La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica

Film correlati:

Amadeus

Quando l'Amore Brucia l'Anima

Pollock

Ray

Frida

La Vie en Rose

Shine

Ed Wood

Great Balls of Fire - Vampate di Fuoco

Hollywoodland




Vent'anni "d'arte" cinematografica





12/06/2007 21:06a cura di Valeria Chiari

In occasione dell'uscita di Beethoven ed io la redazione di FilmFilm ha compilato una lista di dieci film di questo ultimo ventennio ispirati alla vita di artisti celebri.


Il talento, il genio artistico è forse la qualità alla quale tutti aspirano e di cui la maggior parte di noi ama sentir parlare. Perchè è proprio attraverso la rilettura del mondo offerta da questi artisti che la normalità riesce ad assumere un senso diverso, meno noioso, meno comune. Le opere di Mozart, Beethoven, Chopin e Tchaikovsky, i dipinti di Toulouse Lautrec, Van Gogh, Artemisia o Frida Khalo, la musica di Ray Charles, Curt Cobain, The Doors, Cole Porter sono parte integrante della storia del genere umano, perchè hanno saputo in mille modi diversi raccontare, vedere ed interpretare il mondo. Seppur ultima in ordine d'arrivo, ma non per questo meno importante e creativa, la Settima Arte si è facilmente inserita in questa re-visione della storia e della realtà: grazie al proprio apporto artistico ma soprattutto al suo peculiare modo di sfruttare le proprie attitudini, ha travalicato anche lei i confini dell'immaginazione. Inventare e al tempo stesso restare fedeli all'arte e alla vita degli artisti di tutte le epoche è stata la più originale delle scommesse della cinematografia, che ha voluto affrontare senza timore il racconto del genio. Narrandolo liberamente eppure fedelmente. Come solo l'arte sa fare dell'arte.








1° - Amadeus
Diretto da Milos Forman nel 1984 il film fece razzia di Oscar (ne vinse otto) e di Golden Globes (quattro), per tacere dei BAFTA inglesi, César francesi, David italiani, Roberto danesi e Jussi finlandesi. Premi a tutti tranne all'attore principale, straordinario Tom Hulce che impegnò tutto se stesso nel ruolo, arrivando a dedicare 4 ore al giorno allo studio del pianoforte. Presentata dal punto di vista del musicista italiano Antonio Salieri, il film ripercorre la vita geniale e sregolata di Mozart. Un confronto intimo e toccante attraverso cui il primo definisce i limiti del proprio talento di fronte all'eccezionalità del secondo.

2° - Quando l'Amore Brucia l'Anima
Storia del celebre musicista e cantante country Johnny Cash e della donna che amò fin dal primo incontro, June Carter. Diretto da James Mangold (Girl Interrupted, Identity), il film è stato per lungo tempo solo un progetto: ci sono voluti 4 anni per riuscire ad ottenere i diritti della storia e altri quattro per finalizzare la sceneggiatura e dare inizio alle riprese. Candidati entrambi agli Oscar 2006, Joaquin Phoenix e Reese Witherspoon hanno cantato personalmente tutte le canzoni del film senza mai far ricorso a cantanti professionisti per il doppiaggio.

3° - Pollock
Prima prova dietro la macchina da presa dell'attore Ed Harris che, anche interprete del film, finì per collassare nel corso delle riprese a causa della tensione esercitata per la prima volta da quel difficile doppio ruolo. Si trattava infatti di raccontare la storia di una delle figure artistiche fondamentali del XX secolo, un personaggio vissuto sempre in precario equilibrio tra genio e follia. Ispirato da una monografia del pittore regalatagli dal padre solo perché ne ravvedeva una somiglianza fisica, Harris ha impiegato dieci anni di ricerche e di lavoro per riuscire a realizzarne il film.


4° - Ray
Soprannominato “The Genius”, “Ray Charles verrà ricordato sicuramente come uno dei maggiori musicisti del '900. Nato da famiglia poverissima: tirato su solo dalla madre vide morire davanti agli occhi il fratello diventando poi cieco all'età di 7 anni per un glaucoma”. Diretto da Taylor Hackford, che si assicurò i diritti della storia di Charles nel 1987, il film è interpretato da un Jamie Foxx superlativo tanto da ricevere tra gli altri, un Oscar, un BAFTA e un Golden Globe.


5° - Frida
Presentato in apertura alla Mostra del Cinema di Venezia (2002) il film diretto Julie Taymore (Titus) racconta in maniera colorata e surreale la vita di Frida Kahlo, una delle maggiori pittrici sudamericane del secolo scorso, rimasta nell'ombra fino alla metà degli anni '80. Dalla sua complicata e duratura relazione con Diego Rivera, ai suoi illeciti e controversi rapporti con Leon Trotsky, fino alla storia con una donna.


6° - La Vie en Rose
Figlia di una cantante italiana e di un saltimbanco francese, Edith Piaf è ancora oggi un simbolo importante nella storia musicale francese. Di quella donna minuscola, dalla voce potente e indimenticabile, il regista francese Olivier Dahan ne racconta la storia tragica e commovente e grazie anche ad una totale immedesimazione dell'attrice che la interpreta, Marion Cotillard, realizza un ritratto realistico che non “stona” mai, corrispondendo sia all'immagine dura e drammatica della storia vera sia a quella poetica e romantica creata dall'immaginario collettivo.

7° - Shine
Pianista d'eccezionale talento, l'australiano David Helfgott fu costretto ad abbandonare la scena e i trionfi del proprio genio a causa di gravi turbe psichiche. Nel 1984, dopo 10 anni di assenza riuscì ad affrontare nuovamente il pubblico: un ritorno trionfale che rilanciò la sua carriera. Diretto da Scott Hicks il film racconta la storia attraverso una ricostruzione a mosaico con la quale riesce a sottolineare la follia e l'agitazione interiore del protagonista, ripercorrendone il tormentato itinerario.


8° - Ed Wood
Diretto da Tim Burton il film costò molto più di tutti i film di Edward D. Wood messi insieme. La commedia biografica dedicata al regista più bizzarro di Hollywood e considerato il peggiore di tutti i tempi, è amara e ironica al tempo stesso. Una rievocazione quasi nostalgica di un artista il cui unico vero talento fu quello di realizzare eccentrici ed indimenticabili B-Movies. Martin Landau e Johnny Depp regalano dei magnifici ritratti di Bela Lugosi (vincitore di un Oscar) e del suo giovane amico cineasta che amava vestirsi da donna.

9° - Great Balls of Fire
Titolo dell'omonima canzone di Otis Blackwell che divenne celeberrima solo nella versione di Jerry Lee Lewis, il film diretto da Jim McBride si ispira alla biografia della ex moglie di Lewis, Myra Gale Brown e racconta la vicenda di uno dei padri del rock 'n roll soprannominato “The Killer” per il modo anticonformista e selvaggio con il quale si esibiva dal vivo. Nonostante Jerry Lee Lewis registrò nuovamente la celebre canzone in occasione della realizzazione del film, il cantante detestò la versione cinematografica della sua vita come aveva odiato la biografia scritta dalla sua ex.


10° - Hollywoodland
“Allen Coulter dirige il suo primo lungometraggio avvalendosi d'una robusta sceneggiatura e di un cast eccezionale”. Racconta la vicenda di George Reeves, celebre interprete del Superman degli anni '50, partendo dalla sua morte. Circostanze poco chiare sulle quali indaga un detective che nel tentativo di scoprirne il mistero ripercorre la vita d'un artista incapace di scrollarsi di dosso le soffocanti vesti del supereroe. Ben Affleck nei panni di Reeves vinse la Coppa Volpi e il Golden Globe.