La migliore risorsa italiana sul mondo del cinema
ricerca film:


Galleria fotografica




Verso la Festa del cinema seguendo le tracce che Alice semina nella città.





22/09/2006 23:09a cura di Andrea Monti

Nella prima conferenza di presentazione delle sezioni della Festa del Cinema di Roma si toglie finalmente il coperchio alla pentola di idee che muove la capitale verso il grande evento per un anno annunciato. La prima novità è quella dei mezzi di trasporto che veicoleranno presso le sale dell’Auditorium un mare di bambini in cerca di emozioni. Con autobus cittadini, treni provinciali e navette appositamente organizzate per la manifestazione, tutti potranno respirare l’aria di festa che già comincia a soffiare su Roma. Per i cinefili più restii ad attraversare o raggiungere la capitale saranno allestite arene gratuite all’aperto mentre numerosi cinema di provincia hanno aderito alla manifestazione e proietteranno i film della Festa. La parola d’ordine continua ad essere il coinvolgimento popolare: dai prezzi alle facilitazioni tutto viaggia in direzione della facilità di accesso e copiosa partecipazione.


Gianluca Giannelli e Fabia Bettini presentano la sezione “Alice nella città” organizzata in collaborazione con dieci assessorati tra comune e provincia, che vedrà la proiezione di 16 lungometraggi giudicati da centocinquanta bambini. I piccoli giurati trascorreranno nove giorni da sogno nei quali dormiranno in una struttura presso l’Auditorium per poi assegnare al vincitore una statuetta di legno con un carillon che aiuta gli adulti a tornare indietro nel tempo. Ci saranno le scuole, un blog seguirà la manifestazione ed una prima assoluta sarà proiettata su una nave che lambirà la costa laziale.





Le tematiche prevalenti nella sezione sono quelle che analizzano la famiglia, con uno sguardo che passa dal Brasile all’America per arrivare in Europa e in Italia senza dimenticare il Giappone.

Mario Sesti ribadisce l’indipendenza del progetto “Alice nella città” facendo presente che esisteva prima dell’idea della manifestazione, e che gli organizzatori sono stati coinvolti nella festa proprio per il bisogno di portare il cinema in tutte le realtà cittadine. I punti di riferimento sono quelli del Tribeca newyorkese e del festival di Hong Kong dove i film lambiscono tutto il tessuto urbano senza chiudersi all’interno di sale ad esclusivo beneficio della critica.
Alice ha aiutato la festa a radicarsi sul territorio, ora l’ambizione è quella di vedere percorrere agli altri festival il sentiero tracciato a Roma.

Il presidente della regione Enrico Gasbarra chiude la conferenza stampa ricordando il milione di euro che la provincia ha ritenuto sacrosanto investire su un progetto culturale che non si esaurirà con la fine della Festa. Le istituzioni pensano già che il treno speciale che porterà gli abitanti della provincia all’Auditorium e il tram Cicerone che attraverserà la città saranno mantenuti per veicolare la cultura sulla quale è indispensabile investire.