La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Million Dollar Baby

..............................
SITO UFFICIALE 1
..............................

..............................
SITO UFFICIALE 2
..............................



..............................
PREMI


oscar
Oscar 2005

Clint Eastwood   miglior regista

Hilary Swank   miglior attrice

Morgan Freeman   miglior attore n.p.

..............................



..............................
ARTICOLI CORRELATI




Un silenzio particolare 17/02/2005
L’insostenibile tenerezza dei padri
18/02/2005
Oscar? No grazie
24/02/2005
Scommesse inglesi
02/03/2005
Audience poco da Oscar


30/04/2005
David di Donatello, Le conseguenze dell’amore di Paolo Sorrentino vincitore assoluto.
08/07/2005
Nuovo film per Eastwood

..............................

Million Dollar Baby

(Million Dollar Baby)

Film del: 2004     Genere: Drammatico / Sportivo
Durata: 137 minuti   Uscito al cinema il: 18/02/2005   


“A Maggie piaceva sempre metterle tutte a tappeto al primo round...”


Trama:

E’ la storia, tragica e toccante, dell'incontro tra un anziano allenatore di pugili ed una ragazza senza fortuna che sogna di diventare campione di boxe, a tutti i costi



Vota il film!

Voto medio: 7,97

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Million Dollar Baby

“A Maggie piaceva sempre metterle tutte a tappeto al primo round”: è la voce narrante, che poi scopriamo essere quella di Scrap-Iron, interpretato da Morgan Freeman, a descrivere così il personaggio della pugile alla quale dà vita la faccia ed il corpo di Hillary Swank. Un personaggio di quelli che ti restano dentro, vuoi per la scrittura che ne delinea i tratti con la compiutezza di un romanziere di successo, vuoi per la perizia della Swank che ne enfatizza le peculiarità la cui risultanza è una miscela di forza e tenerezza che non può che suscitare amore e immedesimazione.

Lo script (ne è autore Paul Haggis che ha adattato un libro di racconti di F.X. Toole dal titolo “Lo sfidante”) è, in effetti, uno dei punti di forza dell’ultimo film di Clint Eastwood (candidato a sette premi oscar tra i quali quello per il miglior film, la miglior regia, attore ed attrice protagonista ed attore non protagonista). La sceneggiatura non è mai appesantita da parti o tratti ridondanti e superflui, sa essere essenziale come la direzione del vecchio Clint che incede nella narrazione al ritmo di una sonnecchiante pavane, senza strappi al motore e senza accelerazioni vertiginose. Ed è proprio in virtù di questo lento incedere, spesso sottolineato da un melanconico motivetto blues, che si riesce ad apprezzare la speciale alchimia che nasce tra i personaggi.

Frankie Dunn (Clint Eastwood) un allenatore di boxe ruvido come un vecchio guantone, con un passato da dimenticare, una figlia che non lo vuole più vedere ed un controverso rapporto con la fede, passa le sue giornate a studiare il gaelico; Eddie Scrap-Iron Dupris (Morgan Freeman) ex pugile al crepuscolo della sua esistenza, fac-totum nella palestra di Frankie, dotato della concreta saggezza che solo chi è sopravvissuto a 109 incontri sul ring può possedere; Maggie Fitzgerald, trentatreenne ragazza col pallino della boxe, vissuta in un luogo sperduto “tra il nulla e l’addio”, convinta che solo Frankie potrà condurla a combattere per il titolo mondiale. Tre personaggi, tre vertici di un triangolo al cui centro è posta la boxe di cui se ne insegna l’essenza e se ne snocciola la pratica filosofia. Sono perle grezze le riflessioni di Frankie e Scrap sulla boxe e sulla vita, rugose e vizze come i rapporti tra i due, stretti da un legame così invisibile, così leale. E vederli battibeccare su dei buchi nei calzini è davvero un piacere raro. Così come è un piacere, toccante, ammirare la faccetta di Hilary Swank, sorridente ed ammicchevolmente ingenua anche nelle ultime drammatiche sequenze.

Il resto sono un contorno di personaggi che puntellano chiarificando i tre protagonisti principali. L’insensibile famiglia di lei, la fauna fanfarona della palestra di Frankie, le avversarie di Maggie che cascano come mosche sotto la rapidità e la potenza dei suoi ganci. Il resto, sono piedi che si muovono frenetici a destra e a sinistra, nasi rotti e riaggiustati con un colpo di polso, sopracciglia spaccate e tamponi emostatici: tutta la fenomenologia della boxe senza farci mancare niente...

(Daniele Sesti)



Curiosità:

25° film diretto da Clint Eastwood (21° da produttore).

Hilary Swank è aumentata di 5 Kg (solo muscoli) in seguito all'allenamento specifico sostenuto per il ruolo.



Cast

Anthony Mackie   Anthony Mackie
(25 anni circa in questo film)

... Shawrelle Berry

Clint Eastwood   Clint Eastwood
(74 anni circa in questo film)

... Frankie Dunn

Hilary Swank   Hilary Swank
(30 anni circa in questo film)

... Maggie Fitzgerald

Jay Baruchel   Jay Baruchel
(22 anni circa in questo film)

... Danger Barch

    Mike Colter

... Big Willie Little

Morgan Freeman   Morgan Freeman
(67 anni circa in questo film)

... Eddie Scrap-Iron Dupris

Home Video

Anno di uscita in home video: 2005

Distribuzione: 01 Distribution

Contenuti speciali:  Trailers / Interviste / Documentario Speciale

Formati audio: Dolby Digital 5.1 / DTS

Formati video: 2.35 : 1 / Anamorfico

Dati Tecnici

Nazione

 

USA

Regia

 

Clint Eastwood

Sceneggiatura

 

Paul Haggis

Fotografia:

 

Tom Stern

Colonna Sonora

 

Clint Eastwood

Produzione:

 

Warner Bros

Distribuzione:

 

01 Distribution

Distribuzione Home video:

 

01 Distribution

...............................................
GALLERIA FOTOGRAFICA
...............................................





..............................

scrivi la tua opinione

..............................