La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Artisti correlati:

Javier Bardem

Javier Bardem

Film correlati:

Mangia Prega Ama




Javier lospagnolo brasileiro di Mangia Prega Ama





19/09/2010 23:09a cura di Daria Castelfranchi

Javier Bardem, vincitore del Premio oscar per la Migliore interpretazione maschile in Non è un paese per vecchi; marito di Penelope Cruz da cui aspetta un figlio. Attore polivalente che ha iniziato la carriera con Pedro Almodovar, Bardem interpreta il ruolo di Felipe, l’uomo che fa riscoprire a Liz la voglia di amare. Quando arriva, ci conquista con la sua parlantina spagnola e fa segno di avvicinarci a lui: simpatico, gentilissimo e, da donna non posso fare a meno di dirlo, anche molto affascinante.







Com’è stato interpretare il ruolo di un brasiliano, per lei che è spagnolo, a Bali?
“Immagino che il mio accento brasiliano sia andato perso con il doppiaggio. Rispetto i doppiatori ma credo che qualcosa vada indubbiamente perso. Girare questo film è stato molto bello, ne avevo bisogno dopo l’esperienza intensa di Biutiful (per il quale si è aggiudicato la Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes per la Migliore interpretazione maschile ex-aequo con Elio Germano n.d.r.). Volevo fare una commedia: mi piaceva il fatto che si trattasse di una persona che ha superato un dolore, una persona reale. Ho incontrato personalmente Felipe ed è molto gentile, intelligente e attraente. Ci ho parlato anche dopo aver finito di girare il film e il vero protagonista si è reso conto che ce l’avevo messa tutta”.

Lei è fortunato perché lavora negli Stati Uniti ma anche nel suo paese (la Spagna).
“La grande fortuna è che mi offrono lavoro in due lingue. Mi piace cercare materiale umano. Mi interessava rappresentare qualcuno che ha sconfitto i suoi fantasmi. Mangia prega ama è una commedia romantica, trattata con una certa sensibilità. E’ stata fatta perché la gente trascorra ore piacevoli”.

Com’è stato lavorare con Julia Roberts?
“Ho seguito il suo lavoro per anni. All’inizio mi ha intimidito ma è una persona amabile, molto creativa e divertente, è una persona che si lancia nel vuoto. Le scene tra di noi sono state girate in modo molto aperto”. “Es un baile che ella propone”. E’ Julia che conduce le danze.

Ha mantenuto una certa linea anche dopo l’Oscar, continuando a preferire film di qualità. Riesce a mantenere questo controllo anche sugli altri aspetti della sua vita, tra cui celebrità e paparazzi?
“Meryl Streep ha detto che la tua carriera si costruisce più sui progetti che hai rifiutato che su quelli che hai accettato. Sono fortunato a lavorare. Oggi è difficile avere la possibilità di scegliere. Non riconosco questi aspetti e non gli do valore”.

Come vive il fatto di essere considerato un sex symbol?
“Queste cose sono prive di credibilità”.

Lei sta per diventare padre
“Non dico niente, solo che sono molto felice”.

Era mai stato a Bali prima di girare il film? Come ha vissuto questa esperienza?
“No, non ci ero mai stato prima e mi ha impressionato molto. Quello che è pazzesco è il rapporto della gente con la natura per via della religione. Lasciano che la natura si riprenda ciò che è suo. Alcuni posti hanno un forte impatto e una forte valenza energetica. Sembra che abbiano bisogno di tornare alle origini per capire che non sono nulla; e questo crea molta empatia con l’altro”.