La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:

Il Signore degli Anelli - Il Ritorno del Re

..............................
ARTICOLI CORRELATI


18/02/2005
Oscar? No grazie
02/03/2005
Audience poco da Oscar


19/08/2005
Non solo Tolkien: arriva al cinema anche lo scrittore "gemello" del creatore del Signore degli anelli

..............................

Il Signore degli Anelli - Il Ritorno del Re

(The Lord of the Rings: The Return of the King)

Film del: 2003     Genere: Avventura / Azione / Fantastico
Durata: 201 minuti   



Trama:

Terzo e conclusivo capitolo della saga di Frodo e soci. L'arrivo a Monte Fato e lo scontro sui campi di Pellenor.



Vota il film!

Voto medio: 8,21

Voto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto accesoVoto acceso


Recensione del film: Il Signore degli Anelli - Il Ritorno del Re

Se nel primo episodio della trilogia protagonista era la “Compagnia” intesa come comunità di razze diverse, anche antagoniste, unite assieme dal comune intento di sconfiggere il maligno, e se nel secondo il ruolo centrale è quello di Gollum/Smeagol, l’uomo animale dalla doppia personalità che fa la sua comparsa catalizzante diventando il protagonista indiscusso, nel terzo ed ultimo episodio della saga del Signore degli Anelli è difficile individuare un personaggio od un evento che assurga ad elemento fondamentale e portante del film. Potremmo individuarlo in Frodo, ormai arrivato alle pendici del monte Fato per compiere l’ultimo e decisivo passo verso il fuoco di Sauron, Frodo l’hobbit incontaminato che, nel finale, vediamo diafano, quasi assunto a santità, dopo essere stato anche lui assalito e travolto dalla tremenda potenza dell’Anello; o forse potremmo indicarlo in Sam, il fido servitore e amico, il portatore del portatore dell’anello, autentico eroe popolare, dotato di quella saggezza genuina comune solo a chi coltiva zucche e rinvasa i fiori del proprio giardino; o potrebbe essere Aragorn, l’uomo ramingo che finalmente si fa re, abbandonando tutti i propri dubbi esistenziali, per condurre i suoi sudditi alla epica battaglia conclusiva.

Tutti costoro avrebbero le giuste credenziali per rivendicare il ruolo di protagonista. Ma, a ben guardare, l’intento del regista Peter Jackson, è invece quello di focalizzare l’attenzione su uno dei punti di forza dell’opera di Tolkien: la coralità dei personaggi e la concatenazione degli eventi. Tutti, nel loro piccolo, sono organici e funzionali al raggiungimento dell’obiettivo. Da Gandalf il bianco, mago potente quanto fine politico, al piccolo Pipino con la sua impertinenza da bambino curioso, da Re Theoden affranto dai rimorsi, alla bionda nipote Eowyn, donna guerriera Giovanna d’Arco ante litteram, dal re degli elfi Elrond che cede alle debolezze sentimentali della figlia Arwen ricostruendo la spada spezzata, a Legolas sempre più funambolico e a Gimli il nano che fa del buon umore la sua arma migliore.

Insomma, Jackson coglie ancora nel segno e realizza con Il Ritorno del Re la degna chiusura di una trilogia che ricorderemo a lungo e che premia l’attesa dei milioni di fans in tutto il mondo. Come detto, la coralità dei personaggi e la concatenazione degli eventi sono resi ottimamente dal regista australiano con un montaggio serrato ed attento che mai fa perdere il filo della storia che spesso si frantuma in mille rivoli. Ancora una volta, le cose migliori del film sono gli effetti speciali, realistici ed impressionanti, e le scene di massa come la grande battaglia sotto le mura di Gondor, la città bianca disegnata come una città rinascimentale enfatizzata da uno spiccato gusto per la prospettiva e dalla profondità di campo spesso usata con maestria per mezzo delle frequenti e avvolgenti riprese aeree.

Ma Jackson non è solo un sapiente utilizzatore delle risorse che la Weta – la casa produttrice degli effetti speciali – gli ha messo a disposizione. Forte di una sceneggiatura solida e coerente, è anche capace di sequenze che rimangono nella memoria come la scena dei ripetuti segnali di fuoco sulle montagne o la sequenza della cattura di Frodo da parte di Shelob il ragno gigante. Perfette, anche in questo episodio, sono le maschere dei mostri fra le quali spicca quella di uno dei capitani degli orchi che molto ricorda lo straziato profilo di The Elephant Man.

Il film inizia con la storia di come l’umano Smeagol divenne il mostro Gollum a causa del ritrovamento dell’anello e finisce con la partenza degli Elfi (francamente un po’ lunga le sequenza finali dei vari commiati), passando per battaglie fra eserciti e lotte a corpo a corpo. Alla fine, dopo tanto lottare e tanto combattere, fa quasi piacere scoprire che l’amore trionfa sempre, anche nella Terra di Mezzo.

(Daniele Sesti)



FILM CORRELATI:

  • (2014) Lo Hobbit - La Battaglia delle 5 Armate

  • (2013) Lo Hobbit - La Desolazione di Smaug

  • (2012) Lo Hobbit - Un Viaggio Inaspettato

  • (2002) Il Signore degli Anelli - Le Due Torri

  • (2001) Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello

  • Cast

    Viggo Mortensen   Viggo Mortensen
    (45 anni circa in questo film)

    ... Aragorn

    Elijah Wood   Elijah Wood
    (22 anni circa in questo film)

    ... Frodo Baggins

    Ian McKellen   Ian McKellen
    (64 anni circa in questo film)

    ... Gandalf il bianco

    Sean Astin   Sean Astin
    (32 anni circa in questo film)

    ... Samwise 'Sam' Gamgee

    Dominic Monaghan   Dominic Monaghan
    (27 anni circa in questo film)

    ... Meriadoc 'Merry' Brandybuck

    Billy Boyd   Billy Boyd
    (35 anni circa in questo film)

    ... Peregrino 'Pipino' Took

    Orlando Bloom   Orlando Bloom
    (26 anni circa in questo film)

    ... Legolas Greenleaf

    John Rhys-Davies   John Rhys-Davies
    (59 anni circa in questo film)

    ... Gimli

    Sean Bean   Sean Bean
    (44 anni circa in questo film)

    ... Boromir

    Liv Tyler   Liv Tyler
    (26 anni circa in questo film)

    ... Arwin

    Christopher Lee   Christopher Lee
    (81 anni circa in questo film)

    ... Saruman

    David Wenham   David Wenham
    (38 anni circa in questo film)

    ... Faramir

    Miranda Otto   Miranda Otto
    (36 anni circa in questo film)

    ... Eowyn

    John Noble   John Noble
    (55 anni circa in questo film)

    ... Denethor

    Andy Serkis   Andy Serkis
    (39 anni circa in questo film)

    ... Gollum - Smeagol

    Ian Holm   Ian Holm
    (72 anni circa in questo film)

    ... Bilbo Baggins

    Karl Urban   Karl Urban
    (31 anni circa in questo film)

    ... Eomer

    Hugo Weaving   Hugo Weaving
    (43 anni circa in questo film)

    ... Elrond

    Cate Blanchett   Cate Blanchett
    (34 anni circa in questo film)

    ... Galadriel

        Paul Norell
    (51 anni circa in questo film)

    ... Re dei morti

        Fran Walsh

    ... Nazgul (voice)

        Lawrence Makoare
    (35 anni circa in questo film)

    ... Signore dei Nazgul

    Peter Jackson   Peter Jackson
    (42 anni circa in questo film)

    ... pirata mercenario

    Home Video

    Anno di uscita in home video: 2003

    Distribuzione: Medusa

    Contenuti speciali:  Commento del regista / Scene eliminate / Featurette / Making of / Director's Cut

    Formati audio: Dolby Digital 5.1 / DTS

    Formati video: 2.35 : 1 / Anamorfico

    Dati Tecnici

    Nazione

     

    Nuova Zelanda / USA

    Regia

     

    Peter Jackson

    Sceneggiatura

     

    Peter Jackson / J.R.R. Tolkien / Fran Walsh / Philippa Boyens

    Fotografia:

     

    Andrew Lesnie

    Produzione:

     

    New Line Cinema

    Distribuzione:

     

    Medusa

    Distribuzione Home video:

     

    Medusa

    ...............................................
    GALLERIA FOTOGRAFICA
    ...............................................





    ..............................

    scrivi la tua opinione

    ..............................