La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Zui Yaoyuan De Juli - La Maggiore Distanza Possibile




22. Settimana Internazionale della Critica - Il Vincitore





07/09/2007 22:09a cura di FilmFilm.it

La Giuria della 22. Settimana Internazionale della Critica, composta da Francisco Ferriera, Karel Och e Roberto Turigliatto, ha assegnato all'unanimità il Premio "Settimana Internazionale della Critica" di 3.000 euro al Miglior Film della SIC a: Zui Yaoyuan de Juli (La Massima Distanza Possibile) di di Lin Jingjie.






La dimensione del suono come sensore di una relazione a distanza, ipotetica e suggestiva, tra un ragazzo e una ragazza, tra loro sconosciuti, uniti però dal dolente bisogno di ritrovare forza e speranza, nei giorni malinconici dell'abbandono. Un film spirituale dove gli echi di un mondo segreto servono per isolarsi da una quotidianità estranea, cercando nuovi ormeggi, in un viaggio che diventa prima di tutto il recupero della propria interiorità. Una coppia di naufraghi, immersi nel mare agitato da una vulnerabilità estrema, dove la solitudine è ammortizzata dal crescente bisogno di registrare i rumori della vita altrui e di ascoltarli, come due extraterresti caduti sulla terra. Lin Jing-jie approda a una spiaggia definitiva, dove l'incontro sembra poter accadere, lasciando però in sospeso un futuro incerto, in una visione surreale del presente in cui lo psichiatra, che attraversa trasversalmente la storia, unisce idealmente i percorsi come un "metteur en scène". E' un cinema che raccoglie la memoria di un'umanità che si spinge filosoficamente alla ricerca del suono della Via Lattea, come se racchiudesse l'essenza della vita, in un flusso temporale molto più terreno, governato dal movimento delle onde del mare, dal passaggio di un treno e dalle voci di un bosco: la maggiore distanza possibile non è tra la vita e la morte, tra le stelle e un registratore, ma è quella tra il mistero della propria esistenza e il desiderio di incontrare qualcun altro, in una sorta di sbandamento emotivo, dove suono e immagine codificano mondi paralleli e, forse, conciliabili.