La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Tredici Variazioni sul Tema

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................



Tredici Variazioni sul Tema

(Thirteen Conversations About One Thing)

Film del: 2001     Genere: Drammatico
Durata: 94 minuti   



Trama:

Tredici storie che raccontano lo stesso avvenimento ma visto da angolazioni diverse.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Tredici Variazioni sul Tema

Spesso il destino non è come ce lo aspettiamo, spesso può bastare un particolare per cambiarlo. Spesso, a cambiare non è solo la nostra vita, ma anche quella di molte altre persone, che per un motivo o per un altro entrano in quella specie di sfera che ci circonda. Questo è il leit-motiv che si snoda lungo tutta la pellicola di Jill Sprecher. Cinque storie, cinque vite diverse l’una dall’altra: per età, sesso, status sociale, ambizioni. Eppure queste cinque vite si legheranno indissolubilmente l’una all’altra. Troy (Matthew McConaughey - Il tempo di uccidere) è un giovane ed abile avvocato newyorkese, cinico, freddo, distaccato, che mira solo al successo, ma che proprio quando crede di averlo raggiunto lo perde a causa di un incidente nel quale investe una ragazza. Walker (John Turturro – Fratello dove sei) è un accademico, monotono, abitudinario, grigio e depresso a cui la vita cambia in seguito ad un pestaggio. Beatrice (Clea DuVall – Fantasmi da Marte) è una ragazza che cerca di mantenersi facendo le pulizie presso case di ricchi signori. La sua vita, fatta di cose semplici, di innocenza e di sogni, si trasforma in seguito ad un incidente automobilistico (è la ragazza che viene investita da Troy). Gene (Alan Arkin – Edward mani di forbice) è un uomo d’affari che desidera vendicarsi di un collaboratore che, essendo troppo gioviale, gli rovina la giornata! Infine c’è Patricia (Ami Irving – Yentl), moglie di Walker a cui la vita cambia in seguito alla scoperta di una relazione del marito. I diversi personaggi, così diversi l’uno dall’altro, si incontreranno, seppure per brevi attimi, e le loro vite si modificheranno. La costruzione della sceneggiatura è molto particolare, c’è un continuo andare avanti e indietro nel tempo, ma lo spettatore lo capisce solo alla fine del film. Tutte le storie sembrano snodarsi contemporaneamente, ma in realtà si svolgono in tempi diversi: solo quando si sono raccolti tutti gli elementi per capire le varie connessioni, quindi alla fine, è possibile ricostruire anche una continuum temporale. A parte questa trovata intrigante, per il resto il film è lento, spesso si sofferma su particolari irrilevanti, altre volte su dialoghi quasi inutili. Bravi gli attori, soprattutto McConaughey, Turturro e Arkin, ma la storia spesso li tiene quasi legati, impedendo loro di esprimere quanto di meglio sanno fare. Si potevano inoltre evitare tutte quelle frasi, spesso incomprensibili, che sottolineavano, di volta in volta, il passaggio da una storia all’altra: l’unico risultato che riuscivano ad ottenere era quello di aumentare l’incomprensione dello spettatore, e mettere a dura prova la sua resistenza psico-fisica.

(Teresa Lavanga)



Cast

    A.D. Miles

... assistente

    Brian Smiar

... giudice

    David Connelly

... Owen

    Dion Graham

... difensore

    Fernando López

... difensore

    James Yaegashi

... assistente legale

    Joseph Siravo

... capo del bureau

Matthew McConaughey   Matthew McConaughey
(32 anni circa in questo film)

... Troy

    Paul Austin

... barista

    Sig Libowitz
(33 anni circa in questo film)

... assistente procuratore

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Jill Sprecher

Sceneggiatura

 

Jill Sprecher / Karen Sprecher

Fotografia:

 

Dick Pope

Colonna Sonora

 

Alex Wurman

Produzione:

 

Single Cell Pictures / Stonelock Pictures

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................