La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

L'Intrepido




Amelio: '''L'intrepido' pugno allo stomaco dell'Italia senza lavoro''





05/09/2013 09:09a cura di FilmFilm.it

"Questa è una favola, una parabola un po' azzardata, da cui viene fuori il titolo, che serve per dare un pugno nello stomaco, per suscitare rabbia". Così il regista Gianni Amelio parla, del film L'intrepido, secondo italiano in concorso a Venezia e da giovedì nelle sale.


Un film, interpretato da Antonio Albanese, che veste i panni di un uomo rimasto senza lavoro che diventa 'rimpiazzo' di mestiere, sostituisce cioè chiunque debba assentarsi dal proprio impiego.






Sulla critica che si è spaccata nella proiezione stampa, con applausi ma anche da tanti 'buuuu', Amelio dice: "Credo che forse si stia perdendo una grande risorsa in noi tutti: l'ironia. Chi non ha capito che il film non è un film realistico o addirittura neorealistico, non ha capito nulla".
"Io credo che questo film sia un pugno nello stomaco proprio nei confronti di chi si rassegna", ribadisce il regista, convinto che oggi gli italiani "dovrebbero unirsi proprio per dare un 'cazzotto' a qualcuno oppure sarà difficile cambiare le cose".

Dopo la reazione contrastata del pubblico di giornalisti, critici ed accreditati della Mostra nella proiezione del mattino, Amelio viene accolto da molti applausi nella sala delle conferenze stampa al Palazzo del Casino' del Lido: "Un regista non sa mai fino a che punto il film venga colto o non colto dal pubblico ma lo spettatore è libero di cogliere quel che vuole e anzi un regista fa i film anche per restare sorpreso dalle reazioni di chi vede o intravede nella sua opera cose che lui stesso non aveva pensato di comunicare", dice Amelio.

"Il produttore (Carlo degli Esposti della Palomar, ndr) dice che questo film - aggiunge Amelio - è come una nuvola: mentre lo guardi cambia forma. Forse ha ragione. All'inizio delle riprese l'ho definito una commedia ma ora in tanti saranno pronti a smentirmi, anche se si ride in diversi momenti di questo film. C'è però pure chi si commuove e versa qualche lacrima".

E se Antonio Albanese definisce il personaggio affidatogli da Amelio il più "trasgressivo" della sua carriera, il regista ammette di avere scritto la storia di Antonio Pane "di getto, sul corpo e l'anima di questo attore che amo molto e con il quale da tempo avevo voglia di lavorare. Ho provato a scrivere un soggetto 'su misura' ma non troppo - prosegue Amelio - che mi facesse competere con il suo talento scoprendone qualche lato nuovo, scommettendo su delle sorprese. E accanto a lui ho voluto due giovani ancora sconosciuti, un ragazzo e una ragazza di vent'anni che regalassero un po' della loro innocenza agli altri protagonisti".

Si tratta di Gabriele Rendina, nel film il figlio di Antonio, Ivo, che suona molto bene il sax ma ha anche molta paura, e di Livia Rossi, nel film Lucia, una ragazza inquieta e in fuga che instaura un rapporto particolare con Antonio. A chi gli chiede se abbia scelto un finale consolatorio, Amelio risponde infine ammettendo: "Io ho bisogno di essere consolato. E non amo quelle situazioni che mi lasciano l'amaro in bocca. Anche quando ho fatto film molto più drammatici di questo alla fine c'era sempre qualche spiraglio di luce. Qui la luce a mio avviso si intravede durante tutto il film grazie alla positività del personaggio di Antonio".

Dopo L'Intrepido, Antonio Albanese tornerà al suo grande amore, il teatro.
"Vado in tournée - ha detto l'attore - perché mi manca l'incontro col pubblico, e da dicembre riprenderò il teatro con tutti i miei personaggi. Sono felice e carico dopo questa esperienza, e quindi si ritornerà al contatto con la gente. Io ho bisogno di alternare sempre un po'".

Nel film di Amelio, Albanese interpreta un uomo che di mestiere fa il 'rimpiazzo': prende, per qualche ora, il posto di chi si assenta, per ragioni più o meno serie, dalla propria occupazione ufficiale, lavorando senza sosta ed accettando situazioni al limite del paradossale.
"E' un personaggio che ahimè esiste - ha spiegato l'attore - che si appoggia su valori fondamentali che stiamo perdendo, moralità, etica, è un uomo che amo e che invidio molto e che nella sua semplicità cerca di affrontare il nostro tempo. Proprio grazie a tutto ciò lo considero il film più trasgressivo che io abbia mai fatto".

La proiezione in sala ha provocato reazioni discordanti, ma l'attore risponde con sicurezza: "La reazione di rabbia era senza dubbio voluta - ha sottolineato - E' interessante, vuol dire che abbiamo tastato dei territori diversi. Appoggiarsi in questo lavoro è una sconfitta, bisogna provare, tentare nuovi terreni". E sul bisogno di ritornare al teatro dopo il cinema, conclude con ironia: "Anche il nostro lavoro è precario, bisogna alternare perché non sai mai cosa possa succedere. Ma per dirla con Antonio Pane, il personaggio del mio film, all'occorrenza so fare anche l'operaio e l'impiegato...".(ADNKRONOS)