La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica




Il digitale in un convegno a Venezia





26/08/2008 08:08a cura di FilmFilm

"Il punto sul digitale: flessibile, interoperabile, sostenibile" è il tema del convegno internazionale che si svolgerà domenica 31 agosto, alla 65esima Mostra del Cinema di Venezia (Hotel Excelsior, Sala Tropicana 1, ore 11.30). A quanto riporta "Notizie di spettacolo", al convegno organizzato da Microcinema Digital Network saranno presenti i rappresentanti istituzionali ed esponenti della filiera cinematografica internazionale.


Interverranno ai lavori, dopo il saluto introduttivo del direttore organizzativo della Mostra del Cinema, Luigi Cuciniello, Mario Ricciardi della facoltà di Ingegneria del Cinema del Politecnico di Torinio, il presidente dell'Anec Paolo Protti, il segretario generale dell'Acec Francesco Giraldo, il presidente Fice Mario Lorini, il direttore divisione theatrical della 01 Distribution Luigi Lonigro, il segretario generale Media Salles Elisabetta Brunella, lo storico e saggista Piero Melograni. Inoltre, racconteranno le diverse esperienze internazionali sul digitale, Nick Cottis della Digital Projection, Rickard Gramfors della Digitala Hus, Donald Ranvaud per Rain Network e Silvana Molino per Microcinema Digital Network.






Obiettivo dell'incontro "Il punto sul digitale: flessibile, interoperabile, sostenibile" è quello di trovare, attraverso tre diversi percorsi di indagine, una soluzione che garantisca la circolazione del contenuto culturale in formato digitale sia in Italia che in Europa. Il primo percorso prende in considerazione l'esigenza di flessibilità dell'esercizio che vuole poter gestire autonomamente la propria sala per rispondere al meglio alle molteplici esigenze del proprio pubblico.
Il secondo muove dalla necessità di interoperabilità, per rendere gli investimenti davvero economici e i contenuti realmente circuitabili.
Il terzo, infine, tiene conto dell'urgenza di sostenibilità, affinché' l'intera filiera possa trarre vantaggi dalla ''smaterializzazione'' della copia e dalla sua trasformazione in un oggetto più accessibile, più fruibile e più efficiente. (Adnkronos)