La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica




Mirko Locatelli, 'I corpi estranei' film su fragilita' uomo





13/11/2013 09:11a cura di FilmFilm.it

Un film "non sul dolore ma sulla fragilità dell'uomo, che fa diventare la malattia solo un pretesto per affrontarla". Così il regista milanese Mirko Locatelli ha presentato ieri alla stampa il suo I corpi estranei, la pellicola in concorso al Festival prodotta da Strani Film in collaborazione con Officina Film, la casa di produzione del regista e della compagna Giuditta Tarantelli.


Il film racconta la storia di Antonio, interpretato da Filippo Timi, che dall'Umbria si trova solo a Milano con il suo bambino affetto da una grave malattia, andato al Nord per cercare uno spiraglio di salvezza.






Il destino lo fa incontrare in ospedale con Jaber, quindici anni, (Jaouher Brahim) che vive a Milano con un gruppo di connazionali: è migrato in Europa da poco in fuga dal Nord Africa dopo gli scontri della primavera araba, e si trova in ospedale per assistere l'amico Youssef. L'ospedale diventa una 'città nella città' dove entrambi sono costretti loro malgrado a sostare e ad interagire.

"Siamo partiti da un'immagine che mia moglie (che è anche sceneggiatrice della pellicola, ndr) aveva in memoria da tanto tempo: un uomo, con in braccio un bimbo, in un ospedale oncologico pediatrico", ha spiegato Locatelli.
"Ci siamo confrontati sul fatto che il malato 'vero' spesso è l'adulto -ha aggiunto Giuditta Tarantelli- che si trova solo, non è assistito da nessuno: abbiamo dunque spostato l'attenzione dal bambino all'adulto per rimarcare la sua fragilità".

Oltre al concetto di fragilità, il regista ha voluto sottolineare "due parole chiave: dignità e pudore. La dignità di Antonio, eroe silenzioso, lontano dalla famiglia per proteggere suo figlio; quella di Jaber, poco più che un ragazzino, che si muove quasi sempre nel buio, come fosse a guardia del corpo, ancora vivo, del suo amico Youssef; e quella di tutti gli uomini e le donne che lottano per la sopravvivenza, propria o dei propri cari, nella corsia dell'ospedale come tra i bancali di un mercato notturno". (Adnkronos)