La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Rachida

Rachida

(Rachida)

Film del: 2002     Genere: Drammatico
Durata: 100 minuti   



Trama:

Rachida è una ragazza che ha scelto di fare l’insegnante ad Algeri, la città in cui vive. Un giorno un gruppo di terroristi le ordinano di portare una bomba a scuola. Lei rifiuta e il capo della banda le spara allo stomaco.



Vota il film!

Voto medio: 

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Rachida

Rachida è una ragazza che ha scelto di fare l’insegnante ad Algeri, la città in cui vive. Un giorno un gruppo di terroristi le ordinano di portare una bomba a scuola. Lei rifiuta e il capo della banda le spara allo stomaco. Miracolosamente la ragazza riesce a sopravvivere, ma insieme alla madre decide di lasciare Algeri e di ritirarsi in un villaggio dove spera di poter superare le sue paure. Qui Rachida trova un altro impegno come insegnante, ma non trova la tranquillità di cui ha bisogno. I terroristi arrivano perfino lì, seminando morte e terrore. Una notte decidono di colpire e bruciare il villaggio, di rapire le ragazze più belle, di uccidere chiunque si frapponga fra loro e la riuscita del piano che si sono prefissi. Rachida riesce a fuggire e a salvare la vita di un bambino, ed il giorno dopo nonostante le minacce subite, capisce che deve andare avanti, che deve combattere per poter vivere la sua vita, che deve andare a lavoro nonostante i divieti.

L’Algeria, che fino ad un decennio fa era una nazione con una ragionevole democratizzazione in atto, vive ora una situazione di profondo disagio causato appunto dalla guerriglia fondamentalista che non ha accettato l’invalidazione delle elezioni in alcuni comuni del Paese. E’ pertanto iniziata una specie di Jiiad interna che sta letteralmente martorizzando la popolazione. A pagare il prezzo più alto di questa condizione sono ancora una volta le donne. In paesi neppure troppo poveri, con un discreto livello di alfabetizzazione, purtroppo continuano ad esistere realtà come quella di Rachida e di sua madre, se non addirittura peggiori. La condizione in cui versano le donne in questi paesi è davvero vergognosa. In nome di una fede travisata e distorta, vengono obbligate a coprirsi, mutilarsi, rintanarsi in casa, umiliarsi. Di sicuro sono stati compiuti grandi passi in avanti, ma come ci mostra questo film, le donne vengono incolpate e ripudiate dalla famiglia anche quando sono loro stesse a subire soprusi e violenze: la regista ci mostra una ragazza che nonostante sia stata rapita, maltrattata e violentata dai terroristi, viene allontanata dalla propria famiglia perché viene ritenuta responsabile di quanto le è accaduto. Il merito del film sta nel mostrare un mondo diverso dal nostro, ma in cui i sentimenti e le aspettative di Rachida non sono tanto lontani da quelli di una qualsiasi altra ragazza moderna. E in tempi come questi, in cui ogni diversità è vista come una minaccia, è una lezione che può servire.

(Teresa Lavanga)



Cast

    Ibtissem Djouadi

... Rachida

    Bahia Rachedi

... A?cha

    Rachida Messaoui En

... Zohra

    Hamid Remas

... Hassen

    Zaki Boulenafed

... Khaled

    Abdelkader Belmokadem

... Mokhtar

    Azzedine Bougherra

... Tahar

    Amel Choukh

... La mari

Dati Tecnici

Nazione

 

Algeria / Francia

Regia

 

Yamina Bachir

Sceneggiatura

 

Yamina Bachir

Fotografia:

 

Mustafa Ben Mihoub

Colonna Sonora

 

Anne-Olga De Pass

Produzione:

 

Canal+ / GAN / Ministère de la Culture de la Republique Française

Distribuzione:

 

Esse&Bi Cinematografica

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................