La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Piovono Mucche

Piovono Mucche

(Piovono mucche)

Film del: 2003     Genere: Commedia / Drammatico
Durata: 90 minuti   



Trama:

Durante il servizio civile Matteo lavorando in una comunità di paraplegici imparerà nuovi valori.



Vota il film!

Voto medio: 7,00

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Piovono Mucche

Matteo, giovane obiettore di coscienza, capita nella comunità “Ismaele”, situata nella periferia di Roma, per svolgere il servizio civile. Sarà, per lui, l’occasione per affrontare un altro tipo di realtà, quella dei paraplegici. Gli altri obiettori cercheranno di instradarlo con quel poco che hanno imparato durante il loro periodo di servizio, usando maniere poco ortodosse ma, fondamentalmente, piene di umanità. Matteo conoscerà anche Beatrice, giovane disabile, e con la quale avrà una breve storia d’amore. Una volta entrato nel meccanismo della comunità il ragazzo cercherà, insieme agli altri, di autogestire il gruppo combattendo contro l’ottusità di una direttrice tiranna, anch’essa paraplegica, e un vicepresidente troppo burocrate, fino a quando arriverà il giorno del congedo.

Questa l’idea del film Piovono Mucche di Luca Vendruscolo (Vincitore del premio Solinas nel 1996), girato in super 16mm e poi gonfiato in 35mm (standard ormai utilizzato da quasi tutto il cinema indipendente italiano), ripresa dalla sua esperienza personale durante il servizio civile. Vendruscolo riesce a parlare delle persone handicappate con un rispetto inconsueto nel panorama cinematografico, di solito è un elemento che può stimolare, da parte di chi lo gira, un naturale senso per il patetico, il semi documentaristico facendosi prendere da un ragionevole sentimentalismo. Tutto questo in Piovono Mucche non c’è, il film è schietto, genuino, frizzante, non vuole tanto denunciare ma, più che altro, raccontare in maniera divertente un mondo che fatichiamo a fare nostro. Ricordando quei giorni, infatti, il regista dice: “Tu non sai cosa vuol dire essere disabili, non potersi alzare la mattina da soli, etc., tutto questo in un anno, dai pazienti, non mi è stato mai detto, forse perché erano impegnati a risolvere altri problemi”.

Gli attori, a partire dal giovane Alessandro Tiberi, sono tutti ben calibrati, attenti ai segnali delle persone che cercano di comunicare più di quanto non lo facciamo noi, che abbiamo tutti i “mezzi” necessari. Il regista, anche se alla sua prima esperienza cinematografica, riesce a far scivolare la macchina da presa in maniera quasi impercettibile, mai forzata, riuscendo ad inquadrare un contesto, quello degli obiettori, in maniera naturale, facendo respirare il racconto e, soprattutto, sottolineando la complicità che si crea fra di loro. Se non fosse per qualche escamotage di sceneggiatura e una soluzione un po’ troppo macchiettistica attuata per alcuni personaggi il film sarebbe l’esordio più lucido di questa stagione del cinema italiano.

(Marco Massaccesi)



Cast

Alessandro Tiberi   Alessandro Tiberi
(26 anni circa in questo film)

... Matteo

    Barbara Bonanni

... Beatrice

    Domenico Battaglia

... Domenico

    Paolo Lombardi

... il dottore

    Franco Ravera

... Franco

    Guido Roncalli

... Rodovalerio

    Marcello Sanna

... Renato

    Mattia Torre

... Mercalli

    Kastriot Shehi

... Tani

Andrea Sartoretti   Andrea Sartoretti
(32 anni circa in questo film)

... Pallino

    Massimo De Lorenzo

... Corrado

    Luca Amorosino

... Moretti

Dati Tecnici

Nazione

 

Italia

Regia

 

Luca Vendruscolo

Sceneggiatura

 

Mattia Torre / Luca Vendruscolo / Massimo De Lorenzo / Filippo Bellizzi / Marco Damilano / Marco Marafini

Fotografia:

 

Luca Coassin

Colonna Sonora

 

Giuliano Taviani

Produzione:

 

Axelotil Film

Distribuzione:

 

Pablo

film film



..............................

scrivi la tua opinione

..............................