La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Schegge di April




Contenuti speciali: i commenti del cast





21/06/2005 00:06a cura di


Peter Hedges, regista





"Per molto tempo ho cercato una storia che mettesse insieme persone di diverse razze ed età in maniera credibile. Un giorno sentii di alcune persone a New York che, nel tentativo di cuocere il tacchino del Giorno del Ringraziamento si accorsero di avere il forno rotto. Così furono costretti a girare per il palazzo chiedendo a sconosciuti di usare il loro forno per cucinare. Ho pensato che questo potesse essere un buon punto di partenza. Così ho abbozzato qualcosa e me ne sono dimenticato, o almeno così ho creduto.

Nel dicembre del 1998 ricevetti una telefonata da mia madre che vive nell’Iowa. Aveva delle brutte notizie. Le avevano diagnosticato un tumore. Durante i seguenti quindici mesi, mentre si sottoponeva a radioterapia e chemioterapia, mia sorella, mio fratello ed io viaggiammo avanti e indietro per prenderci cura di lei.
Durante quel periodo, lei mi incitava a continuare a scrivere, ma era difficile. Un giorno, nel mio ufficio a Brooklyn, iniziai ad aprire alcuni file sul mio computer e mi imbattei in alcuni appunti scritti un anno prima per una storia di una ragazza con un forno rotto.
Nei miei appunti, avevo chiamato la ragazza April, come il volubile ed imprevedibile mese. Stava preparando la cena del Giorno del Ringraziamento per la sua famiglia. Quel che mi sorprese di più però era il motivo: stava cercando di costruire un ponte verso sua madre malata di cancro.

Io non sono April, e il carattere della madre è antitetico a quello della mia, che è affettuosa e gentile. Ma tutte le storie sono maturate dalla vita, e questa non ne è un’eccezione. Quello che sicuramente si sente quando una persona cara sta morendo e tu non puoi intervenire, è il forte ticchettio del tempo.

Volevo fare un film su come stiamo rimanendo senza tempo, e su come diciamo – senza parole - ‘grazie’ e ‘mi dispiace’ e ‘arrivederci’."

Patricia Clarkson, attrice
"Sapevo che non aveva mai diretto prima, ma sapevo anche quanto ci tenesse a questo lavoro. Sapevo che era intelligente. Ho lavorato con registi al debutto ed ho avuto delle esperienze fantastiche, quindi a me sembrava perfetto. Sapevo che doveva essere lui il regista di questo film."

Katie Holmes, attrice
Nel descrivere April Burns, il suo personaggio, dice: "La amo. April è molto creativa e forte. E’ una sopravvissuta. E’ giudicata dal suo aspetto e tutto il resto, e nel profondo deve affrontare tante cose. April è testarda, vuole dimostrare chi è veramente e non vuole che le si dica cosa deve fare."