La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Sympathy for the Devil

..............................
ARTICOLI CORRELATI




02/03/2007
Videod(r)ome - Novità in dvd e riedizioni per gli appassionati


19/03/2007
One Plus One Director's Cut

..............................

Sympathy for the Devil

(Sympathy for the Devil)

Film del: 1968     Genere: Documentario
Durata: 94 minuti   



Trama:

L’idea di Godard è fare un film che alterna sequenze coi Rolling Stones che incidono in studio il celeberrimo brano del titolo, con immagini di Black Panthers che teorizzano sul significato della loro lotta. Il tutto è accompagnato da una voce fuoricampo che legge pagine da un libro di Eldridge Cleaver. Puro stile sessantottino...



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Sympathy for the Devil

Non è tra i film più famosi di Jean-Luc Godard ma di certo è tra i più leggendari: non è propriamente un documentario, né tantomeno un saggio sul ’68.
Allora come considerarlo? Un esperimento sul corpo vivo del rock, girato in un periodo storico fondamentale per i movimenti giovanili, che stavano per salire in quel momento sulla ribalta dei consumi (ma di questo ci si accorgerà dopo).

Il film ha uno svolgimento piuttosto regolare, introdotto da cartelli colorati con titoli ironici, i frammenti sono tutti piani sequenza; quelli recitati vedono all’opera alcuni militanti rivoluzionari, Black Panthers in una discarica di auto, dei reporter che, in un bosco intervistano Eva, raffigurazione della democrazia, fascisti in una libreria porno.
Le immagini degli Stones in sala d’incisione sono le più rare ed interessanti: all’epoca stavano registrando l’album Beggars Banquet, ma Godard decide di mostrarci la “nascita” di un unico brano, quella Sympathy for the devil che sentiamo mutare, crescere attraverso le infinite takes tipiche di un lavoro meticoloso.

L’effetto di straniamento è garantito dalla voce off, che per tutto il film legge stralci da alcuni romanzi, tra cui Eldridge Cleaver, teorico ed attivista proprio delle Pantere Nere.
Il cortocircuito dovrebbe innescarsi dall’opposizione di queste due visioni del mondo, ma va sottolineato che la gestualità e il linguaggio dei personaggi parodizza quelle istanze, all’epoca urgenti e sentite come necessarie.
Il prodotto finale esula dunque dal genere del documentario rock, che da Woodstock in poi avrà molte fortune, e si ritaglia uno spazio personale, lontano persino da altri materiali rollingstoniani che fotograferanno le altre facce della band, Sympathy for the devil sembra fiero di non essere né carne né pesce, garantendosi una porzione di fascino ancora oggi.

Doveroso annotare infine che la versione originale del film porta il titolo One Plus One, ma è stata rimaneggiata dal produttore Ian Quarrier che l’ha rititolata per esigenze commerciali; le differenze di minutaggio sono minime, ma Godard ha rinnegato quella versione perché le modifiche hanno influito sul piano concettuale dell’opera.

(Italo Rizzo)



Cast

    Mick Jagger
(25 anni circa in questo film)

... se stesso

Keith Richards   Keith Richards
(25 anni circa in questo film)

... se stesso

    Brian Jones
(26 anni circa in questo film)

... se stesso

    Bill Wyman
(32 anni circa in questo film)

... se stesso

    Charlie Watts
(27 anni circa in questo film)

... se stesso

Marianne Faithfull   Marianne Faithfull
(22 anni circa in questo film)

... se stessa

    Anita Pallenberg
(24 anni circa in questo film)

... se stessa

    Anne Wiazemsky
(21 anni circa in questo film)

... Eve Democracy

    Iain Quarrier
(27 anni circa in questo film)

... venditore di libri fascista

Home Video

Anno di uscita in home video: 2006

Distribuzione: Minerva Pictures

Formati audio: Stereo

Formati video: 4/3

Dati Tecnici

Nazione

 

Regno Unito

Regia

 

Jean-Luc Godard

Sceneggiatura

 

Jean-Luc Godard

Fotografia:

 

Colin Corby / Anthony B. Richmond

Produzione:

 

Cupid Productions

Distribuzione Home video:

 

Minerva Pictures

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................