La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Zardoz

..............................
FESTIVAL

Festival Internazionale del Film di Roma 2006
Il Lavoro dell'Attore

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




04/10/2006
Sabato 14 ottobre


05/10/2006
Giovedì 19 ottobre

..............................

Zardoz

(Zardoz)

Film del: 1974     Genere: Fantascienza / Fantastico
Durata: 105 minuti   



Trama:

In un futuro lontano il mondo è diviso tra gli immortali, rinchiusi in oasi arcadiche (i Vortici), e gli esterni, che vivono nella violenza e nel terrore, preda degli Sterminatori agli ordini del misterioso Zardoz.



Vota il film!

Voto medio: 6,75

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Zardoz

Zardoz riunisce in sè alcuni motivi caratteristici della fantascienza del novecento. Da una parte abbiamo il primitivismo post-apocalittico, per cui una catastrofe non meglio identificata ha fatto piombare il mondo in un’era oscura senza precedenti nella storia, dall’altra parte, invece, possiamo trovare alcune componenti proprie della distopia (il rovesciamento da incubo dell’utopia). La distopia è un filone letterario nato nell’ottocento dalla penna di Edward Bulwer-Lytton, che nel romanzo “The coming race” descrisse una società condotta ad una catastrofica stagnazione proprio a causa della sua perfezione. Tale genere fu perfezionato nel ventesimo secolo da autori come Zamjatin, Orwell e Huxley, solo per citare i più importanti.

John Boorman risente molto di questa tradizione nella stesura della sceneggiatura di Zardoz, ed è particolarmente debitore del “Mondo nuovo” di Huxley, proprio nella divisione del mondo in due caste agli antipodi per avanzamento tecnologico e struttura sociale. Il regista irlandese però estremizza tali presupposti rendendo i misteriosi abitanti del Vortice, immortali. Un’altro elemento caratteristico della distopia consiste poi nel controllo dei comportamenti sessuali degli individui, identificati con una devianza da combattere in quanto fonte di libertà. In Zardoz il sesso diventa addirittura fonte di conoscenza, metodo di trasmissione di memorie collettive e di insoliti poteri mentali.

Il film è incentrato sul personaggio di Zed (Sean Connery), sterminatore che si trova improvvisamente proiettato in un Vortice, spinto da motivazioni misteriose. Zed è un elemento esterno, perturbante, dotato di una carica distruttiva in grado di far crollare il fragile equilibrio su cui si basa la società degli immortali, un mondo ormai cristallizzato e senza prospettive di sviluppo. Proprio per il suo carattere conservatore il sistema deve però distruggere Zed, germe patogeno portatore di passione e violenza, nel tentativo futile e disperato di salvare se stesso.

Girato con mezzi modesti, Zardoz risente molto (visivamente) dell’influsso della psichedelia, e benché ambientato nel 2293 mostra un livello tecnologico quanto meno ottocentesco. Tuttavia, trattandosi di fantascienza incentrata sull’uomo e sulle sue motivazioni, il film può offrire spunti di riflessione, anche se indubbiamente datato dal punto di vista visuale. Si può notare un cameo del regista: è il bruto a cui Sean Connery spara perché inefficiente nell’aratura dei campi.

(Mauro Corso)



Cast

    Bairbre Dowling
(21 anni circa in questo film)

... Stella

    Bosco Hogan

... George Saden

Charlotte Rampling   Charlotte Rampling
(29 anni circa in questo film)

... Consuella

    Christopher Casson
(62 anni circa in questo film)

... Vecchio Scienziato

    Jessica Swift

... Apatica

    John Alderton
(34 anni circa in questo film)

... amico

    Niall Buggy

... Arthur Frayn/Zardoz

    Sally Anne Newton

... Avalow

    Sara Kestelman
(30 anni circa in questo film)

... May

Sean Connery   Sean Connery
(44 anni circa in questo film)

... Zed

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito / Irlanda

Regia

 

John Boorman

Sceneggiatura

 

John Boorman

Fotografia:

 

Geoffrey Unsworth

Colonna Sonora

 

David Munrow

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................