La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il 6° giorno

Il 6° giorno

(The 6th Day)

Film del: 2000     Genere: Azione / Fantascienza / Thriller
Durata: 123 minuti   



Trama:

In un prossimo futuro, dove ormai la clonazione è all’ordine del giorno, il governo con una legge, denominata “Sesto Giorno” in omaggio alla Bibbia, ha proibito la clonazione umana. Come tutte le leggi, anche questa viene disattesa



Vota il film!

Voto medio: 6,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il 6° giorno

Ragazzi! RAgazzi! RAGazzi! RAGAzzi! RAGAZzi! RAGAZZi! RAGAZZI! RAGAZZIIII! Non so se è chiaro, ma sono uscito esaltato dalla sala, e non perché mi hanno regalato un ombrello con il logo del film.

La trama non è per nulla banale e sfrutta delle idee abbastanza innovative. E’ ovvio che ci muoviamo comunque all’interno di un film d’azione, dai toni piuttosto esagerati, che si colloca sul confine tra scienza e fantascienza in un futuro molto prossimo.
L’eroe, questa volta, è un uomo “ordinario”, se così si può definire Schwarzenegger, catapultato in un intrigo più grande di lui. In un prossimo futuro, dove ormai la clonazione è all’ordine del giorno, il governo con una legge, denominata “Sesto Giorno” in omaggio alla Bibbia, ha proibito la clonazione umana. Come tutte le leggi, anche questa viene disattesa, seppur apparentemente a fin di bene, da una multinazionale che per errore clona il nostro eroe. A questo punto uno dei due è di troppo e va eliminato per non creare allarme nell’opinione pubblica. Indovinate un po’: Arnold non è d’accordo, visto che lui è la vittima designata.

Il film, con scene ad alta spettacolarità, presente parecchi siparietti umoristici che sfruttano la vena umoristica del colosso austriaco. Il cast è di un buon livello, ma su tutti svetta Robert Duvall, che seppur relegato in un ruolo secondario, riesce ad esprimersi ad altissimo livello.

Buona la regia, ma fantastici gli effetti speciali, con l’unica eccezione della scena del decollo/atterraggio degli elicotteri, in cui, ad un occhio esperto, appare visibile la texture del panorama artificiale. Sicuramente il lavoro più impressionante, però, non è tanto nelle scene in cui vediamo balenare laser sullo schermo, ma nel lavoro di scenografia, che ci regala una realtà futuristica molto credibile. Il pagamento attraverso impronta digitale e il frigorifero in grado di ordinare gli alimenti mancanti sono due idee che sicuramente vedremo sviluppate nel prossimo futuro.

(Valerio Salvi)



Curiosità:

La chicca: Il marchio della compagnia specializzata nella clonazione dei cuccioli, la “Re-Pet” (il cui significato è un gioco di parole tra “Ripeti” e “nuovo-cucciolo”, è stato regolarmente registrato dalla casa di produzione, chissà che non si voglia gettare nel business.



Cast

Arnold Schwarzenegger   Arnold Schwarzenegger
(53 anni circa in questo film)

... Adam Gibson

Robert Duvall   Robert Duvall
(69 anni circa in questo film)

... Dr. Griffin Weir

Michael Rooker   Michael Rooker
(45 anni circa in questo film)

... Robert Marshall

Michael Rapaport   Michael Rapaport
(30 anni circa in questo film)

... Hank Morgan

Tony Goldwyn   Tony Goldwyn
(40 anni circa in questo film)

... Michael Drucker

    Wendy Crewson
(44 anni circa in questo film)

... Natalie Gibson

Sarah Wynter   Sarah Wynter
(27 anni circa in questo film)

... Talia Elsworth

Terry Crews   Terry Crews
(32 anni circa in questo film)

... Vincent

    Colin Cunningham
(33 anni circa in questo film)

... Tripp

    Rodney Rowland
(36 anni circa in questo film)

... P. Wiley

Dati Tecnici

Nazione

 

USA / Canada

Regia

 

Roger Spottiswoode

Sceneggiatura

 

Cormac Wibberley / Marianne Wibberley

Fotografia:

 

Pierre Mignot

Colonna Sonora

 

Trevor Rabin

Produzione:

 

Phoenix Pictures

Distribuzione:

 

Columbia TriStar

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................