelig è un uomo che agisce e parla come le persone a cui si avvicina.



Vota il film!

Voto medio: 7,70

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Zelig

Film inchiesta su un personaggio che non è mai esistito se non in questi settantuno minuti di impressione sulla pellicola, Zelig, è sicuramente uno dei film più originali della Storia del Cinema. A metà strada tra il Woody Allen comico dei primi tempi e quello della commedia più “complessa” del periodo successivo, questo film però non si può certo dire costruito per far ridere, anche se non mancano gag straordinarie.

Zelig è un personaggio che porta in sé elementi che si possono ritrovare in qualsiasi trattato sociologico del ventesimo secolo: emarginazione, mass media, ottusità di un tipo di percezione di massa e tant’altro. Proprio come quel “Moby Dick” che ricorre frequentemente nel racconto, questo personaggio riassume degli elementi sostanziali della cultura americana che ancora oggi sono attuali, ad iniziare dalle relazioni tra individui inseriti nella loro diversità sociale e razziale.

Leonard Zelig è un personaggio che chiede soltanto di essere accettato, ma non si accorge che il suo modo di essere è soltanto un modo di rimanere fuori da qualsiasi forma di consenso. Questo strano omino è soltanto un fenomeno da baraccone agli occhi di una società che non riesce ad accettare completamente il diverso. E benché Zelig tenti di essere uguale a chiunque incontri rimane pur sempre un diverso. E se non vogliamo guardare unicamente all’uomo nella sua essenza, ma bensì alla figura che di questo costruiscono i vari organi di informazione, il risultato è lo stesso: un trasformista interessante finché fa vendere.

Ma a parte questo, Zelig è anche un film sul cinema. Fotografato meravigliosamente da Gordon Willis, la sua struttura è qualcosa che cita il cinema per reinventarlo. Spezzoni di finti cinegiornali, interviste a personaggi realmente esistenti (Saul Bellow, Susan Sontag ecc.) coinvolti in una storia totalmente inventata, citazioni letterarie, cinematografiche (Hitler e Chaplin), musicali che rendono questo film un unicum nella storia ormai ultracentenaria di questa grande Arte.

E se poi tutto questo non basta, aggiungiamo anche che Zelig è anche un film sull’artista stesso in quanto Artista, perché sembra rivendicare l’unicità di questo in un mondo dove tutto è diventato spettacolo (la stessa cosa che farà con implicazioni diverse Forrest Gump molti anni dopo), ma in cui c’è il bisogno vitale di sentire di far parte di un qualcosa, anche se poi alla fine si rimane comunque estranei a quel qualcosa. E’ un po’ come provare ad essere uguali agli altri, rivendicando la propria unicità.

(Renato Massaccesi)



Cast

Woody Allen   Woody Allen
(48 anni circa in questo film)

... Leonard Zelig

Mia Farrow   Mia Farrow
(38 anni circa in questo film)

... Dr. Eudora Nesbitt Fletcher

    John Buckwalter

... Dr. Sindell

    Marvin Chatinover
(56 anni circa in questo film)

... dottore delle ghiandole

    Stanley Swerdlow

... dottore del cibo messicano

    Paul Nevens

... Dr. Birsky

    Howard Erskine
(57 anni circa in questo film)

... dottore ipodermico

    Ralph Bell
(68 anni circa in questo film)

... dottore

    Richard Whiting
(74 anni circa in questo film)

... dottore

    Will Hussong

... dottore

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Woody Allen

Sceneggiatura

 

Woody Allen

Fotografia:

 

Gordon Willis

Colonna Sonora

 

Dick Hyman

Produzione:

 

Orion Pictures Corporation





..............................

scrivi la tua opinione

..............................