La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

L'Infernale Quinlan

L'Infernale Quinlan

(Touch of Evil)

Film del: 1958     Genere: Costume / Noir / Thriller
Durata: 95 minuti   



Trama:

Durante il suo viaggio di nozze, Vargas, un poliziotto messicano, assiste ad un attentato contro un ricco proprietario terriero. Affiancato dal capitano Quinlan - che Vargas alla fine intrappolerà per aver manomesso gli indizi - riuscirà a scoprire i colpevoli.



Vota il film!

Voto medio: 7,77

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: L'Infernale Quinlan

Luci e ombre da illustratore barocco, sequenze vertiginose (a cominciare dalla prima, famosissima, prodigiosa e interminabile inquadratura di quattro minuti e trenta cui Altman ha reso omaggio all’inizio dei Protagonisti), un racconto scandito come in una danza esotica da violenze improvvise, pennellate di humor nero, distorsioni del grandangolo, svolte repentine e dialoghi crepitanti che sovrappongono il proprio ritmo a quello del montaggio in una fuga inarrestabile: Welles amplifica al massimo le capacità allucinatorie e ansiogene del noir imponendogli le proprie ossessioni. La nobile bassezza degli uomini di potere, l’onnipotente ambiguità del mondo, il senso di perdita e abbandono che cresce e matura con la vita. Benchè rimaneggiata al montaggio da altri come quasi tutte le sue opere, una produzione di serie B, nelle sue mani, e nei suoi panni (quelli di una "bellisima figura carnosa, greve, impastata di machiavellismo", scrisse Italo Calvino: notare l’incredibile naso finto che indossa), diventa un affresco espressionista di una waste land di confine, un thriller frenetico di profondità scespiriane. “E' un film che un pò ci umilia - ha scritto François Truffaut - perchè è il film di un uomo che pensa molto più in fretta di noi, molto meglio e che ci getta in faccia un’immagine meravigliosa mentre siamo ancora abbagliati dalla precedente”. “Quando lo vedo e gli parlo - disse all’epoca Marlene Dietrich che deve al film una delle sue più carismatiche apparizioni - mi sento come una pianta dopo che l’hanno innaffiata”. Considerato da molti l'ultimo classico del noir, è un film da nascondere, distruggere, perchè rivela quanto poco ci dia il cinema di solito. Henry Mancini, come se non bastasse, ci aggiunge di suo uno splendido impasto di fiati e percussioni come colonna sonora.

(Mario Sesti, Massimo Sebastiani)



Cast

    Akim Tamiroff
(59 anni circa in questo film)

... 'Zio'Joe Grandi

Charlton Heston   Charlton Heston
(34 anni circa in questo film)

... Ramon Miguel 'Mike' Vargas

    Dennis Weaver
(34 anni circa in questo film)

... responsabile notturno del motel Mirador

Janet Leigh   Janet Leigh
(31 anni circa in questo film)

... Susan 'Susie' Vargas

    Joanna Cook Moore
(24 anni circa in questo film)

... Marcia Linnekar

    Joseph Calleia
(61 anni circa in questo film)

... sergente Pete Menzies

    Mort Mills
(39 anni circa in questo film)

... Al Schwartz, assistente avvocato

Orson Welles   Orson Welles
(43 anni circa in questo film)

... Hank Quinlan capitano della polizia

    Ray Collins
(69 anni circa in questo film)

... avvocato Adair

    Valentin de Vargas

... Pancho, Grandi hood

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Orson Welles

Sceneggiatura

 

Orson Welles

Fotografia:

 

Russell Metty

Colonna Sonora

 

Henry Mancini

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................