La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Seta




Conferenza stampa di Seta





22/10/2007 08:10a cura di Marco Massaccesi

Michael Pitt perde l’aereo e non fa in tempo per presentare Seta alla Festa del cinema di Roma. Presenziano alla conferenza il regista Francois Giraud ed il produttore Domenico Procacci.







“Ho comprato i diritti di "Seta" subito dopo che il libro era uscito, così come avevo fatto in precedenza con Castelli di Rabbia. Ma per la gestazione del film ci sono voluti circa dieci anni. La cosa molto strana fu che il primo regista scelto era proprio Francois, ma poi per altri motivi il progetto è rimasto nel cassetto per qualche altro anno” dice il produttore Domenico Procacci.

“Dopo avere fatto The red Violin lessi Seta e mi piacque moltissimo. So che da molti non è amato. Ma in realtà è una grande sfida per un regista equilibrare la parte epica del racconto con quella più intimista di Hervé” conferma il regista Francois Giraud.
Poi continua:”Anche se ho cercato di riprendere passo per passo il libro di Baricco ci sono un paio di cose che ho tralasciato per far affiorare di più il personaggio di Helene, che mi sembrava avesse bisogno di più spazio all’interno del racconto. Per la parte principale ho scelto Michael Pitt che avevo molto ammirato in Lost Days di Gus Van Sant. Per la parte femminile, invece, stavamo ancora cercando fino a quando non ho visto Orgoglio e Pregiudizio, perciò mi sono focalizzato sulla fisicità di Keira. Gli abbiamo mandato lo script ed a lei è piaciuto molto. La parte più difficile è stata per il casting orientale, lì ci siamo affidati ad una guida”.

“Alessandro Baricco non ha mai intereferito nelle riprese e neanche nella scelta degli attori. L’unica cosa cosa che mi ha detto era su Alfred Molina: così potrò far conoscere a mio figlio il Dr. Octopus”, conclude Domenico Procacci.