La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Via col Vento




Ha un secolo la Miss Rossella di "Via col vento"





04/11/2013 08:11a cura di FilmFilm.it

Il 5 novembre ricorre il centenario della nascita dell'attrice britannica. Per il ruolo al fianco di Clark Gable fece il provino a riprese già iniziate, contendendosi la parte con Paulette Goddard. Solo nel 2010 il film perse il primato mondiale degli incassi, spodestato da Avatar.


"La prima volta che misi gli occhi sulla proprietaria di questa meravigliosa, inimmaginabile bellezza fu sul palcoscenico del St. James Theatre, dove recitava in 'The mask of virtue' di Ashley Dukes. ...Al di là della sua bellezza, che era magica, aveva un portamento meraviglioso; il collo sembrava quasi troppo fragile per sostenere la testa e la reggeva con un senso di sorpresa e con quella specie di orgoglio del giocoliere che riesce a far sembrare quasi casuale un'abile mossa".





A descrivere così l'attrice Vivien Leigh era il suo secondo marito, Laurence Olivier.

Di Vivian Mary Hartley, questo era il suo vero nome, ricorre nei prossimi giorni il centenario della nascita, avvenuta in India, a Darjeeling, il 5 novembre 1913 da genitori inglesi.
Morta a soli 53 anni, il 7 luglio 1967 a Londra, per i suoi fan Vivien Leigh è anzitutto Rossella (Scarlett) O'Hara, la protagonista del celeberrimo film Via col vento, vincitore di ben otto premi Oscar, uno dei quali appunto all'attrice britannica.

Attrice teatrale più che cinematografica, spesso diretta sul palcoscenico da Laurence Olivier, Vivien Leigh interpretò relativamente pochi film, 19 in tutto, il decimo fu appunto Via col vento (Gone with the Wind), al fianco di Clark Gable, per la regia 'anche' di Victor Fleming, nel 1939.

Alla direzione, infatti, durante la produzione misero mano anche George Cukor e Sam Wood e, soprattutto, il produttore David O. Selznick, che si occupò con varia intensità anche della sceneggiatura, del montaggio e della scelta degli attori.

Nel caso di Rossella, prima che la scelta cadesse su Vivian Leigh furono provinate innumerevoli attrici tra cui Paulette Goddard, Susan Hayward, Katharine Hepburn, Carole Lombard, Jean Arthur, Tallulah Bankhead, Norma Shearer, Barbara Stanwyck, Joan Crawford, Lana Turner, Joan Fontaine, Bette Davis, Alicia Rhett (alla quale poi andò il ruolo di Lydia Wilkes) e Loretta Young, praticamente tutto il firmamento delle stelle di Hollywood.

Al momento dell'inizio delle riprese nel dicembre 1938 non si aveva ancora un nome definitivo e si dovette cominciare senza la protagonista.
Vivien Leigh ottenne un provino mentre si girava la scena dell'incendio di Atlanta.

Leggenda vuole che qual provino fosse frutto del caso e che alla fine fossero rimaste in lizza solo lei e Paulette Goddard e che quest'ultima non ebbe il ruolo perché non riuscì a dimostrare di essere realmente sposata a Charlie Chaplin, con cui conviveva, e questo per il moralista e capo della MGM, casa di distribuzione della pellicola, Louis B. Mayer era inaccettabile.

Nemmeno Vivien Leigh era sposata e conviveva con Laurence Olivier ma, a differenza della Goddard, la loro storia non era nota al grande pubblico.
I due si sposarono comunque poco tempo dopo, il 31 agosto 1940 come promesso a Mayer.

In realtà la partecipazione dell'attrice al film non fu certo 'casuale' ma fortemente voluta da Vivien Leigh che, affascinata dalla lettura dell'omonimo romanzo di Margaret Mitchell, vincitore del premio Pulitzer nel 1937, nel febbraio 1938 chiese al suo agente di segnalarla al produttore David O. Selznick che aveva organizzato un'imponente campagna pubblicitaria per trovare l'interprete adatta al ruolo della protagonista e accendere l'interesse sul film prima ancora dell'inizio delle riprese.
La segnalazione arrivò, tanto più facilmente in quanto l'agente della Leigh era anche il corrispondente londinese dell'agenzia di Myron Selznick, fratello del produttore, che volle vedere le più recenti pellicole dell'attrice, Elisabetta d'Inghilterra (1937) e Un americano a Oxford (1938), e ne rimase colpito al punto da recuperare e visionare tutti i film inglesi in cui lei aveva recitato.

Nel frattempo Laurence Olivier, forte del grande successo ottenuto negli ultimi anni in Inghilterra, e nel tentativo di sfondare anche negli Stati Uniti, partì per Hollywood dopo che il produttore Samuel Goldwyn gli propose il ruolo di Heathcliff in Cime tempestose (1939), riduzione cinematografica dell'omonimo romanzo, per la regia di William Wyler.
La Leigh ricevette un'offerta per il ruolo secondario di Isabella, che però lei rifiutò, sperando di ottenere invece il ruolo della protagonista femminile Cathy, già assegnato a Merle Oberon.

La Leigh si recò poi a Los Angeles in ottobre, in apparenza solo per stare vicino al compagno. Quando Myron Selznick, che era anche agente di Laurence Olivier, la conobbe personalmente, fu certo che aveva tutte le caratteristiche che il fratello David stava da tempo cercando per la protagonista di Via col vento, fatta eccezione per l'accento inglese, incompatibile con il personaggio di Rossella O'Hara, un'americana del Sud.

Vivien arrivò sul set il 10 dicembre 1938, mentre avvenivano le primissime riprese del film, ovvero l'incendio della città di Atlanta, e venne presentata a David O'Selznick ed a George Cukor. Fatto il provino dopo pochi giorni ottenne la parte.
Sul set Vivien Leigh litigò spesso con Clark Gable nonostante le intense scene che i due girarono insieme, al punto che l'attrice pretese il taglio in sceneggiatura di alcune scene in cui avrebbe dovuto baciarlo.

Il film richiese circa due anni di lavorazione, ripagati da quello che è unanimemente riconosciuto come il primo successo planetario di un film: la pellicola incassò complesivamente 400.176.459 dollari ma correggendo il dato in base all'inflazione l'incasso diventa di 2.700.000.000 dollari, ovvero il maggiore di tutti i tempi fino al 2010, quando venne superato da Avatar di James Cameron.

La prima del film si tenne il 15 dicembre del 1939 ad Atlanta, in Italia sarebbe arrivato circa nove anni dopo, il 3 novembre del 1948, ma con i sottotitoli.
Per sentire Miss Rossella doppiata da Ada Maria Serra Zanetti, gli italiani dovettero aspettare fino al marzo del 1950.
In molte sale della penisola il film restò in cartellone per più di un anno.

Via col vento procurò alla Leigh una immediata notorietà, un successo dal quale si difese dicendo: "Io non sono una star del cinema, Io sono un'attrice. Essere una star del cinema, solo una star del cinema, è una vita così finta, vissuta solo per finti valori e per la pubblicità. Le attrici vanno avanti per così tanto tempo e ci sono sempre ruoli meravigliosi da interpretare".

Ruoli che per Vivien, afflitta per tutta l'età adulta da un disturbo bipolare e minata da una tubercolosi mal curata, sarebbero cessati il 7 luglio 1967 a Londra, circa 27 anni dopo l'uscita di Via col vento. (Adnkronos)