La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Redacted

Le Morti di Ian Stone

L'Orribile segreto del dottor Hichcock




Videod(r)ome – Redacted di De Palma per la prima volta in dvd





23/12/2008 18:12a cura di Italo Rizzo

In vendita da dicembre per i tipi della Medusa Home Video il dvd dell’ultimo film di Brian De Palma, vincitore del Leone d’argento a Venezia 64.


Poco prima delle feste natalizie, Medusa Home Video presenta alcune interessanti uscite home video, titoli che consigliamo di recuperare anche a chi è in cerca di regali di qualità.





Il film più discusso è senz’altro Redacted, incredibilmente mai distribuito nei nostri cinema eppure doppiato in italiano, finora è stato possibile vederlo, oltre che a Venezia 2007, solo sulla tv satellitare. Benvenuta, dunque, la versione dvd per questo lavoro di De Palma che probabilmente sfigura di fronte ai suoi classici, eppure testimonia la voglia di mettersi in gioco del regista statunitense, che gira Redacted in digitale alta definizione e dà il suo punto di vista sulla guerra in Iraq, confezionando un’opera molto dinamica e dai tratti documentaristici, che però non rinuncia all’introspezione sui personaggi.
Un film certo non facile, che rischia accostando reportage, video dei terroristi e ricostruzioni più o meno accurate, fermandosi in tempo prima di diventare morboso.

E’ il vero orrore, quello di ogni conflitto, certo molto più crudo di quello che vediamo nel cinema di “genere”. Come gli altri titoli in uscita, di grande interesse per motivi diversi: Le Morti di Ian Stone di Dario Piana, italiano residente in Inghilterra, il quale concepisce un horror piuttosto singolare grazie ad un’ottima idea di partenza.
Può essere da esempio per chi crede che non siamo in grado di dirigere un certo tipo di film, e che solo alcuni paesi ne hanno “l’esclusiva”.

Un salto nel passato è d’obbligo, a tale proposito, con L’Orribile Segreto del Dr. Hichcock, di Riccardo Freda, per la prima volta in dvd. Si tratta di quel sottogenere gotico che una certa fortuna ha riscosso negli anni Sessanta e che oggi si può rivedere con piacere. Una delle curiosità del film è che Freda qui si firma Robert Hampton, come si legge nei titoli di testa, e che il tutto è stato girato nei pressi di Roma in una decina di giorni.
Artigianato, ma di buona fattura, che oggi troverà nuovi seguaci.