La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Artisti correlati:

Tim Burton

Tim Burton

Johnny Depp

Johnny Depp




Jonny Depp recita ancora per Burton





21/06/2005 17:06a cura di Teresa Lavanga

Occhialoni neri, parrucca Beatles prima maniera, denti finti e ghigno beffardo, il trasformista Johnny Depp incontra di nuovo Tim Burton per una favola attesa sugli schermi americani il 15 luglio e il 7 ottobre in Italia (Warner).


Occhialoni neri, parrucca Beatles prima maniera, denti finti e ghigno beffardo, il trasformista Johnny Depp incontra di nuovo Tim Burton per una favola attesa sugli schermi americani il 15 luglio e il 7 ottobre in Italia (Warner).





E' La fabbrica di cioccolato, rilettura di Tim Burton di un classico della letteratura dell'infanzia, la favola di Roald Dahl, questa volta con Johnny Depp nei panni dell'immaginifico Willy Wonka.
Romanzo già portato sul grande schermo nel 1971 da Mel Stuart con Gene Wilder come interprete principale. Tim Burton, che dirige di nuovo il suo alter ego (Edward mani di forbice) con il quale ha firmato un contratto anche per il prossimo film, ha spiegato di essersi attenuto soprattutto alle pagine del romanzo, ma le premesse perché sotto la sua regia e l'interpretazione di Depp il romanzo di Wonka si trasformi in una favola punk e postmoderna ci sono tutte.
Nel film, si racconta del viaggio fantastico di Charlie (Freddie Highmore), un bambino povero, vincitore di uno dei cinque biglietti d'oro messi in palio da un concorso, all'interno della fabbrica di cioccolato che ha organizzato la competizione, avendo come anfitrione il magnetico e misterioso cioccolataio, in redingote e cappello a cilindro, Willy Wonka. A Charlie e agli altri fortunati bambini partecipanti, fra i quali Wonka sceglierà il suo successore, si apre un mondo di meraviglie, tra fiumi di cioccolata, giardini di dolciumi, ma anche prove da superare, sui cui vigilano gli “operai” della fabbrica, i multiformi Oompa Loompa.
Nel cast, tra gli altri, Helena Bonham Carter (Mrs. Bucket), James Fox (Mr. Salt), e gli altri bambini protagonisti, Mike Teavee (interpretato da Jordan Fry), Violet Beauregarde (Annasophia Robb), Augustus Gloop (Philip Wiegratz), Veruca Salt (Julia Winter).
Intanto, il 12 luglio, tre giorni prima del debutto in sala del film negli Stati Uniti, uscirà la colonna sonora composta da Danny Elfman per Charlie and The Chocolate Factory. La colonna sonora di Elfman unisce alle tracce esclusivamente orchestrali il pop del brano originale “Wonka's Welcome song” scritto insieme allo sceneggiatore della pellicola John August e le diverse componenti musicali delle 4 canzoni “Oompa Loompa2, “Augustus Gloop”, “Violet Beauregarde”, “Mike Teavee” e “Veruca Salt” nei quali il compositore ha utilizzato per i testi, che ha anche cantato, i versi di Dahl. «Questo è l'undicesimo film in cui ho collaborato con Danny Elfman - spiega Burton in una nota - ogni volta è stata differente e Danny è sempre un fattore importante nel racconto».
Nella Fabbrica di cioccolato, continua Burton, «è stata unica soprattutto la creazione delle canzoni Loompa. E' stato bellissimo vedere Danny lavorare nell'ambito di tanti generi musicali diversi». Per Elfman, «la parte migliore del lavoro con Tim sulla musica è stata il suo continuo destabilizzarmi suggerendomi differenti stili che non mi aspettavo di utilizzare - spiega -. Le sue idee mi hanno spesso condotto a soluzioni alle quali non avrei pensato, ma che rimangono le mie favorite. La sfida è stata dare ad ogni brano, per ogni bambino, un sapore diverso».
Ad esempio “Augustus Loop” è stata ispirata dalle grandi, sfavillanti produzioni di Bollywood -aggiunge – “Violet Beauregarde” la masticatrice di gomme, riporta a sonorità funk anni 70; “Mike Teavee”, aveva bisogno di un ritmo frenetico e iperattivo come è lui, un ragazzino da videogame, che si distrae facilmente, e “Veruca Salt”,che finisce nello scivolo dei rifiuti ha un testo che parla di teste di pesce».
Elfman e Burton hanno iniziato a collaborare nel 1985, quando il regista lo chiamò per le musiche di Pee-wee's Big Adventure, instaurando, un fruttuoso sodalizio rinnovato, tra gli altri in BeetleJuice (1988), Barman (1989), The Nightmare Before Christmas (1993), Mars Attacks (1996) e Il pianeta delle scimmie (2001).
(ANSA)