La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Artisti correlati:

George Clooney

George Clooney

Film correlati:

In Amore Niente Regole




George Clooney un uomo dalla "testa di cuoio"





16/04/2008 11:04a cura di Valerio Salvi

E' a Roma quella che viene definita una delle ultime star di Hollywood: George Clooney. Artista eclettico ora attore, ora produttore ed anche regista, che ci parla del suo ultimo progetto: In Amore Niente Regole, o meglio "Leatherheads" nel titolo originale (che forse in italiano avrebbe avuto un che di antiterroristico).







In Good Night e Good Luck si è occupato esclusivamente della regia, quanto è stato difficile, in questo film, conciliare il ruolo di regista con quello di attore?
Certamente è molto difficile essere registi di se stessi. Io sono stato molto fortunato perché ho lavorato con dei bravissimi colleghi che mi hanno permesso di concentrarmi sulla mia performance.

Nel film si fa più volte riferimento alla sua età, si fa anche chiamare “nonnetto”…
Praticamente mi state dicendo che sono vecchio… in realtà ironizzo sempre sull’età, è un modo per esorcizzare la paura degli anni che avanzano inesorabilmente, che peraltro sono 46.

E’ alla sua terza esperienza registica ed ogni volta ha cambiato le carte in tavola. Stavolta si tratta di una “commedia sofisticata”, come si è trovato? Preferisce questo genere ai precedenti?
Dopo aver affrontato film molto impegnati, volevo cimentarmi in qualcosa di più leggero e divertente. Mi arrivano sempre dei copioni abbastanza seri, ma volevo qualcosa di diverso. L’ho scritto proprio qui in Italia, nella villa sul lago (di Como n.d.r.).

Il film rappresenta uno sguardo verso la cultura americana degli anni ‘20, si può parlare di memoria storica o di fascinazione al glamour di quel periodo?
Ciò che affascina è il glamour e le atmosfere dei film di hollywood degli anni '20. Probabilmente a quei tempi la realtà non era così affascinante come nei film, si moriva anche di poliomielite.

Conosciamo tutti il suo amore per l’Italia, questo vale anche per il cinema italiano? Vuole imparare la nostra lingua?
Sto facendo lezione tre volte a settimana, sono in grado di capirlo e di parlarlo un po’, ma non ancora così sicuro da cimentarmi in una conferenza stampa. Conosco e amo il cinema italiano e cerco di trarne ispirazione per i miei film.

Nei suoi film, sia che si rida o che ci si commuova, affiora sempre una certa insofferenza alla regole…
Credo che ci sia sempre bisogno di regole, ma mi piace anche vedere quando alcune persone riescono a violarle.

Sembra sempre che i suoi personaggi contengano un po’ di lei, qual’è il ruolo più interessante che ha rivestito in tutti i suoi film?
Me ne sono piaciuti molti, però il Jack Foley di Out of Sight mi è rimasto nel cuore.

Nel film la storia d’amore si conclude con il matrimonio e nella vita reale? La sua storia d’amore finirà con il matrimonio?
Ah ah ah, non sempre un film ha riscontro nella realtà, in effetti non volevo diventare un agente della CIA anche se l’ho impersonato!